Categorie
Non classé

In Australia, la guerra ai no-vax è stata persa

Se Covid fosse un campo di battaglia sarebbe ancora caldo con i corpi dei non vaccinati.

Per fortuna i mandati si stanno allentando ed entrambi i fronti della guerra stanno tornando alla nuova normalità [?!?]. I non vaccinati sono gli eroi degli ultimi due anni, perché hanno permesso a tutti noi di avere un gruppo di controllo nel grande esperimento e di evidenziare le carenze dei “vaccini Covid-19”.

I non vaccinati portano con sé molte cicatrici e ferite, perché sono le persone che abbiamo cercato di spezzare mentalmente, ma nessuno vuole parlare di ciò che abbiamo fatto loro e di ciò che loro hanno costretto la “Scienza” a svelare. Sapevamo che l’immunità in declino dei vaccinati aveva lo stesso profilo di rischio della minoranza dei non vaccinati, eppure li abbiamo contrassegnati per una persecuzione speciale. Abbiamo detto che non avevano “fatto la cosa giusta per il bene comuneconsegnando il loro corpo e la loro autonomia medica allo Stato.

Molti dei cosiddetti “esperti di salute” e leader politici australiani hanno ammesso che l’obiettivo era quello di rendere la vita quasi invivibile per i non vaccinati, il che è stato moltiplicato molte volte dalla massa collettiva, con la lotta portata nei luoghi di lavoro, nelle amicizie e nelle riunioni di famiglia.

Oggi la dura verità è che nulla di tutto ciò era giustificato, perché siamo passati rapidamente dalla rettitudine alla crudeltà assoluta.

Potremmo dare la colpa ai nostri leader e agli “esperti di salute” per la spinta, ma ogni individuo all’interno della società deve essere ritenuto responsabile per essere caduto nella trappola ben congegnata.

Lo abbiamo fatto pur sapendo bene che l’opposizione di principio non ha prezzo quando si tratta di ciò che entra nel nostro corpo e ci siamo lasciati ingannare nel credere che un altro blocco inefficace sarebbe stato colpa dei non vaccinati e non della politica tossica dei vaccini inefficaci.

Ci siamo divertiti a fare dei non vaccinati il capro espiatorio perché, dopo mesi di blocco architettato da leader politici accecati dal potere, avere qualcuno da incolpare e da mettere al rogo ci faceva sentire bene.

Credevamo di avere la logica, l’amore e la verità dalla nostra parte, quindi era facile augurare la morte ai non vaccinati.

Quelli di noi che ridicolizzavano e prendevano in giro i non conformi lo facevano perché si sentivano imbarazzati dal loro coraggio e dai loro principi e non pensavano che i non vaccinati ce l’avrebbero fatta senza problemi.

Lambie, Carr, Chant, Andrews, McGowan, Gunner e le altre centinaia di persone che ricoprono ruoli di primo piano devono essere chiamati a rispondere del vilipendio dei non vaccinati in pubblico e dell’aver alimentato folle inferocite sui social media.

Le masse, le maschere naziste e i discepoli dei vaccini sono stati messi in imbarazzo “scommettendo contro” i non vaccinati, perché i mandati avevano solo il potere che noi davamo loro.

Non è stato il rispetto delle regole a porre fine al dominio di Big Pharma, di Bill Gates e delle sue numerose organizzazioni e del World Economic Forum… È stato GRAZIE alle persone che abbiamo cercato di mettere in imbarazzo, ridicolizzare, deridere e abbattere.

Dovremmo tutti cercare di trovare un po’ di gratitudine interiore per i non vaccinati, visto che abbiamo abboccato all’amo odiandoli perché la loro perseveranza e il loro coraggio ci hanno dato il tempo di capire che ci sbagliavamo.

Quindi, se mai dovessero tornare gli obblighi per la Covid o per qualsiasi altra malattia o virus, si spera che molti di noi siano svegli e vedano l’autoritarismo in ascesa che non si preoccupa del nostro benessere e si concentra piuttosto sul potere e sul controllo.

La guerra ai non vaccinati è stata persa e dovremmo essere tutti molto grati per questo.

 

Fonte: “Un pezzo di opinione di uno scrittore australiano vaccinato” — @avvocativersuacovidoriginale