Categorie
Non classé

David Martin: non chiamarlo vaccino, è un’arma

Comitato Investigativo Corona
9 luglio 2021 – Segmento con il Dr. David E. Martin
(originale EN)

Dr. Füllmich: David, mi dispiace di averti fatto aspettare. È colpa mia. È ancora lì?

Dr. Martin: Sì, ci sono.

Dr. Füllmich: Oh, bene. È un piacere rivederla.

Dr. Martin: Anche per me è un piacere.

Dr. Füllmich: Allora, credo sia meglio che si presenti. So che lei è il presidente di M-CAM International Innovation Risk Management, ma questo non dice a molti di cosa si occupa realmente?

Dr. Martin: Sì. Dal punto di vista aziendale, dal 1998 siamo il più grande promotore al mondo di beni immateriali utilizzati nella finanza, in 168 Paesi. Quindi, nella maggior parte dei Paesi del mondo, stiamo sottoscrivendo sistemi che comprendono l’intero corpus di tutti i brevetti, le domande di brevetto, le sovvenzioni federali, i registri degli appalti, i registri dell’e-government, ecc. Siamo in grado non solo di tracciare ciò che sta accadendo e chi è coinvolto in ciò che sta accadendo, ma monitoriamo una serie di interessi tematici per una varietà di organizzazioni e individui, oltre che per il nostro uso commerciale perché, come probabilmente sapete, gestiamo tre indici azionari globali che sono i più performanti indici azionari a grande e media capitalizzazione a livello mondiale. La nostra attività consiste quindi nel monitorare l’innovazione che si sta verificando in tutto il mondo e, in particolare, nel monitorare l’economia di tale innovazione, il grado di soddisfazione degli interessi finanziari, la dislocazione degli interessi aziendali, ecc. Quindi, la nostra attività è quella dell’innovazione e della sua finanza.

(Tedesco)

Dr. Füllmich: Ok, ho capito.

Dr. Martin: Quindi, ovviamente, dal punto di vista di questa presentazione, come sapete, abbiamo esaminato gli oltre 4.000 brevetti che sono stati rilasciati intorno al coronavirus della SARS, e abbiamo fatto una revisione molto completa del finanziamento di tutte le manipolazioni del coronavirus, che ha dato origine alla SARS come sottoclade della famiglia del coronavirus beta. Vorrei quindi fornirle una rapida panoramica, dal punto di vista temporale, perché non abbiamo intenzione di esaminare quattromila brevetti in questa conversazione, ma ho inviato a lei e al suo team un documento di eccezionale importanza. È stato reso pubblico nella primavera del 2020. Questo documento, che avete e che può essere pubblicato negli atti pubblici, è piuttosto critico in quanto abbiamo preso la sequenza genetica riportata, che sarebbe stata isolata come un nuovo virus, indicato come tale dall’ICTV, il Comitato Internazionale per la Tassonomia dei Virus dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Abbiamo preso le sequenze genetiche effettive che erano state segnalate come nuove e le abbiamo confrontate con i documenti brevettuali disponibili nella primavera del 2020. E quello che abbiamo trovato, come vedrete in questo rapporto, sono oltre 120 prove brevettate che suggeriscono che la dichiarazione di un nuovo coronavirus” era in realtà del tutto falsa. Non c’è nessun nuovo coronavirus. Ci sono innumerevoli modifiche molto sottili delle sequenze di coronavirus che sono state caricate, ma non è stato identificato alcun “nuovo coronavirus“. In effetti, abbiamo trovato nei registri dei brevetti sequenze attribuite alla novità, che si riferivano a brevetti richiesti già nel 1999. Quindi non solo non si trattava di una novità, ma non lo era da oltre due decenni. Ma facciamo un breve viaggio attraverso il panorama brevettuale per assicurarci che la gente capisca cosa è successo. Come sapete, fino al 1999, il tema del coronavirus e l’attività brevettuale relativa al coronavirus era applicata esclusivamente alle scienze veterinarie. Il primo vaccino mai brevettato per il coronavirus è stato effettivamente richiesto dalla Pfizer. La domanda per il primo vaccino contro il coronavirus, che riguardava specificamente la proteina S Spike, quindi la stessa cosa che, a quanto pare, abbiamo inventato in fretta e furia, è stata depositata il 28 gennaio 2000, 21 anni fa.

Dr. Martin: Quindi l’idea che siamo misteriosamente incappati nel modo di intervenire sui vaccini non è solo ridicola, è incredibile, perché Timothy Miller, Sharon Klepfer, Albert Paul Reid ed Elaine Jones, il 28 gennaio 2000 hanno depositato quello che alla fine è stato rilasciato come brevetto USA 6372224, che era il vaccino virale a proteina spike per il coronavirus canino, che è in realtà una delle molteplici forme di coronavirus. Ma come ho detto, il lavoro iniziale fino al 1999 si è concentrato in gran parte nell’area dei vaccini per animali. I due animali che hanno ricevuto maggiore attenzione sono stati probabilmente nel lavoro di Ralph Baric sui conigli e la cardiomiopatia dei conigli, che è stata associata a problemi significativi tra gli allevatori di conigli, e poi il coronavirus canino nel lavoro di Pfizer, per identificare come sviluppare candidati bersaglio per i vaccini contro le proteine S e spike, dando origine all’ovvia evidenza che né il concetto di vaccino per il coronavirus, né il principio del coronavirus stesso, come agente patogeno di interesse per quanto riguarda il comportamento delle proteine spike, è qualcosa di nuovo. In effetti, in base ai brevetti depositati, è vecchio di 22 anni.

Dr. Martin: Ciò che è più problematico, e che in realtà è il problema più grave, è che Anthony Fauci e il NIAID hanno scoperto che la malleabilità del coronavirus è un potenziale candidato per i vaccini contro l’HIV. Quindi, la SARS non è in realtà una progressione naturale di una modifica zoonotica del coronavirus. In effetti, nel 1999, Anthony Fauci ha finanziato una ricerca presso l’Università della Carolina del Nord di Chapel Hill per creare – e non si può fare a meno di lamentarsi di ciò che sto per leggere, perché proviene direttamente da una domanda di brevetto depositata il 19 aprile 2002, e avete sentito bene la data, 2002 – in cui il NIAID ha costruito un coronavirus infettivo con difetti di replicazione. Era specificamente mirato all’epitelio polmonare umano. In altre parole, abbiamo creato la SARS. E l’abbiamo brevettato il 19 aprile 2002, prima che si manifestasse la presunta epidemia in Asia, che, come sapete, è seguita di diversi mesi.

Dr. Martin: Quel brevetto, rilasciato come brevetto USA 7279327, espone chiaramente, attraverso un sequenziamento genico molto specifico, il fatto che sapevamo che il recettore dell’ACE, il dominio di legame dell’ACE-2, la proteina S-1, la proteina spike e altri elementi di quello che abbiamo imparato a conoscere come questo flagello patogeno, non solo erano ingegnerizzati, ma potevano essere modificati sinteticamente in laboratorio, utilizzando nient’altro che tecnologie di sequenziamento genico, prendendo un codice informatico e trasformandolo in un agente patogeno, o in un suo intermedio, e questa tecnologia è stata finanziata esclusivamente nei primi tempi, come mezzo per poter effettivamente sfruttare il coronavirus come vettore per distribuire il vaccino contro l’HIV.

Dr. Füllmich: Hmph…

Dr. Martin: Le lascio tradurre perché è molto materiale.

Dr. Füllmich: Ok.

(Tedesco)

Dr. Martin: Istituto Nazionale di Allergia e Malattie Infettive [NIAID].

Dr. Füllmich: Sì, grazie.

(Tedesco) Ok.

Dr. Martin: Ok. Quindi la situazione peggiora.

Dr. Füllmich: Oh, oh. (Risate)

Dr. Martin: Alla mia organizzazione è stato chiesto di monitorare le violazioni dei trattati sulle armi biologiche e chimiche, nei primissimi giorni del 2.000, ricorderete gli eventi dell’antrace nel settembre 2001, e abbiamo fatto parte di un’indagine che ha dato origine all’inchiesta del Congresso, non solo sulle origini dell’antrace, ma anche sul comportamento insolito del farmaco Ciprofloxacina della Bayer. Per tutto l’autunno del 2001, abbiamo iniziato a monitorare un numero enorme di agenti patogeni batterici e virali che venivano brevettati attraverso il NIH, il NIAID USAMRIID, il programma [dell’Istituto di ricerca medica sulle malattie infettive dell’esercito statunitense] e una serie di altre agenzie internazionali che collaboravano con loro. La nostra preoccupazione era che il coronavirus fosse visto non solo come un potenziale agente manipolabile da usare come vettore di vaccini, ma anche come un candidato alle armi biologiche. Il nostro primo rapporto pubblico su questo tema ha avuto luogo prima dell’epidemia di SARS nell’ultima parte del 2001, quindi potete immaginare quanto sia deluso di essere seduto qui, 20 anni dopo, avendo 20 anni prima segnalato che c’era un problema che si profilava all’orizzonte per quanto riguarda il coronavirus. Ma dopo la presunta epidemia, e dirò sempre presunta epidemia perché credo sia importante per noi capire che il coronavirus come agente patogeno circolante all’interno del modello virale che abbiamo, in realtà non è nuovo alla condizione umana e non è nuovo agli ultimi due decenni. In realtà fa parte della sequenza di proteine che circolano da molto tempo. Ma la presunta epidemia che si è verificata in Cina nel 2002, fino al 2003, ha dato origine a un’archiviazione molto problematica nell’aprile 2003 da parte del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti. Questo argomento è di importanza cruciale per precisare le sfumature. Perché oltre a depositare l’intera sequenza genica di quello che è diventato il coronavirus della SARS, ciò costituisce una violazione della sezione 101 del Codice degli Stati Uniti: Non si può brevettare una sostanza presente in natura. La violazione della sezione 101 del Codice degli Stati Uniti era il brevetto numero 7220852. A questo brevetto era associata anche una serie di brevetti derivati. Si tratta di domande di brevetto che sono state separate, perché riguardavano più materie brevettabili. Tra questi c’è il brevetto USA 46592703P, una denominazione molto interessante, il brevetto USA [7776521]. Questi brevetti non solo coprivano la sequenza genica del coronavirus della SARS, ma coprivano anche i mezzi per rilevarlo, utilizzando la RT-PCR. Ora, il motivo per cui questo è un problema è che, se si possiede sia il brevetto sul gene stesso, sia il brevetto sul suo rilevamento, si ha un bel vantaggio nel poter controllare al 100% la provenienza non solo del virus stesso, ma anche del suo rilevamento, il che significa avere un controllo scientifico e di comunicazione completo. E questo brevetto, richiesto dal CDC, è stato presumibilmente giustificato dal suo team di pubbliche relazioni, come se fosse stato richiesto per permettere a tutti di essere liberi di fare ricerca sul coronavirus. L’unico problema di questa affermazione è che è una bugia. E il motivo per cui è una menzogna è che l’ufficio brevetti non una, ma due volte ha respinto il brevetto sulla sequenza genica come non brevettabile, perché la sequenza genica era già di dominio pubblico. In altre parole, prima del deposito del brevetto da parte del CDC, l’ufficio brevetti ha riscontrato un’identità del 99,9% con il coronavirus già esistente e registrato nel pubblico dominio, e dopo il rifiuto dell’esaminatore dei brevetti e dopo aver dovuto pagare una multa in appello nel 2006 e nel 2007, il CDC ha superato il rifiuto dell’ufficio brevetti del suo brevetto e alla fine, nel 2007, ha ottenuto il brevetto sul coronavirus della SARS. Quindi ogni dichiarazione pubblica che il CDC ha fatto, dicendo che questo era nell’interesse pubblico, è falsificabile dalla loro stessa tangente pagata all’ufficio brevetti. Non è una cosa da poco e, come se non bastasse, hanno pagato una tassa aggiuntiva per mantenere privata la loro domanda. L’ultima volta che ho controllato, se si cerca di rendere disponibili le informazioni per la ricerca pubblica, non si paga una tassa per mantenere le informazioni private.

Dr. Martin: Vorrei poter inventare tutto quello che ho appena detto, ma tutto questo è disponibile nell’archivio pubblico dei brevetti, che ogni membro del pubblico può esaminare, e la copia pubblica, come viene chiamata nell’Ufficio Brevetti degli Stati Uniti, non ha solo le prove, ma i documenti effettivi che sono in mio possesso.

Dr. Martin: Ora, questo è di importanza critica perché i factcheckers hanno ripetutamente affermato che il nuovo coronavirus, designato come SARS-Cov-2, è in realtà distinto dal brevetto del CDC. Ecco il problema genetico e quello del brevetto: se si esamina la sequenza genica depositata dal CDC nel 2003, nel 2005 e nel 2006, si trova un’identità tra l’89 e il 99% delle sovrapposizioni di sequenza identificate in quella che viene chiamata la nuova sottoclade della SARS Cov-2. Sappiamo che la designazione principale del coronavirus della SARS, che è in realtà il clade della famiglia dei coronavirus beta, e la sottoclade che è stata chiamata SARS Cov-2, devono sovrapporsi da un punto di vista tassonomico. Non si può avere la designazione di SARS su una cosa senza che prima sia SARS.

Dr. Martin: Quindi l’insincero fact-checking che è stato fatto dicendo che in un modo o nell’altro il CDC non ha nulla a che fare con questo particolare brevetto o con questo particolare agente patogeno è al di là della credibilità letterale delle sequenze pubblicate, ed è anche al di là della credibilità quando si tratta della tassonomia dell’ICTV, perché afferma molto chiaramente che questo è in effetti un sottoclade del clade chiamato SARS coronavirus.

Dr. Martin: Ora, ciò che è importante è che il 28 aprile, e ascoltate la data molto attentamente, perché questa data è problematica, 3 giorni dopo che il CDC ha depositato il brevetto, sul coronavirus della SARS nel 2003, 3 giorni dopo, Sequoia Pharmaceuticals, una società che è stata fondata nel Maryland, Sequoia Pharmaceuticals, il 28 aprile 2003, ha depositato un brevetto in agenti antivirali per il trattamento e il controllo delle infezioni da coronavirus. Il CDC ha depositato il brevetto 3 giorni prima e il trattamento è stato disponibile 3 giorni dopo.

Dr. Martin: Ora, tenete questo pensiero per un secondo…

Dr. Füllmich: Chi è Sequoia Pharmaceuticals?

Dr. Martin: Ecco, appunto. È una buona domanda, perché Sequoia Pharmaceuticals e, in ultima analisi, Ablynx Pharmaceuticals sono entrate a far parte delle partecipazioni proprietarie di Pfizer, Crucell e Johnson & Johnson.

Dr. Füllmich: Wow!

Dr. Martin: Quindi, ponetevi una semplice domanda: come si può avere un brevetto su un trattamento per una cosa che è stata inventata 3 giorni prima?

Dr. Füllmich: Già…

Dr. Martin: Il brevetto in questione, il 7151163 del 28 aprile 2003, rilasciato alla Sequoia Pharmaceuticals, presenta un altro problema. Il problema è che è stato rilasciato e pubblicato prima che il brevetto del CDC sul coronavirus fosse effettivamente autorizzato. Pertanto, il grado di conoscenza delle informazioni da parte di queste parti è pari a zero. Non è fisicamente possibile brevettare una cosa che tratta una cosa che non era stata pubblicata, perché il CDC aveva pagato per tenerla segreta.

Dr. Martin: Questa, amici miei, è la definizione di cospirazione criminale, racket e collusione. Questa non è una teoria, è una prova. Non si può avere un’informazione nel futuro e creare un trattamento per una cosa che non esiste.

Dr. Füllmich: In ultima analisi, questo potrebbe sfociare in un caso RICO.

Dr. Martin: Questo è un caso RICO. Non è “potrebbe esplodere“, è un caso RICO. E lo schema RICO, stabilito nell’aprile del 2003 per il primo coronavirus, si è svolto esattamente secondo lo stesso programma quando abbiamo visto comparire la SARS-Cov-2, quando Moderna ha ricevuto la sequenza della proteina spike per telefono dal centro di ricerca sui vaccini del NIAID, prima della definizione della nuova sottoclade. Come si fa a trattare una cosa, prima di averla effettivamente?

Dr. Füllmich: Devo tradurre questo. Questo è… Non si può inventare, assolutamente no. (Tedesco)

Dr. Martin: …3 giorni dopo…

Dr. Füllmich: Sì, 3 giorni dopo... (tedesco)

Dr. Martin: Sì, beh, qui la situazione peggiorerà.

Dr. Füllmich: Oh, no, non può peggiorare!

Dr. Martin: Oh, invece sì. Il 5 giugno 2008, una data importante perché è il momento in cui la DARPA [Defense Advanced Research Projects Agency] negli Stati Uniti si è interessata attivamente al coronavirus come arma biologica. Il 5 giugno 2008, Ablynx, che come sapete ora fa parte di Sanofi, ha depositato una serie di brevetti che miravano specificamente a ciò che ci è stato detto essere la nuova caratteristica del virus Cov-2 della SARS, e avete sentito quello che ho appena detto, questo è il 5 giugno 2008.

Dott. Füllmich: Hanno depositato cosa?

Dr. Martin: In particolare hanno preso di mira quello che è stato chiamato il sito di clivaggio poli-basico della SARS Cov, la nuova proteina spike e il dominio di legame del recettore ACE-2, che si presume sia nuovo per la SARS Cov-2. Tutto ciò è stato brevettato il 5 giugno 2008 e questi brevetti, in sequenza, sono stati rilasciati tra il 24 novembre 2015, che era il brevetto USA 9193780, quindi quello è stato rilasciato dopo la moratoria sul guadagno di funzioni, quello è stato rilasciato dopo l’epidemia di MERS in Medio Oriente, ma quello che si scopre è che, poi, nel 2016, 2017, 2019 una serie di brevetti, che coprono tutti, non solo i filamenti di RNA, ma anche i sottocomponenti dei filamenti genici sono stati tutti rilasciati ad Ablynx e Sanofi.
E poi ci sono Crucell, Rubeus Therapeutics, Children’s Medical Corporation e innumerevoli altri, tra cui Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco, Protein Science Corporation, Dana-Farber Cancer Institute, Università dell’Iowa, Università di Hong Kong, Chinese National Human Genome Center di Shanghai, tutti identificati in brevetti depositati dal 2008 al 2017. Ogni attributo, che è stato presumibilmente pubblicato in modo univoco dall’unica pubblicazione di riferimento, il nuovo Coronavirus del pipistrello, rivela “inserzioni naturali nel sito di scissione S1/S2 della proteina spike e possibile origine ricombinante 3 del virus SARS Cov-2“, il documento che è stato utilizzato di routine per identificare il nuovo virus, sfortunatamente, se si prende in considerazione ciò che viene indicato come nuovo, si trovano 73 brevetti rilasciati tra il 2008 e il 2019 che presentano gli elementi presumibilmente nuovi nel SARS Cov-2, in particolare per quanto riguarda il sito di clivaggio polibasico, il dominio di legame del recettore ACE-2 e la proteina spike. Quindi i componenti clinicamente nuovi del virus clinicamente unico, clinicamente contagioso – sapete dove sto andando a parare, ok? Non c’è stata alcuna epidemia di SARS, perché abbiamo ingegnerizzato tutti gli elementi di questo virus, e nel 2016, il documento finanziato durante la moratoria sul guadagno di funzioni, che diceva che il coronavirus della SARS era pronto a emergere nell’uomo, scritto nientemeno che da Ralph Baric, non solo era pronto a emergere nell’uomo, ma è stato brevettato per lo sfruttamento commerciale, 73 volte.

Dr. Füllmich: Ralph Baric, credo di aver visto un video clip con un suo discorso in cui diceva esplicitamente al pubblico che si possono fare molti soldi con questo sistema.

Dr. Martin: Sì, è possibile. E lui ha fatto un sacco di soldi facendo questo.

Dr. Füllmich: Oh.

Dr. Martin: Quindi, per coloro che vogliono vivere nell’illusione che in un modo o nell’altro questa sia la fine della storia, preparatevi a una delusione ancora più grande, perché qualcuno ha saputo qualcosa nel 2015 e nel 2016 che ha dato origine alla mia citazione preferita di tutta la pandemia, e con questo non sto facendo il simpatico. La mia citazione preferita di questa pandemia è stata una dichiarazione fatta nel 2015 da Peter Daszak.

Dr. Martin: La dichiarazione fatta da Peter Daszak nel 2015, riportata nella pubblicazione della National Academies of Press del 12 febbraio 2016, e che cito:

Dobbiamo aumentare la comprensione pubblica della necessità di contromisure mediche come un vaccino contro il pan-coronavirus. Un fattore chiave sono i media e l’economia seguirà il clamore. Dobbiamo usare il clamore a nostro vantaggio, per arrivare ai problemi reali. Gli investitori risponderanno se vedranno un profitto alla fine del processo.
Peter Daszak, 2015

Avvocato Viviane Fischer: È piuttosto scioccante, perché pensavo che…

Dr. Martin: Lasciatemi leggere di nuovo. Solo perché non so se potrei perdermi nella traduzione, quindi lasciatemi andare avanti e leggerlo lentamente…

Dr. Füllmich: Sì.

Dr. Martin: … e come gli americani amano fare quando parlano a un pubblico multilingue, forse dovrei dirlo più forte.
Non lo farò.

Dobbiamo aumentare la comprensione pubblica della necessità di contromisure mediche come un vaccino contro il pan-coronavirus. Un fattore chiave sono i media e l’economia seguirà il clamore. Dobbiamo usare il clamore a nostro vantaggio, per arrivare ai problemi reali. Gli investitori risponderanno se vedranno un profitto alla fine del processo.
Peter Daszak, 2015

Avvocato Viviane Fischer: È davvero inquietante, Peter Doshi, non era quello che…

Dr. Füllmich: No, no, no: Peter Daszak.

Avvocato Viviane Fischer: Oh, Daszak.

Dr. Martin: Peter Daszak, il responsabile di EcoHealth Alliance.

Dr. Füllmich: Peter Doshi è un bravo ragazzo.

Avvocato Viviane Fischer: Sì, stavo solo…

Dott. Martin: Peter Daszak, la persona che ha corroborato in modo indipendente la teoria della fuga di virus cinese non da laboratorio, perché non c’è stata una fuga di virus da laboratorio. Si è trattato di un uso intenzionale di proteine spike come bio-arma da iniettare nelle persone per renderle dipendenti da un vaccino pan-coronavirus. Questo non ha nulla a che fare con un agente patogeno che è stato rilasciato e ogni studio che è stato lanciato per cercare di verificare una fuga di virus dal laboratorio è un depistaggio.

Avvocato Viviane Fischer: E non c’è nulla di nuovo in questo…

Dott. Martin: Niente, zero.

Dr. Martin: 73 brevetti su tutto ciò che è clinicamente nuovo. 73, tutti rilasciati prima del 2019, e vi darò la notizia bomba più grande di tutte per dimostrare che in realtà non si trattava di un rilascio di nulla, perché il brevetto 7279327, il brevetto sulla natura ricombinante di quel coronavirus “che punta ai polmoni“, è stato trasferito misteriosamente dall’Università della Carolina del Nord di Chapel Hill ai National Institutes of Health nel 2018. Ora, il problema è questo. In base alla legge Bayh-Dole, il governo degli Stati Uniti ha già una disposizione chiamata “diritto di trasferimento“. Ciò significa che se il governo degli Stati Uniti ha pagato per la ricerca, ha il diritto di beneficiare di tale ricerca su sua richiesta o a suo piacimento. Quindi, spiegateci perché, nel 2017 e nel 2018, improvvisamente il National Institutes of Health ha dovuto appropriarsi di un brevetto di cui avevano già i diritti, detenuto dalla University of North Carolina Chapel Hill. E come mai hanno dovuto presentare un certificato di correzione per assicurarsi che fosse legalmente applicabile? Perché nel primo deposito c’era un errore tipografico nel riferimento alla concessione. Quindi dovevano assicurarsi non solo di aver capito bene, ma anche che ogni errore tipografico contenuto nel brevetto fosse corretto sull’UNICO BREVETTO RICHIESTO, per sviluppare il mandato del Vaccine Research Institute, che è stato condiviso tra l’Università del North Carolina Chapel Hill e Moderna, nel novembre 2019, quando l’UNC Chapel Hill, il NIAID e Moderna hanno iniziato il sequenziamento di un vaccino a base di proteine spike, un mese prima che si verificasse un’epidemia.

Dr. Füllmich: Lei, ha tutte le prove, giusto?

Dr. Martin: Sì.

Dr. Füllmich: Ok. Quindi è tutta una questione di soldi.

Dr. Martin: È sempre stata una questione di soldi e, per rispondere a una domanda posta poco prima, il copione di questo film è stato scritto il 6 gennaio 2004.

Dr. Füllmich: 6 gennaio 2004, chi ha scritto il copione?

Dr. Martin: Merck. In una conferenza intitolata “SARS e bioterrorismo“.

Dr. Martin: Bioterrorismo, Malattie Infettive Emergenti, Terapeutici Antimicrobici e Modulatori Immunitari, Merck ha introdotto il concetto di ciò che ha chiamato “The New Normal“, sostantivo proprio, “La Nuova Normalità“, che è il linguaggio che è diventato il marchio della campagna, adottato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il Global Preparedness Monitoring Board, il consiglio di amministrazione del quale facevano parte il direttore cinese del controllo delle malattie, il dottor Elias della Fondazione Gates di Bill Gates e Anthony Fauci, ma la prima introduzione della campagna “The New Normal”, che riguardava l’accettazione [imposizione] di un vaccino universale contro la pan-influenza e il pan-coronavirus, è stata adottata il 6 gennaio 2004. Quindi è in circolazione da molto tempo. Non intendo soffermarmi su altri punti, se non per dire che era molto chiaro che Merck sapeva che, purtroppo, Moderna sapeva che sarebbe stata messa in prima linea per lo sviluppo di un vaccino nel marzo del 2019. E questa è una data molto importante. Perché nel marzo del 2019, per ragioni non trasparenti, hanno improvvisamente modificato una serie di depositi di brevetti respinti. Si tratta di un comportamento molto bizzarro, ma hanno modificato una serie di depositi di brevetti per fare riferimento in modo specifico a un rilascio intenzionale o accidentale, scusate, il loro termine, “rilascio deliberato” di coronavirus. Così, a marzo, hanno emendato 4 domande di brevetto fallite per iniziare il processo di sviluppo di un vaccino contro il coronavirus, e hanno iniziato ad affrontare un problema molto significativo che avevano, ovvero che si basavano su una tecnologia che non possedevano. Due società canadesi, la Arbutus Pharmaceuticals e la Acuitas Pharmaceuticals, possiedono il brevetto sull’involucro della nanoparticella lipidica, necessaria per iniettare il frammento di mRNA, e questi brevetti sono stati rilasciati sia in Canada che negli Stati Uniti e in tutto il mondo e sono equivalenti a livello di proprietà intellettuale. Moderna sapeva di non possedere i diritti e ha iniziato a cercare di negoziare con Arbutus e Acuitas per ottenere la risoluzione della tecnologia brevettata delle nanoparticelle lipidiche da inserire in un vaccino e, come ho detto prima, a novembre ha stipulato un accordo di ricerca e sviluppo cooperativo con la UNC Chapel Hill per ottenere la proteina spike da inserire nella nanoparticella lipidica. In questo modo hanno avuto un candidato vaccino prima di avere un agente patogeno, presumibilmente, in circolazione. Ciò che rende questa storia più problematica, al di là della sua natura evidente, è che sappiamo che dal 2016 al 2019, in ogni riunione del consiglio consultivo del NIAID, Anthony Fauci si è lamentato del fatto che non riusciva a trovare un modo per far accettare il vaccino universale contro l’influenza, che era il suo obiettivo preferito. Stava cercando di convincere la popolazione a impegnarsi in questo processo, e ciò che diventa molto evidente con Peter Daszak, EcoHealth Alliance, UNC Chapel Hill e altri, e poi, più specificamente, nel marzo del 2019, nei depositi emendati del brevetto Moderna, vediamo che c’è una rivelazione che dice:

Cosa succederebbe se ci fosse un rilascio accidentale o intenzionale di un agente patogeno respiratorio

e ciò che rende questa frase particolare problematica è che è esattamente recitata nel libro, A World At Risk (Un mondo a rischio), che è lo scenario messo insieme dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel settembre del 2019, quindi mesi prima del rilascio di un presunto agente patogeno, che dice che dobbiamo avere una

esperienza globale coordinata di un rilascio di un agente patogeno respiratorio, che entro settembre 2020 deve mettere in atto una capacità universale di relazioni pubbliche, di gestione, di controllo della folla e di accettazione di un mandato vaccinale universale.

Era il settembre del 2019, e il linguaggio di un “rilascio intenzionale di un agente patogeno respiratorio” era scritto nello scenario che “deve essere completato entro settembre 2020“.

Dr. Wodarg: Questo era un testo di (incomprensibile), che era a capo di questa commissione, vero?

Dr. Martin: Beh, questa è la dichiarazione unificata del Global Preparedness Monitoring Board. Ci sono diverse persone che si sono prese il merito e poi si sono tirate indietro, ma sì, ha ragione.

Dr. Wodarg: Ho ragione anche quando dico che il recettore ACE-2 era già descritto nei brevetti prima del 2019?

Dr. Martin: Sì, abbiamo 117 brevetti che riguardano specificamente il meccanismo di targeting del recettore ACE-2 per il coronavirus della SARS.

Dr. Wodarg: Quindi, perché si dice sempre che questa è la novità del virus?

Dr. Martin: No, non è una novità e non è stata nemmeno lontanamente una novità. Si trova in pubblicazioni che risalgono al 2008, nelle conferenze sull’armamento che si sono svolte in Slovenia, in Europa, in tutta Europa e in tutta l’infrastruttura DARPA. Ne siamo a conoscenza dal 2013, si tratta di isolamento e amplificazione.

Avvocato Viviane Fischer: E la modifica apportata da Merck alle domande di brevetto respinte riguardava solo il fatto che è stato deliberatamente immesso nell’ambiente o altro, o hanno aggiunto altro?

Dr. Martin: Beh, si tratta di 4 domande di brevetto fallite che sono state essenzialmente rivitalizzate nel marzo del 2019, e si trattava di Moderna – mi sono espresso male. Ho parlato di Merck, ma era Moderna e ho cercato di correggere. Mi dispiace che non si sia capito, ma sono le domande di brevetto di Moderna che sono state emendate nel marzo 2019, per includere il linguaggio “rilascio deliberato di un agente patogeno respiratorio“.

Avvocato Viviane Fischer: Non è stato respinto per qualche motivo, erano solo … tenuti fermi lì in pratica?

Dr. Martin: No, hanno un processo simile a quello di altre aziende farmaceutiche, in cui le domande sono evergreen e vengono continuamente modificate per godere delle prime date di priorità disponibili, ma è per questo che bisogna tornare indietro e guardare i documenti di modifica della domanda per scoprire quando è stata inserita il linguaggio di modifica. Ma sì, voglio dire, il fatto è che, come ho detto, non intendo dilungarmi su tutti i dati brevettuali, ma qualsiasi affermazione che questo agente patogeno sia in qualche modo unico o nuovo cade a pezzi sulla base delle sequenze genetiche effettive che sono pubblicate nel fascicolo brevettuale, e cade a pezzi in modo ancora più evidente nel fatto che lo stesso Peter Daszak ha dichiarato che dobbiamo

creare clamore nell’opinione pubblica per far accettare al pubblico la contromisura medica di un vaccino contro il pan-coronavirus.

E ciò che rende tutto ciò più ridicolo è il fatto che, come sappiamo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il coronavirus, ehm, una specie di interesse morto, morto. Cioè, avevano detto che avevamo eradicato il coronavirus come preoccupazione. Allora perché, dopo averlo debellato nel 2007 e nel 2008, abbiamo iniziato a spendere miliardi di dollari a livello globale per un vaccino per una cosa che era stata debellata per dichiarazione nel 2008? Insomma, ha dell’incredibile, per usare un eufemismo.

Dr. Füllmich: Non significa anche che, se si prende la totalità delle prove, questo è uno strumento, il coronavirus e i vaccini, questo è uno strumento e nell’interesse della DARPA di creare un’arma biologica da questo, questo è uno strumento per tutto il resto che si aggancia a questo, compreso il controllo della popolazione, per esempio?

Dott. Martin: Beh, ascoltate, dobbiamo smetterla di cadere nella narrazione mainstream anche nella nostra stessa linea di argomentazione, perché il fatto è che questa [i coronavirus] era vista come un’arma biologica altamente malleabile.
Non c’è dubbio che, nel 2005, fosse indiscutibilmente un’arma di elezione e l’illusione in cui, purtroppo, continuiamo a vedere intrappolate [anche] persone con ottime intenzioni, è quella di discutere se stiamo facendo un vaccino per un virus.

Il fatto è che stiamo iniettando una sequenza di mRNA di una proteina spike, che è una simulazione al computer, non deriva dalla natura, ma è una simulazione al computer di una sequenza conosciuta e brevettata da anni, e quello che sappiamo è che quella sequenza, così come è stata presentata, è stata riportata attraverso cose come le conversazioni telefoniche molto attendibili che hanno avuto luogo tra Moderna e il centro di ricerca sui vaccini per sentito dire, dove, non so, se sei in una telefonata e hai sentito “A T D C G G T T C G A B B …” c’è qualche possibilità che tu possa avere una lettera, un valore, una consonante lasciata cadere qui o là? …

La natura ridicola della storia, che questo sia in qualche modo profilattico o preventivo, si scontra con il cento per cento delle prove, perché le prove rendono abbondantemente chiaro che non c’è stato alcuno sforzo da parte di alcuna azienda farmaceutica per combattere il virus.
Si tratta di far iniettare alle persone la proteina spike S1, notoriamente nociva.
La storia di copertura è che se si ottiene l’espressione di una proteina spike si otterrà una sorta di sollievo sintomatico generale, ma il fatto è che non c’è mai stato l’intento di vaccinare una popolazione come definita nel mondo vaccinale, ed è importante.

Voglio dire, rivediamo per la cronaca quando Anthony Fauci ha cercato disperatamente di far pubblicare alcuni dei suoi “vaccini a mRNA sintetico“: i suoi brevetti sono stati respinti dall’ufficio brevetti, e voglio leggere ciò che l’ufficio brevetti gli ha detto quando Anthony Fauci del NIAD pensava di poter far brevettare un vaccino di tipo mRNA come vaccino, ed ecco la citazione:

Queste argomentazioni sono convincenti nella misura in cui un peptide antropogenico stimola una risposta immunitaria che può produrre anticorpi che si legano a un peptide o a una proteina specifici, ma non sono convincenti per quanto riguarda un vaccino.

Ok, questo è l’ufficio brevetti, non è una sorta di agenzia per la salute pubblica, è l’ufficio brevetti:

La risposta immunitaria prodotta da un vaccino deve essere più di una semplice risposta immunitaria, ma deve essere anche protettiva. Come già osservato nella precedente azione dell’ufficio, l’arte riconosce come termine vaccino un composto che previene l’infezione. Il richiedente non ha dimostrato che il vaccino rivendicato all’istanza soddisfi anche solo lo standard più basso indicato nelle specifiche, per non parlare della definizione standard per essere operativo nei suoi confronti. Pertanto le rivendicazioni cinque, sette e nove non sono operative, come vaccino anti-HIV.

Che è ciò [vaccino anti-HIV] su cui stava lavorando, non è un’utilità brevettabile.
Quindi Anthony Fauci stesso si è sentito dire dall’ufficio brevetti che ciò che stava proponendo come vaccino non soddisfa quello standard brevettabile, quello standard legale o quello clinico.

Professor Schwab: Oh. Possiamo tradurre questo per il nostro pubblico? Potrebbe essere molto importante.

Dr. Füllmich: Questo è, questo è, a proposito, David, questo è il nostro amico, Martin Schwab, il professor Martin Schwab dell’Università di Bielefeld, il nostro più importante consulente legale. È molto acuto.

(Tedesco)

Dr. Füllmich: So che, David, so che molti dei nostri spettatori sono davvero scioccati. Lo vedo dalle risposte. Uno dei nostri telespettatori è il nostro specialista di test PCR. La professoressa Ulrike Kämmerer. Non riesce a credere a quello che sta succedendo.

Dr. Martin: Beh, la triste e misera ironia è che ho sollevato questi problemi a partire dal 2002, dopo l’allarme antrace, e la tragedia è che ora ci troviamo in un mondo in cui centinaia di milioni di persone vengono iniettate con una sequenza computerizzata che stimola gli agenti patogeni e che viene venduta con quello che l’ufficio brevetti, la professione medica e la FDA, nei suoi standard clinici, non suggerirebbero essere un vaccino, ma usando questo termine, in realtà stiamo sottoponendo centinaia di milioni di persone a quella che nel 2005 era nota come un’arma biologica.

(Tedesco)

Dr. Martin: Quindi, ovviamente, ho centinaia di ore di queste cose impressee a memoria perché lo faccio da due decenni, ma se avete domande, sarò felice di rispondere.

Dr. Füllmich: Sono sicuro che ci saranno centinaia di domande, David, ci terremo in contatto. Penso che sarete sommersi dalle persone, dalle e-mail delle persone, ecc. Inoltrerò quello che arriva, o inoltreremo quello che arriva, ma credo che, oh sì, abbiamo Martin Schwab. Probabilmente ha una domanda molto seria.

Prof. Schwab: E dopo di me, anche Wolfgang. Ok, sono un avvocato, professore della facoltà di legge, qui a Bielefeld, e devo dirvi che le unità di protezione costituzionale del Ministero degli Interni osservano la cosiddetta scena dei negazionisti di Corona, i negazionisti di Corona sono tutti coloro che osano dissentire…

Dr. Füllmich: … con la linea ufficiale.

Professor Schwab: Se questa unità di protezione costituzionale si accorge di me, che partecipo alla discussione sul fatto che questa pandemia è stata messa in scena intenzionalmente, probabilmente cercheranno di licenziarmi dal mio lavoro, quindi devo almeno fare qualche domanda. Mentre la sentivo parlare, ho dato un’occhiata al numero di brevetto … 7220852 e 7151163 e 7220852 è stato depositato in aprile, 12 e 715… e così via è stato depositato il 28 aprile 2004. Differenza di 16, non tre giorni. Cosa ho frainteso?

Dr. Martin: Il 23 aprile 2003 era la data di deposito del Master CDC.

Prof. Schwab: Ok, ok. Faccio questa domanda perché se cercano di licenziarmi dal mio lavoro, devo fornire prove solide.

Dr. Martin: No, abbiamo, abbiamo inviato tutto questo a – so che il dr. Füllmich, ha l’intera documentazione nel Dossier Fauci, il 100% di questa documentazione è lì dentro. L’addendum aggiuntivo che ho inviato contiene tutti i documenti, comprese le date di deposito delle priorità e le date di emissione. Quindi il 100% di questa documentazione si trova nei documenti scritti pubblicati e voi avete i documenti scritti.

Dr. Füllmich: Ho creato un mio fascicolo personale, che è intitolato a David Martin.

Prof. Schwab: Ok, c’è … ho fatto un’analisi dei resoconti dei media qui e posso confermare che danno un resoconto molto unilaterale sulla pandemia. Chiunque osi dichiarare che la minaccia è meno pericolosa di quanto faccia il governo viene denunciato come teorico della cospirazione, peccatore e così via. Quindi i media hanno fatto esattamente quello che avete sottolineato nella frase che avete ripetuto due volte. Ora, in realtà, ci raccontano la storia della variante Delta, che si dice essere molto più contagiosa di tutto il resto. Gli esperti con cui ho parlato (incomprensibile), mi hanno anche detto che i database contengono ben 40.000 ceppi di virus…

Dr. Martin: Esatto.

Prof. Schwab: Quindi, questa variante Delta potrebbe essere una sorta di montatura mediatica di cui ci ha parlato?

Dr. Martin: Non esiste una variante Alfa o Beta, o Gamma, o Delta. Si tratta di un mezzo attraverso il quale, ciò che si cerca disperatamente, è un modo in cui gli individui possono essere costretti ad accettare qualcosa che altrimenti non accetterebbero. In nessuno degli studi pubblicati su quella che è stata definita la variante Delta, non è stato riportato “la popolazione non è calcolata“, ovvero il tasso di replicazione effettivo. Ciò che è stato stimato sono le simulazioni al computer. Ma sfortunatamente se si guarda a GISAID, che è la fonte pubblica per caricare una qualsiasi delle numerose varianti, si scopre che non c’è stata alcuna capacità di identificare una sequenza genica clinicamente alterata, che ha poi una variazione clinicamente espressa. E questo è il problema da sempre. Questo è il problema che risale all’inizio di quella che si presume essere una pandemia: non abbiamo alcuna prova che l’alterazione della sequenza genica abbia un qualsiasi significato clinico. Non c’è stato un solo articolo, pubblicato da nessuno, che abbia effettivamente stabilito che tutto ciò che è stato introdotto dopo il novembre 2019 si distingua clinicamente da tutto ciò che è precedente al novembre 2019. Il problema dei 73 brevetti che ho descritto è che questi 73 brevetti contengono tutti ciò che è stato “segnalato come nuovo“, rispettivamente nel dicembre e nel gennaio del 2019 e del 2020. Quindi il problema è che anche se accettassimo l’esistenza di polmoniti idiopatiche, anche se accettassimo l’esistenza di una serie di sintomi indotti da agenti patogeni, non abbiamo una sola prova pubblicata che ci dica che qualcosa della sottoclade SARS Cov-2 si distingua clinicamente da tutto ciò che era noto e pubblicato prima del novembre 2019 in 73 brevetti risalenti al 2008.

Avvocato Viviane Fischer: Potrebbe essere che la variante Delta, in un certo senso, sia… che solo le differenze, sa, che i sintomi clinici sono gli stessi ma che ha la capacità di infettare qualcuno che è già passato, che è già passato attraverso la variante B? Beta …

Dr. Martin: Allora, è qui che vediamo un’enorme quantità di reazioni e comportamenti riflessivi al clamore dei media. Non c’è, e lo ripeto, nessuna prova che la variante Delta sia in qualche modo distinta da qualsiasi altro elemento del GISAID. Il fatto che ora stiamo cercando una cosa, non significa che sia una cosa, perché stiamo cercando frammenti di cose. E il fatto è che, se scegliamo un frammento qualsiasi, domani potrei trovare la variante Omega.

Dr. Füllmich: Sì.

Dr. Martin: Potrei trovare la variante Omega e dire che sto cercando questo sottofilamento di DNA o di RNA, o anche di una proteina, e potrei correre in giro per il mondo dicendo: “Oh mio Dio, che paura, la variante Omega!“.

Dr. Wodarg: Sì.

Dr. Martin: Il problema è che, a causa della natura del modo in cui attualmente sequenziamo i genomi, che è in realtà un processo di composizione, quello che in matematica chiamiamo “interleaving” [intercalare], non abbiamo alcun punto di riferimento per sapere se la cosa che stiamo osservando sia effettivamente distinta in senso clinico o genomico. E così siamo intrappolati in un mondo in cui, sfortunatamente, se si va a vedere, come ho fatto io, i documenti che hanno isolato la variante Delta e ci si chiede se la variante Delta sia qualcosa di diverso dalla selezione di una sequenza in uno spostamento sistematico di un’altra sequenza già rivelata, la risposta è: è solo un’alterazione nel momento in cui si inizia e si interrompe quella che si chiama la cornice di lettura, non c’è nulla di nuovo, nulla. Sì, Wolfgang…

Dr. Wodarg: (Tedesco)

Dr. Füllmich: David, farò una lunga storia, molto breve. È pienamente d’accordo con la tua analisi, comprende la tua angoscia per averne parlato al mondo 20 anni fa, ammira la tua tenacia e ti è estremamente grato per aver affrontato il problema da vicino attraverso la legge sui brevetti. Lui, il dottor Wodarg, ritiene che i brevetti siano davvero problematici perché si scopre che è probabilmente cinque volte più costoso brevettare i farmaci piuttosto che far sì che le università pubbliche, non pubbliche-private, ma pubbliche, ricevano gli stipendi e il denaro di cui hanno bisogno per sviluppare questi vaccini.

Dr. Martin: Sì, lasciatemi… Farò una cosa molto ingiusta. Ma terrò il documento, molto vicino alla camera, e solo a scopo rappresentativo, ma voglio che vediate che questo è, questo è il, questo è il brevetto Baric che, che l’NIH doveva farsi restituire per motivi misteriosi nel 2018, questo è il 7279327 e le persone possono cercarlo da sole. Ma se si esaminano effettivamente le sequenze brevettate, e questa è una delle cose che abbiamo fatto, abbiamo esaminato le sequenze pubblicate e ci siamo resi conto che, a seconda del punto in cui si taglia la stringa di sequenza effettiva, si avrà la stessa cosa o una cosa diversa, basata solo sul punto in cui si decide di analizzare il frammento. E voglio leggervi, voglio leggervi, voglio dire, questo è qualcosa che proviene direttamente dalla loro domanda di brevetto. Quando parlano dei filamenti di DNA, che chiamano numeri identificativi della sequenza, dicono espressamente che l’organismo è una sequenza artificiale. Una sequenza artificiale, nel senso che non è una sequenza che ha una regola basata sulla natura. Non è qualcosa che si è manifestato per una particolare proteina o sequenza di mRNA di derivazione naturale che è stata isolata. Ognuna di queste è infatti una sequenza sintetica, artificiale. E se si torna indietro e si esamina ognuna di esse, come abbiamo fatto, si scopre che le sequenze sono in realtà contigue in molti casi, ma si sovrappongono in altri, dove si tratta semplicemente di una determinazione a capriccio che dice che qualcosa è o non è parte di una cornice di lettura aperta, o è o non è parte di una particolare sequenza oligonucleotidica. Ora, il motivo per cui questo è importante è che se vogliamo esaminare ciò che alla fine viene iniettato negli individui, abbiamo bisogno della sequenza esatta. Non una sequenza simile, ma la sequenza esatta. E se si considerano i requisiti della FDA, dell’ambiente normativo europeo e del resto del mondo, per ragioni che non possono essere spiegate, l’esatta sequenza che è stata utilizzata per l’amplificazione all’interno dell’iniezione sembra essere inafferrabile. Sembra che qualcuno non possa affermare con una certezza del 100% che la sequenza è X. Il problema che si presenta è che in questo momento, per quanto ci venga detto che sono in corso studi clinici e altre cose, non abbiamo modo di verificare che una sequenza completa sia stata, sia o potenzialmente possa essere prodotta in quella che alla fine diventa la nanoparticella lipidica che è la frequenza di trasporto in cui viene somministrata l’iniezione. È importante che la gente capisca che già nel 2002, e fino al deposito dei brevetti del 2003, e poi i brevetti di uso come bio-arma iniziati nel 2008, in ognuno di questi casi i frammenti sono identificati, ma sono identificati senza specificità. Quindi non abbiamo estremità terminali dirette dei frammenti, ma frammenti che hanno, come dire, vuoti ipotizzati in cui si può inserire qualsiasi cosa. E questo è il motivo per cui trovo molto deludente il fact checking sulla situazione dei brevetti. Perché il motivo per cui i Fact Checker, tra le loro caratteristiche di pigrizia generale, non stanno verificando i fatti quando si tratta di brevetti, è che le sequenze reali non sono rappresentate in forma digitale che rende facile fare questo confronto. Abbiamo dovuto letteralmente prendere le immagini dei documenti dattiloscritti presentati e poi codificarli per fare la nostra valutazione. Non è possibile farlo sul sito dei brevetti dell’EPO. Non è possibile farlo con i dati WIPO di Ginevra. Non è possibile farlo con i dati dell’ufficio brevetti statunitense. Bisogna andare a ricostruire a mano le sequenze genetiche effettive. E poi confrontarle con quelle caricate sui server pubblici. Ed è qui che si scopre che la questione della novità non è stata affrontata. Si trattava di un’illusione costruita.

Dr. Wodarg: Ho un’altra domanda. È possibile che… abbiamo visto che l’influenza è scomparsa, è sparita. Non abbiamo più l’influenza. L’influenza di sicuro, è i virus sono anche sequenziati. Ed è possibile che quelle sequenze di RNA di cui si parla ora possano esistere in entrambi i tipi di virus, per cui è solo questione di test e di strumenti per osservare cosa troviamo, se troviamo l’influenza o se troviamo Corona. Se abbiamo una certa, se avete un libro, avete una parola con cinque lettere, e troverete queste cinque lettere in molti libri.

Dr. Martin: Giusto. Esatto. E sì, sì, Wolfgang, la sua domanda è una bellissima metafora del problema. Il problema è che se quello che stiamo cercando è qualcosa che abbiamo deciso che vale la pena cercare, allora lo troveremo, e la buona notizia è che lo troveremo in un sacco di posti. E se abbiamo deciso di non cercare più una cosa, non è del tutto sorprendente che non la troviamo perché non la stiamo cercando. Il fatto è che, sia che si tratti di test RT-PCR, abbiamo deciso che ci sono dei frammenti che, tra l’altro, ho esaminato tutte le proposte normative presentate all’FDA per cercare di capire quale fosse il gold standard per ottenere l’autorizzazione all’uso d’emergenza, e quale frammento di SARS Cov-2 fosse ufficialmente il frammento ufficiale che costituiva lo standard di confronto, e il problema è che non è possibile ottenere un unico standard.

Dr. Martin: Quindi la domanda diventa, in un mondo in cui non c’è un singolo standard, che cosa si trova effettivamente, perché se sto cercando – e perché non leggo semplicemente questo – se sto cercando CCACGCTTTG, aggiungo il filamento successivo G o dico no, no, no, il pezzo successivo è GTTTAGTTCG. E si capisce il punto. Il punto è che quando scelgo di iniziare e fermarmi, posso dire che l’ho trovato o che non l’ho trovato.

Dr. Wodarg: Sì.

Dott. Martin: E non ho trovato la corrispondenza che ho proiettato sui dati perché ho scelto di guardare i dati in modo da non trovare la corrispondenza. L’influenza non ha abbandonato la popolazione umana.

Dr. Wodarg: No.

Dr. Martin: L’influenza è stata un mandato di vaccino pan-influenzale decennale fallito, che è stato disperatamente, disperatamente, disperatamente promosso dai governi di tutto il mondo. Hanno fallito e hanno deciso: se l’influenza non mantiene la promessa pubblica di far fare a tutti un’iniezione, cambiamo l’agente patogeno.

Dr. Wodarg: Ce ne sono molti altri che possono essere cambiati.

Dr. Martin: Oh, cielo, ce ne sono molte altre da fare.

Dr. Füllmich: Sì, ma ora li abbiamo scoperti.

Avvocato Viviane Fischer: Vorrei dirvi qualcosa sullo sviluppo del test PCR di Drosten, sapete? Perché lo abbiamo esaminato, intendo solo brevemente, non nella misura in cui abbiamo esaminato i brevetti che lei ha appena descritto. Ma abbiamo esaminato questa specie di miracolo o, voglio dire, un aspetto strano dello sviluppo del test di Drosten, perché lui, nonostante il fatto che avrebbe dovuto, attraverso il suo datore di lavoro, la Charité, che avrebbe avuto il diritto di detenere i brevetti su questa, questa, sai, sua invenzione, ha semplicemente pubblicato le istruzioni all’OMS (wayha-o) in modo che tutti potessero vederle. Quindi, in pratica, l’intera invenzione ha perso la possibilità di essere brevettata e questo è un po’ strano, a ben guardare, così abbiamo chiesto alla Charité di fare una richiesta di Freedom of Information Act. E loro ci hanno risposto: “Beh, sai, perché c’era così tanta fretta di far uscire il test perché c’era questa pandemia in corso, quindi non abbiamo guardato le finanze, sai, non ci interessava”. È una procedura piuttosto strana perché, in fondo, questo test vale miliardi, come si può, cioè, questo è un ospedale finanziato con fondi pubblici, come si può dare via tutto questo? E poi perché era anche in stretta collaborazione con l’azienda privata TIB Molbiol. È la stessa con cui ha sviluppato tutti i test PCR dal 2002 per la prima SARS e poi per la MERS, Zika e così via. E così via. Quindi è molto strano, sapete? Perché in pratica funzionava come un apriporta per questa azienda, sapete, perché anche loro ci hanno detto. Quindi, in pratica, era Drosten che decideva a quale paese o laboratorio o qualsiasi altro test la società TIB Molbiol avrebbe spedito i kit di analisi per poi, ovviamente, fare più soldi perché, in pratica, Drosten e questa società avevano il vantaggio di essere i primi a muoversi. Quindi ora è chiaro. Voglio dire, forse non c’era nulla a quel punto, perché c’erano già così tanti brevetti in corso, quindi, fondamentalmente, vedi chiaro da questo. Non c’erano novità, virus o test PCR, non si poteva brevettare nulla che fosse nuovo. Quindi, in sostanza, è stata una cosa molto logica da fare, per poi usare l’intera faccenda come un modo per trarre profitto da questo vantaggio della prima mossa. E forse Drosten è in qualche modo coinvolto in questo schema finanziario legale.

Dr. Füllmich: È una delle persone più importanti in questo schema, perché è quello che ha tirato i fili per primo.

Dr. Martin: Sì, è necessario creare l’illusione della domanda e non c’è niente che in questo momento faccia un lavoro migliore per creare l’illusione della domanda, che l’urgenza di un evento che avete creato.

Dr. Füllmich: (risate)… Sembra quasi una commedia, ma non lo è.

Dr. Martin: Beh, lo è nel senso che dobbiamo renderci conto che parte del motivo per cui è stato così facile per noi monitorare e seguire questa particolare campagna di coercizione e terrore è perché l’abbiamo fatto prima. Ho iniziato i miei commenti assicurandomi che la gente ricordasse che quando si è trattato di risolvere l’epidemia di antrace, ricordate che mentre avevamo centinaia di migliaia di militari in Medio Oriente, presumibilmente, per gli eventi del settembre 2001, avevamo 2 ispettori postali che indagavano sull’antrace, 2. Il più grande presunto attacco con armi biologiche sul suolo degli Stati Uniti, e avevamo 2 ispettori postali. Non potete credere davvero che due ispettori postali siano, sapete, gli individui più potenti dell’universo che fermano il crimine, sapete, la mente, sapete, e non ho nulla contro gli ispettori postali. Ma posso garantirvi che se stessi indagando su un attacco di bioterrorismo, non vorrei che l’ufficio postale avesse 2 ispettori postali come squadra di esperti per le indagini. Era falso e il Congresso lo sapeva. E questo è il motivo per cui, sapete, noi pubblichiamo una cosa che non è necessariamente un best-seller, ma pubblichiamo un briefing di intelligence su ogni violazione dei trattati sulle armi biologiche e chimiche che le persone hanno firmato in tutto il mondo. È un elenco telefonico che ti dice dove e chi e chi sta finanziando e così per noi non è stato difficile capire che non si trattava di una crisi di salute pubblica. Si tratta di una campagna di marketing opportunistica per raggiungere un obiettivo dichiarato. Ecco perché questo è il rasoio di Occam. È la cosa più facile da descrivere, perché sono stati loro a dirlo e la realtà del rasoio di Occam è che hanno detto che avevano bisogno di far accettare al pubblico una contromisura vaccinale contro il pan-coronavirus, e avevano bisogno che i media creassero il clamore e che gli investitori seguissero il profitto. Non avete altro su cui basarvi per spiegare gli eventi degli ultimi 20 mesi, se non la dichiarazione del vero responsabile. E non faccio l’esercizio di ricerca per cercare di capire se dietro a un rapinatore di banche ci siano problemi con la mamma. Se hanno in mano una borsa con dei soldi fuori da una banca, faccio l’assurda ipotesi che si tratti di un rapinatore.

Dr. Füllmich: (risate)

Dr. Martin: Allo stesso modo, se c’è qualcuno che dice che dobbiamo usare i media per pubblicizzare una contromisura medica, che in realtà è l’iniezione di una proteina chimerica ricombinante sintetica, sviluppata sulla base di una simulazione al computer, se voglio ascoltare le motivazioni per cui questo potrebbe essere fatto, ascolterò la persona che sta facendo la manipolazione, che dice: gli investitori seguiranno dove vedono un profitto. Non ho bisogno di altre spiegazioni.

Dr. Füllmich: Sono davvero contento, David, che ci siamo sentiti un paio di mesi fa, forse tre, tre, quattro mesi fa, e che ci sia stato presentato da James Henry, e che io stessi cercando di trovare avvocati specializzati in brevetti in questo Paese che potessero essere interessati a questo caso. Ora, ci sono alcuni avvocati specializzati in brevetti che se ne intendono, ma apparentemente non c’è nessuno fino ad ora, ma forse la situazione cambierà, ma non c’era nessuno disposto ad affrontare questo caso nel contesto di Corona, questo è il problema.

Dr. Wodarg: Non è una novità. Anch’io ho cercato di trovare un avvocato di questo tipo, specializzato in brevetti. Per la Commissione Enqueue del Bundestag tedesco una decina di anni fa, o più di 15 anni fa, e non l’abbiamo trovato perché avevano tutti paura di essere critici nei confronti del sistema.

Dr. Martin: Sì.

Dr. Wodarg: Sarebbero, sarebbero distratti. Distruggerebbero il loro stesso lavoro. È molto difficile.

Dr. Martin: Sì. Tenga presente che questo è un vecchio problema, perché è qui che nasce il problema. Da quando è stato istituito l’Ufficio europeo dei brevetti, i tedeschi e i francesi, non a caso, hanno mantenuto un’ostilità che, come si sa, è la versione più recente di un’ostilità che risale a secoli fa. Ma quando è stato istituito l’EPO, il ruolo dell’ufficio brevetti di Monaco è diventato una questione molto nazionalistica per la Germania. E l’idea che gli esaminatori di brevetti tedeschi e i professionisti tedeschi dei brevetti godessero ancora di una supremazia sul resto d’Europa è diventata dogmatica. Nel 2003 e nel 2004, quando l’Ufficio europeo dei brevetti è stato sottoposto a un primo audit da parte della mia organizzazione e abbiamo dimostrato che una percentuale compresa tra il 20 e il 30% dei brevetti in Europa era costituita da falsi funzionali, nel senso che sono stati copiati da brevetti precedenti, la rappresentanza tedesca dell’ufficio brevetti europeo ha perso la testa all’idea di fare qualcosa di vagamente sbagliato. Quando, qualche anno dopo, l’Unione Europea ci ha commissionato un esame sui brevetti software, su richiesta della delegazione svedese presso l’Unione Europea, abbiamo mostrato centinaia e centinaia di brevetti software che erano stati concessi illegalmente dall’Unione Europea attraverso l’EPO e abbiamo scoperto che erano stati gli esaminatori di brevetti tedeschi e i consulenti tedeschi ad essere responsabili del loro deposito, abbiamo assistito, ancora una volta, a un’enorme protesta e così è emersa una posizione dogmatica secondo la quale, anche se l’Ufficio europeo dei brevetti dovrebbe essere paneuropeo, nella mente dell’establishment tedesco dei brevetti c’è ancora una supremazia sul resto d’Europa. E se si mette in discussione qualcosa, compresi i brevetti concessi su un’arma biologica, si calpesta un terreno per il quale non c’è perdono.

Dr. Wodarg: Sì, abbiamo avuto alcune domande da Transparency International e siamo stati spazzati via. L’argomento non è stato seguito.

Dr. Martin: Sì.

Dr. Wodarg: È stato…

Dr. Martin: Non è possibile. Non è, non è accessibile, e questa è la tragedia di quella che purtroppo è diventata un’organizzazione di cattura normativa. In realtà non sta facendo il servizio pubblico.

(tedesco)

Dottor Martin: Beh, grazie, grazie per il tempo che ci ha dedicato e spero che sia stato utile.

Dr. Füllmich: È stato molto utile.

Dr. Wodarg: Molto utile, grazie mille.

Dr. Füllmich: Sentiremo molte eco. Grazie. David, e buon fine settimana.

Dr. Martin: Ok, statemi bene. Tutti quanti.


Non è per tutelare la salute …

Covid-18, Omicron and Some Things That Need Explaining

Ethical Skeptic ☀ on Twitter: “And recall, when did TES’s genomic-site-entropy comparative analysis between Wuhan-Alpha-Delta and BA.1 and BA.2 indicate was the start of the background strain series, BA.X? Yes, July 2017” [6/7]

2019 Novel Coronavirus Vaccine” dated July 23 2019?

Kevin McKernan 🙂 on Twitter: “The Credibility Trap. When you want things to be true, you are most exposed to getting burned. Let’s examine the David Martin video that is going viral and see if it passes a few sniff tests. [presunto debunk]

Sapevano che si trattava di un’arma biologica fin dal 2005. Sapevano che era efficace per eliminare popolazioni, danneggiare popolazioni, intimidire e coercire popolazioni. E hanno fatto tutto questo intenzionalmente allo scopo di distruggere l’umanità. …
Daszak, che Martin definisce “il capo del riciclaggio di denaro“, “ha effettivamente dichiarato che l’intero esercizio era una campagna di terrore interno per indurre il pubblico ad accettare la piattaforma del vaccino universale utilizzando una nota arma biologica. E queste sono le loro parole, non la mia interpretazione“, ha detto Martin.
The Decade of Vaccination: WHO Estimates “Vaccines” Will Reduce the World’s Population by 15%

How Your DNA Tests Could Make You a Target for Bioweapons

Dr Richard Fleming COVID-19 & Vaccines Are Bioweapons, Crimes Against Humanity 


Corona Investigative Committee
July 9, 2021 – Segment with Dr. David E. Martin

Dr. Füllmich: David, I’m sorry to have kept you waiting. It’s my fault. Are you still there?

Dr. Martin: Yes, I am.

Dr. Füllmich: Oh, great. Nice to see you again.

Dr. Martin: Good to see you as well.

Dr. Füllmich: So, um, I think it’s best if you introduce yourself. I know you’re the chairman of M-Cam International Innovation Risk Management, but that doesn’t tell a whole lot of people what you’re really doing?

Dr. Martin: Yeah. Well from a corporate standpoint we have, since 1998, been the world’s largest underwriter of intangible assets used in finance, in 168 countries. So in the majority of the countries around the world are underwriting systems which include the entire corpus of all patents, patent applications, federal grants, procurement records, E-government records, etc. We have the ability to, not only track what is happening and who is involved in what’s happening, but we monitor a series of thematic interests for a variety of organizations and individuals, as well as for our own commercial use because, as you probably know, we maintain three global Equity indices which are the top performing large-cap and mid-cap equity indexes worldwide. So our business is to monitor the innovation that’s happening around the world, and specifically to monitor the economics of that innovation, the degree to which, you know, financial interests are being served, corporate interests are being dislocated, etc. So, our business is the business of innovation, and its finance.

(German)

Dr. Füllmich: Ok, I got that.

Dr. Martin: So, so obviously from the standpoint of this presentation as you know, we have reviewed the over 4,000 patents that have been issued around SARS coronavirus, and we have done a very comprehensive review of the financing of all of the manipulations of coronavirus, which gave rise to SARS as a subclade of the beta coronavirus family. And so, what I want to do is give you a quick overview, timelinewise, because we’re not going to go through four thousand patents on this conversation, but I have sent to you and your team, a document that is exceptionally important. This was made public in the spring of 2020. ● This document, which you do have, and can be posted in the public record is quite critical in that we took the reported gene sequence, which was reportedly isolated as a novel virus, indicated as such by the ICTV, the International Committee on Taxonomy of Viruses of the World Health Organization. We took the actual genetic sequences that were reportedly novel and reviewed those against the patent records that were available as of the spring of 2020. And what we found, as you’ll see in this report, are over 120 patented pieces of evidence, to suggest that the declaration of a ‘novel coronavirus’ was actually entirely a fallacy. There was no novel coronavirus. There are countless, very subtle modifications of coronavirus sequences that have been uploaded, but there was no single identified ‘novel coronavirus’ at all. As a matter of fact, we found records in the patent records, of sequences attributed to novelty, going to patents that were sought as early as 1999. So not only was this not a novel anything, it’s actually not only not been novel, it’s not been novel for over two decades. But let’s take a very short, and what I’ll do is I’ll take you on a very short journey through the patent landscape to make sure people understand what happened. But as you know, up until 1999, the topic of coronavirus vis-à-vis the patenting activity around coronavirus, was uniquely applied to veterinary sciences. The first vaccine ever patented for coronavirus was actually sought by Pfizer. The application for the first vaccine for coronavirus which was specifically this S Spike protein, so the exact same thing that allegedly, we have rushed into invention, the first application was filed January, 28th, 2000, 21 years ago.

Dr. Martin: So the idea that we mysteriously stumbled on the the way to intervene on vaccines is not only ludicrous, it’s incredulous, because Timothy Miller, Sharon Klepfer, Albert Paul Reid, and Elaine Jones, on January 28th, 2000 filed what ultimately was issued as US Patent 6372224, which was the spike protein virus vaccine for the canine coronavirus, which is actually one of the multiple forms of coronavirus. But as I said the early work up until 1999 was largely focused in the area of vaccines for animals. The two animals receiving the most attention were probably Ralph Baric’s work on rabbits, and the rabbit cardiomyopathy that was associated with significant problems among rabbit breeders, and then canine coronavirus in Pfizer’s work, to identify how to develop S & spike protein vaccine target candidates, giving rise to the obvious evidence that says that neither the coronavirus concept of a vaccine, nor the principle of the coronavirus itself, as a pathogen of interest with respect to the spike proteins behavior, is anything novel at all. As a matter of fact, it’s 22 years old based on patent filings.

Dr. Martin: What’s more problematic and what is actually the most egregious problem, is that Anthony Fauci and NIAID found the malleability of coronavirus to be a potential candidate for HIV vaccines. And so, SARS is actually not a natural progression of a zoonotic modification of coronavirus. As a matter of fact, very specifically, in 1999, Anthony Fauci funded research at the University of North Carolina Chapel Hill, specifically, to create, and you cannot, you cannot help, but, you know, lament what I’m about to read because this comes directly from a patent application filed on April 19th, 2002, and you heard the date correctly, 2002, where the NIAID built an infectious replication defective coronavirus. It was specifically targeted for human lung epithelium. In other words, we made SARS. And we patented it on April 19, 2002 before there was ever any alleged outbreak in Asia, which as you know, followed that by several months.

Dr. Martin: That patent issued as US Patent 7279327, that patent clearly lays out invery specific gene sequencing, the fact that we knew that the ACE receptor, the ACE-2 binding domain, the S-1, spike protein, and other elements of what we have come toknow as this scourge pathogen, was not only engineered, but could be synthetically modified in the laboratory, using nothing more than gene sequencing technologies, taking computer code and turning it into a pathogen, or an intermediate of the pathogen, and that technology was funded exclusively in the early days, as a means by which we could actually harness coronavirus as a vector to distribute HIV vaccine.

Dr. Füllmich: Hmph…

Dr. Martin: I’ll let you translate that because that’s a lot of material.

Dr. Füllmich: Ok.

(German)

Dr. Martin: National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

Dr. Füllmich: Yes, thank you.

(German) Ok.

Dr. Martin: Ok. So it gets worse.

Dr. Füllmich: Uh oh. (Laughter)

Dr. Martin: We were, my organization was asked to monitor biological and chemical weapons treaty violations, in the very early days of 2,000, you’ll remember the anthrax events in September of 2001, and we were part of an investigation that gave rise to the Congressional inquiry, into not only the anthrax origins, but also into what was unusual behavior around Bayer’s Ciprofloxacin drug, which was a drug used as a potential treatment for Anthrax poisoning, and throughout the fall of 2001, we began monitoring an enormous number of bacterial and viral pathogens that were being patented through NIH, NIAID USAMRIID, the [US Army Medical Research Institute of Infectious Diseases] program, and a number of other agencies internationally that collaborated with them. And our concern was that coronavirus was being seen as not only a potential manipulatable agent for potential use as a vaccine vector, but it was also very clearly being considered as a biological weapon candidate. And so our first public reporting on this took place prior to the SARS outbreak in the latter part of 2001, so you can imagine how disappointed I am to be sitting here, 20 years later, having 20 years earlier pointed that there was a problem looming on the horizon with respect to coronavirus. But after the alleged outbreak and I will always say alleged outbreak because I think it’s important for us to understand that coronavirus as a circulating pathogen inside of the viral model that we have is actually not new to the human condition, and is not new to the last two decades. It’s actually been part of the sequence of proteins that circulates for quite a long time. But the alleged outbreak that took place in China in 2002, going into 2003, gave rise to a very problematic April 2003 filing by the United States Center for Disease Control and prevention. And this topic is of critical importance to get the nuance very precise. Because in addition to filing the entire gene sequence on what became SARS coronavirus, which is actually a violation of 35 US Code section 101. You cannot patent a naturally occurring substance. The 35 US Code Section 101 violation was patent number 7220852. Now, that patent also had a series of derivative patents associated with it. These are patent applications that were broken apart, because they were of multiple patentable subject matter. But these include US patent 46592703P, which is actually a very interesting designation, US patent [7776521]. These patents not only covered the gene sequence of SARS coronavirus, but also covered the means of detecting it, using RT-PCR. Now the reason why that’s problem is, if you actually both own the patent on the gene itself, and you own the patent on its detection, you have a cunning advantage to being able to control 100% of the provenance of not only the virus itself, but also its detection, meaning you have entire scientific and message control. And this patent, sought by the CDC, was allegedly justified by their public relations team, as being sought so that everyone would be free to be able to research coronavirus. The only problem with that statement is it’s a lie. And the reason why it’s a lie is because the patent office not once, but twice rejected the patent on the gene sequence as un-patentable, because the gene sequence was already in the public domain. In other words, prior to CDC’s filing for a patent, the patent office found 99.9% identity with the already existing coronavirus recorded in the public domain, and over the rejection of the patent examiner, and after having to pay an appeal fine in 2006 and 2007, the CDC overrode the patent office’s rejection of their patent, and ultimately in 2007, got the patent on SARS coronavirus. So every public statement that CDC has made, that said that this was in the public interest, is falsifiable by their own, paid bribe to the patent office. This is not something subtle, and to make matters worse, they paid an additional fee to keep their application private. Last time I checked, if you’re trying to make information available for the public research, you would not pay a fee to keep the information private.

Dr. Martin: I wish I could have made up anything I just said, but all of that is available in the public patent archive record, which any member of the public can review, and the public pair, as it’s called in the United States Patent Office, has not only the evidence, but the actual documents which I have in my possession.

Dr. Martin: Now, this is critically important, it’s critically important because factcheckers have repeatedly stated that the novel coronavirus, designated as SARS-Cov-2 is in fact distinct from the CDC patent. And here’s both the genetic, and the patent problem, if you look at the gene sequence that is filed by CDC in 2003, again in 2005, and then again in 2006, what you find is identity in somewhere between 89-99% of the sequence overlaps that have been identified in what is called the novel subclade of SARS Cov-2. What we know is that the core designation of SARS coronavirus, which is actually the clade of the beta coronavirus family, and the subclade that has been called SARS Cov-2, have to overlap from a taxonomic point of view. You cannot have SARS designation on a thing without it first being SARS.

Dr. Martin: So the disingenuous fact-checking that has been done saying that somehow or another CDC has nothing to do with this particular patent, or this particular pathogen is beyond both the literal credibility of the published sequences, and it’s also beyond credulity when it comes to the ICTV taxonomy because it very clearly states that this is in fact, a subclade of the clade called SARS coronavirus.

Dr. Martin: Now, what’s important is on the 28th of April, and listen to the date very carefully, because this date is problematic, 3 days after CDC filed the patent, on the SARS coronavirus in 2003, 3 days later, Sequoia Pharmaceuticals, a company that was set up in Maryland, Sequoia Pharmaceuticals, on the 28th of April, 2003, filed a patent in antiviral agents of treatment and control of infections coronavirus. CDC filed 3 days earlier, and then the treatment was available 3 days later.

Dr. Martin: Now, just hold that thought for a second…

Dr. Füllmich: Who is Sequoia Pharmaceuticals?

Dr. Martin: Well, there you go. That’s a good question, because Sequoia Pharmaceuticals, and ultimately Ablynx Pharmaceuticals became rolled into the proprietary holdings of Pfizer, Crucell and Johnson & Johnson.

Dr. Füllmich: Wow!

Dr. Martin: So, ask yourself a simple question, how would one have a patent on a treatment for a thing that had been invented 3 days earlier?

Dr. Füllmich: Yeah…

Dr. Martin: The patent in question, the April 28th, 2003 patent, 7151163, issued to Sequoia Pharmaceuticals has another problem. The problem is, it was issued and published before the CDC patent on coronavirus was actually allowed. So the degree to which the information could have been known by any means other than insider information between those parties is zero. Is not physically possible for you to patent a thing that treats a thing that had not been published, because CDC had paid to keep it secret.

Dr. Martin: This, my friends, is the definition of criminal conspiracy, racketeering and collusion. This is not a theory, this is evidence. You cannot have information in the future, and form a treatment for a thing that did not exist.

Dr. Füllmich: This could well blow up into a RICO case, ultimately.

Dr. Martin: This is the, the, that’s, that, it is a RICO case. It’s not, ‘could blow up into it’, it is a RICO case. And the RICO pattern, which was established in April of 2003 for the first coronavirus, was played out to exactly the same schedule when we see SARS-Cov-2 show up, when we have Moderna getting the spike protein sequence by phone from the vaccine research center at NIAID, prior to the definition of the novel subclade. How do you treat a thing, before you actually have the thing?

Dr. Füllmich: I have to translate this. This is… You can’t make this up, definitely not. (German)

Dr. Martin: …3 days later…

Dr. Füllmich: Yeah, 3 days later… (German)

Dr. Martin: Yeah, well, it’s gonna get worse here.

Dr. Füllmich: Oh, no, it can’t get worse.

Dr. Martin: Oh, it does. On the 5th of June, 2008, which is an important date because it is actually around the time when DARPA the [Defense Advanced Research Projects Agency] in the United States actively took an interest in coronavirus as a biological weapon. June 5, 2008, Ablynx, which as you know is now part of Sanofi, filed a series of patents that specifically targeted what we’ve been told is the novel feature of the SARS Cov-2 virus, and you heard what I just said, this is the 5th of June 2008.

Dr. Füllmich: They filed what?

Dr. Martin: Specifically they targeted what was called the poly basic cleavage site for SARS Cov, the novel spike protein and the ACE-2 receptor binding domain which is allegedly novel to SARS Cov-2. And all of that was patented on the 5th of June 2008, and those patents, in sequence were issued between November 24th of 2015, which was US Patent 9193780, so that one came out after the gain-of-function moratorium, that one came after the MERS outbreak in the Middle East, but what you find is that, then in 2016, 2017, 2019 a series of patents, all covering, not only the RNA strands, but also the subcomponents of the gene strands were all issued to Ablynx and Sanofi.
And then we have Crucell, we have Rubeus Therapeutics, we have Children’s Medical Corporation, we have countless others that include Ludwig-Maximilians-Universität in M
ünchen, Protein Science Corporation, Dana-Farber Cancer Institute, University of Iowa, University of Hong Kong, Chinese National Human Genome Center in Shanghai, all identifying in patent filings that ranged from 2008 until 2017. Every attribute, that was allegedly uniquely published by THE single reference publication, the novel bat Coronavirus reveals ‘natural insertions at the S1/S2 cleavage site of the spike protein and possible recombinant 3 origin of the SARS Cov-2 virus’, the paper that has been routinely used to identify the novel virus, unfortunately, if you actually take what they report to be novel, you find 73 patents issued between 2008 and 2019 which have the elements that were allegedly novel in the SARS Cov-2, specifically as it relates to the polybasic cleavage site, the ACE-2 receptor binding domain, and the spike protein. So the clinically novel components of the clinically unique, clinically contagious, you know where I’m going with this, okay… There was no outbreak of SARS, because we had engineered all of the elements of that, and by 2016, the paper that was funded during the gain-of-function moratorium, that said that the SARS coronavirus was poised for human emergence, written by none other than Ralph Baric, was not only poised for human emergence, but it was patented for commercial exploitation, 73 times.

Dr. Füllmich: Isn’t, ah, didn’t Ralph Baric, I think I saw a video clip with him giving a speech in which he explicitly told the audience that you can make a lot of money with this.

Dr. Martin: Yes, you can. And he has made a lot of money doing this.

Dr. Füllmich: Oh.

Dr. Martin: So for those who want to live in the illusion that somehow or another that’s the end of the story, be prepared for a greater disappointment because somebody knew something in 2015 and 2016 which gave rise to my favorite quote of this entire pandemic, and by that, I’m not being cute. My favorite quote of this pandemic was a statement made in 2015 by Peter Daszak.

Dr. Martin: The statement that was made by Peter Daszak in 2015, reported in the National Academies of Press publication February 12th 2016, and I’m quoting:

We need to increase public understanding of the need for medical countermeasures such as a pan-coronavirus vaccine. A key driver is the media and the economics will follow the hype. We need to use that hype to our advantage, to get to the real issues. Investors will respond if they see profit at the end of the process.
Peter Daszak, 2015

Atty. Viviane Fischer: That’s quite shocking, because I thought that…

Dr. Martin: Let me, let me just read that again. Just because I don’t know if I might get lost in translation, so let me just go ahead and read it slowly…

Dr. Füllmich: Yeah.

Dr. Martin: …and as Americans love to do when speaking to a multilingual audience, maybe I should say it louder.
I won’t.

We need to increase public understanding of the need for medical countermeasures, such as a pan coronavirus vaccine. A key driver is the media and the economics will follow the hype. We need to use that hype to our advantage, to get to the real issues. Investors will respond if they see profit at the end of the process.
Peter Daszak, 2015

Atty. Viviane Fischer: That’s really disturbing, Peter Doshi, wasn’t he the one who…

Dr. Füllmich: No, no, no: Peter Daszak.

Atty. Viviane Fischer: Oh, Daszak.

Dr. Martin: Peter Daszak, the head of EcoHealth Alliance.

Dr. Füllmich: Peter Doshi is a good guy.

Atty. Viviane Fischer: Yeah, I was just…

Dr. Martin: Peter Daszak, the person who was independently corroborating the Chinese non-lab leak, non-theory because there wasn’t a lab leak. This was an intentional bio-weaponization of spike proteins to inject into people to get them addicted to a pan-coronavirus vaccine. This has nothing to do with a pathogen that was released and every study that’s ever been launched to try to verify a lab leak, is a red herring.

Atty. Viviane Fischer: And there is really nothing that is new in this…

Dr. Martin: Nothing, zero.

Dr. Martin: 73 patents on everything clinically novel. 73, all issued before 2019, and I’m going to give you the biggest bombshell of all to prove that this was actually not a release of anything because patent 7279327, the patent on the recombinant nature of that ‘lung-targeting’ coronavirus, was transferred mysteriously from the University of North Carolina Chapel Hill to the National Institutes of Health in 2018. Now, here’s the problem with that. Under the Bayh–Dole Act, the US government already has what’s called a March-in right provision. That means if the US government has paid for research, they are entitled to benefit from that research at their demand or at their whim. So, explain why, in 2017 and 2018, suddenly the National Institutes of Health have to take ownership of the patent that they already had rights to, held by the University of North Carolina Chapel Hill. And how did they need to file a Certificate of Correction to make sure that it was legally enforceable? Because there was a typographical error in the grant reference in the first filing. So they needed to make sure that not only did they get it right, but they needed to make sure every typographical error that was contained in the patent was correct on THE SINGLE PATENT REQUIRED, to develop the Vaccine Research Institute’s mandate, which was shared between the University of North Carolina Chapel Hill in November of 2019 and Moderna, in November of 2019, when UNC Chapel Hill, NIAID and Moderna began the sequencing of a spike protein vaccine, a month before an outbreak ever happened.

Dr. Füllmich: You, (sigh), you have all the evidence, right?

Dr. Martin: Yeah.

Dr. Füllmich: I’ll have to translate this.

Dr. Martin: You don’t have to read it again.

Dr. Füllmich: No. You speak German, huh?

Dr. Martin: Yeah.

Dr. Füllmich: Ok. So it’s all about money.

Dr. Martin: It has always been about money, and just to answer a question that was asked slightly earlier, the script for this was written first January 6, 2004.

Dr. Füllmich: January 6 2004, who wrote the script?

Dr. Martin: Merck. In a conference called “SARS and Bioterrorism.”

Dr. Martin: Bioterrorism, Emerging Infectious Diseases, Antimicrobial Therapeutics, and Immune Modulators, Merck introduced the notion of what they called “The New Normal”, proper noun, “The New Normal”, which is the language that became the
branded campaign, that was adopted by the World Health Organization. The Global Preparedness Monitoring Board, which was the board upon which the Chinese Director of Disease Control, Bill Gates’s Dr. Elias of the Gates Foundation, and Anthony Fauci sat together on that board of directors, but the first introduction of The New Normal campaign, which was about getting people to accept a universal pan-influenza, pan-
coronavirus vaccine was actually adopted January 6, 2004. So it’s been around quite a long time. I’m not going to belabor many more points other than to say that it was very clear that Merck knew that, sorry that Moderna knew that it was going to be placed in the front of the line with respect to the development of a vaccine in March of 2019. And this is a very important date. Because in March of 2019, for reasons that are not transparent, they suddenly amended a series of rejected patent filings. This is a very bizarre behavior, but they amended a number of patent filings to specifically make reference to an intentional or accidental release, I’m sorry, their term, ‘deliberate release’ of coronavirus. So in March, they amended 4 failed patent applications to begin the process of a coronavirus vaccine development, and they began dealing with a very significant problem that they had, which was they relied on technology that they did not own. Two Canadian companies Arbutus Pharmaceuticals, and Acuitas Pharmaceuticals actually own the patent on the lipid nanoparticle envelope, that’s required to deliver the injection of the MRNA fragment, and those patents have been issued both in Canada and in the U.S. and then around the world and they’re world intellectual property equivalents. Moderna knew that they did notown the rights and began trying to negotiate with Arbutus and Acuitas to get the resolution of the lipid nanoparticle patented technology available to be put into a vaccine and we know as I made reference to before that in November, they entered into a research and cooperative research and development agreement with UNC Chapel Hill, with respect to getting the spike protein to put inside of the lipid nanoparticle. So that they actually had a candidate vaccine before we had a pathogen, allegedly, that was running around. What makes that story most problematic, beyond the self-evident nature of it is that we know that from 2016 until 2019, at every one of the NIAID Advisory Council board meetings, Anthony Fauci, lamented the fact that he could not find a way to get people to accept the universal influenza vaccine, which is what was his favorite target. He was trying to get the population to engage in this process, and what becomes very evident with Peter Daszak, EcoHealth Alliance, UNC Chapel Hill and others, and then most specifically by March of 2019 in the amended patent filings of Moderna, we see that there is a epiphany that says, ‘what if there was an accidental or an intentional release of respiratory pathogen’, and what makes that particular phrase problematic is it is exactly recited in the book, A World At Risk, which is the scenario that was put together by the World Health Organization, in September of 2019, so months before there’s an alleged pathogen, which says that we need to have a ‘coordinated global experience of a respiratory pathogen release,’ which by September, 2020, ‘must put in place, a universal capacity for public relations, management, crowd control and the acceptance of a universal vaccine mandate.’ That was September of 2019, and the language of an ‘intentional release of a respiratory pathogen’ was written into the scenario that “must be completed by September 2020”.

Dr. Wodarg: This was a text from (unintelligible), was heading this commission, isn’t it

Dr. Martin: Well this is the Global Preparedness Monitoring Board’s unified statement. There are a number of people who have taken credit and then backed away from credit for it but yes, you’re right.

Dr. Wodarg: Am I right too, when I say that ACE-2 receptor, that was already described in the patents before 2019?

Dr. Martin: Yes, we have 117 patents with specifically the ACE-2 receptor targeting mechanism for SARS coronavirus.

Dr. Wodarg: So because they always say this is the new thing with the virus.

Dr. Martin: No, it’s not new and it has not been even remotely new. It’s in publications going back to 2008, in the weaponization conferences that took place in Slovenia, in Europe, all across Europe and all across the DARPA infrastructure. We’ve known about that since 2013, it’s isolation and amplification.

Atty. Viviane Fischer: And this, um, the amendment that Merck did to this, the rejected patents applications, so is it, was it only about the fact that it’s like deliberately, you know, like um, put into the environment or something or did they add anything else?

Dr. Martin: Well, so these were, there are 4 failed patent applications that were essentially revitalized in March of 2019, and it was Moderna – I misspoke. I spoke about Merck, it was Moderna and I tried to correct that. I’m sorry that that didn’t come through, but it’s Moderna’s patent applications that were amended in March of 2019, to include the ‘deliberate release of a respiratory pathogen’ language.

Atty. Viviane Fischer: Was that not been rejected for some reason, they were just…

ùDr. Martin: No.

Atty. Viviane Fischer: …not, they were…

Dr. Martin: No.

Atty. Viviane Fischer: …just sitting there basically?

Dr. Martin: No, they do processes similar to other pharmaceutical companies where they evergreen applications and continually modify applications to enjoy the earliest priority dates available, but that’s why you have to go back and look at the amendment of the application records to find out when the actual amendment language was put in place. But yes, I mean, the fact, the fact of the matter is and like I said, I’m not going to belabor all of the patent data, but, but any assertion that this, this pathogen is somehow, unique or novel falls apart on the actual gene sequences which are published in the patent record, and then more egregiously falls apart in the fact that we have Peter Daszak himself stating that we have to ‘create public hype to get the public to accept the medical countermeasure of a pan-coronavirus vaccine.’ And what makes that most ludicrous is the fact that as we know World Health Organization had declared coronavirus, um, a, a, you know, kind of a, a dead, a dead interest. I mean, they they said that, that we had eradicated coronavirus as a concern. So why, having eradicated it in 2007 and 2008, why did we start spending billions of dollars globally on a vaccine for a thing that had been eradicated by declaration in 2008? You know, kind of kind of falls into the zone of incredulity, to say the least.

Dr. Füllmich: Doesn’t that also mean, if you take the entirety of the evidence, then this is a tool, the coronavirus and the vaccines, this is a tool and in the interest of DARPA in creating a biological weapon out of this, this is a tool for everything else that latches onto this, including population control, for example.

Dr. Martin: Well, listen, we have to stop falling for even the mainstream narrative in our own line of questioning, because the fact of the matter is, this was seen as a highly malleable bioweapon.
There’s no question that, by 2005, it was unquestionably a weapon of choice and the illusion that we continue to, unfortunately, see very well meaning people get trapped in, is conversations about whether we’re having a vaccine for a virus.
The fact of the matter is, we’re injecting a spike protein mRNA sequence, which is a computer simulation, it’s not derived from nature, it’s a computer simulation of a sequence which has been
known and patented for years, and what we know is that, that sequence as reported is reported across things like the very reliable phone conversations that took place between Moderrna and the vaccine research center by self report, where, I don’t know, if you’re on a phone call and you heard “a t d c c g g t t c c g a b b b” is there any chance you might get a letter, a valor, a consonant dropped here or there? …
The ludicrous nature of the story, that this is somehow prophilactic or preventative, flies in the face of one hundred percent of the evidence because the evidence makes it abundantly clear that there has been no effort by any pharmaceutical company to combat the virus.
This is about getting people injected with the known-to-be-harmful S1 spike protein.
So that the cover story is that, if you get an expression of a spike protein you’re going to have some sort of general symptomatic relief, but the fact of the matter is, there has never been an intent to vaccinate a population as defined by the vaccination universe and it’s important. I mean, let’s review just for the record when Anthony Fauci tried desperately to get some of his “synthetic mRNA vaccines” published: he had his own patents rejected by the patent office, and i want to read what the patent office told him when NIAD’s own Anthony Fauci thought that he could get an mRNA-like vaccine patented as a vaccine, and here’s the quote:

These arguments are persuasive to the extent that an anthropogenic peptides stimulates an immune response that may produce antibodies that bind to specific peptide or protein but it is not persuasive in regards to a vaccine.

Okay, this is the patent office, this is not some sort of public health agency, this the patent office:

The immune response produced by a vaccine must be more than merely some immune response, but must also be protective. As noted in the previous office action, the art recognizes as the term vaccine to be a compound which prevents infection. Applicant has not demonstrated that the instantly claimed vaccine meets even the lower standard set forth in the specification, let alone the standard definition for being operative in regards. Therefore claims five seven and nine are not operative, as the anti-HIV vaccine.

Which is what he was working on is not patentable utility.
So Anthony Fauci himself was told by the patent office themselves that what he was proposing as a vaccine does not meet that patentable standard, that legal standard or the clinical standard.

Prof. Schwab: Oh. Can we, can we translate this for our audience? This might very important.

Dr. Füllmich: That is, that is, by the way, David, that is our friend, Martin Schwab, professor Martin Schwab of, he’s a, he’s our most important legal advisor from the University of Bielefeld. He is very smart.

(German)

Dr. Füllmich: I know that, David, I know a lot of our viewers are really shocked. I can see that from the responses. One of our viewers is our PCI test specialist, professor Ulrike Kämmerer. She can’t believe what’s going on here.

Dr. Martin: Well, the sad and sober irony is, that I raised these issues beginning in 2002 after the Anthrax scare, and the tragedy is, we’re now sitting in a world where we have hundreds of millions of people who are being injected with a pathogen stimulating computer sequence which is being sold under what the patent office, what the medical profession, and what the FDA in its own clinical standards, would not suggest is a vaccine, but by using the term, we actually are now subjecting hundreds of millions of people to what was known to be by 2005, a biological weapon.

(German)

Dr. Martin: So I have, obliviously, have hundreds of hours of this stuff committed to memory because I’ve been doing it for two decades, but if you have any questions, I’d be happy to answer them.

Dr. Füllmich: I’m sure they’re going to be hundreds of questions, David, we’re going to be in touch. I think you’re going to be flooded by people, by people’s emails, etc. I’m just going to forward what comes in, or we’re going to forward what comes in but I do think, but oh yeah we have Martin Schwab. He probably has a really serious question.

Prof. Schwab: And after me, Wolfgang too. Okay, I’m legal, professor with the faculty of law, here at Bielefeld and I have to tell you that the constitutional protection units of the Ministry of Interior Affairs observes the so-called Corona denier scene, corona denier is everyone who dares to disagree…

Dr. Füllmich: … with the official line. Yes.

Prof. Schwab: If this constitutional protection unit takes notice of me, taking part of the discussion that this Pandemic was put on stage intentionally, they will probably try to fire me from my job so I have to, at least ask some questions. While I heard you talking, I took a look at patent number, what’s what? Which one was it? 7220852 and 7151163 and 7220852 was filed in April, 12 and 715 and so on was filed in April 28th of 2004. Difference between, 16, not three days. What did I misunderstand?

Dr. Martin: April 23rd 2003 was the CDC Master filing date.

Prof. Schwab: Okay, okay. I ask this question because if they try to make me redundant from my job, I have to provide strong evidence.

Dr. Martin: No, we have, we have all of this sent to, I know Dr. Füllmich, has the, has the entire record in the Fauci Dossier, 100% of this record is in there. The additional addendum that I sent across all has the records in there, including all the priority filing dates, as well as the issue dates. So 100% of this is in written published records and you have the written records.

Dr. Füllmich: And I have created my own file, and it’s labeled David Martin.

Prof. Schwab: Okay, there is, I did an analysis of media reportings here and I can confirm that they give a very one-sided account on the pandemic. Everyone who dares to declare the threat less dangerous than the government does will be denounced as conspiracy theorists and sinful and so on. So the Media, exactly did what you pointed out in the sentence, you, you repeated twice before. Now, actually, they tell us the story of the Delta variant, which is told to be much more contagious that everything else. Experts I have spoken to (unintelligible), also told me that the databases contain as many as more of 40,000 virus strains…

Dr. Martin: Correct.

Prof. Schwab: So, could this, could this Delta variant, be some kind of media hype – yeah, you told us about?

Dr. Martin: There is no such thing as an Alpha or a Beta, or Gamma, or Delta variant. This is a means by which, what is desperately sought, is a degree to which individuals can be coerced into accepting something that they would not otherwise accept. There has not been in any of the published studies on what has been reportedly the Delta variant, there has not been a “population are not calculated”, which is the actual replication rate. What has been estimated are computer simulations. But unfortunately if you look at GISAID, which is the public source of uploading any one of a number of variations, what you’ll find is that there has been no ability to identify any clinically altered gene sequence, which has then a clinically expressed variation. And this is the problem all along. This is the problem going back to the very beginning of what’s alleged to be a pandemic, is we do not have any evidence that the gene sequence alteration had any clinical significance whatsoever. There has not been a single paper, published by anyone, that has actually established that anything novel since, November of 2019, has clinical distinction from anything that predates November of 2019. The problem with the 73 patents that I described is that those 73 patents all contain what was ‘reported to be novel’, in December and January of, 2019 and 2020 respectively. So the problem is that even if we were to accept that there are idiopathic pneumonias, even if we were to accept that there are some set of pathogen induced symptoms, we do not have a single piece of published evidence that tells us that anything about the subclade SARS Cov-2 has clinical distinction from anything that was known and published prior to November 2019 in 73 patents dating to 2008.

Atty. Viviane Fischer: Could it be that the Delta variant, sort of, is um, that just the differences, you know, that the clinical symptoms are the same but that it has the, you know the capability of like infecting someone who’d already gone, who’s already gone through like variant B? Beta …

Dr. Martin: So, so this is where we see an enormous amount of response and reflexive behavior to Media hype. There is no, and I’m going to repeat this, there is no evidence that the Delta variant is somehow distinct from anything else on GISAID. The fact that we are now looking for a thing, doesn’t mean that it is a thing, because we are looking at fragments of things. And the fact is that, if we choose any fragment, I could come up with, you know, I could come up with variant Omega, tomorrow.

Dr. Füllmich: Yes.

Dr. Martin: And I could come up with variant Omega, and I could say, I’m looking for this sub-strand of either DNA or RNA, or even a protein, and I could run around the world going, ‘Oh my gosh, fear, the Omega variant.’

Dr. Wodarg: Yes.

Dr. Martin: And, and the problem is that, because of the nature of the way in which we currently sequence genomes, which is actually a compositing process, it’s what we call in mathematics an interleaving, we don’t have any point of reference, to actually know whether or not the thing we’re looking at is in fact distinct from either clinical or even genomic sense. And so we’re trapped in a world where unfortunately if you go and look as I have at the papers that isolated the Delta variant and actually ask the question is the Delta variant anything other than the selection of a sequence in a systematic shift of an already disclosed other sequence the answer is, it’s just an alteration in when you start and stop what you call the reading frame, there is no novel, anything. Yes, Wolfgang …

Dr. Wodarg: (German)

Dr. Martin: I can understand most of it.

Dr. Wodarg: (German)

Dr. Füllmich: David, I’ll make a long story, very short. He’s in full agreement with your analysis, he understands your anguish with respect to you having told the world about this 20 years ago, most and he admires your tenacity and he’s extremely grateful for you, having taken this very close look at the problem through patent law. It’s, he, Dr. Wodarg, believes that patents are really problematic because it turns out that it is probably five times more expensive to patent drugs as opposed to having public I mean, not public, private, but public universities getting the stipends getting the money that they need in order to develop these vaccines.

Dr. Martin: Yeah, let me … I’m gonna do something that’s very unfair. But I’m going to hold the document, very close to the screen, and it’s only for representational purposes, but I want you to see that this is, this is the, this is the Baric patent that, that NIH needed to have returned to them for mysterious reasons in 2018, this is 7279327 and people can look this up on their own. But if you actually look at, the, the sequences that are patented, which is one of the things that we’ve done, we actually look at the published sequences and realize that depending on where you clip the actual sequence string, you will have the same thing or you’ll have a different thing based nothing more than on where you decide to parse the clip. And, and I want to, I want to read you, I mean, this is something that comes directly from their patent application. When they actually talked about the DNA strands, which they call sequence ID numbers, they actually specifically say the organism is an artificial sequence. An artificial sequence, meaning that it is not a sequence that has a rule based in nature. It is not something that was manifest for a particular, natural derivative protein or natural derivative mRNA sequence that was isolated. Every one of these is in fact, a synthetic, artificial sequence. And if you go back and you look at each one of them, which we have done, what you’ll find is that the sequences in fact are contiguous in many instances but are overlapping in others, where it is merely a caprice determination that says something is or is not part of an open reading frame, or is or is not part of a particular oligonucleotide sequence. Now, the reason why that’s important Is because if we are going to examine what ultimately is being injected into individuals, we need the exact sequence. Not a kind of similar to – we need the exact sequence. And if you look at the FDA’s requirement, and if you look at the European regulatory environment, and if you look at the rest of the world’s regulatory environment, for reasons that cannot be explained, the exact sequence that has gone into what is amplified inside of the injection, seems to be elusive. It seems to be something that someone cannot in fact, state with a 100% certainty, the sequence is X. The problem that that presents is that at this point in time, as much as we can be told that there are, you know, clinical trials, going on and there are all sorts of other things going on, we have no way of verifying that a complete sequence has been, is, or potentially even could be manufactured into what ultimately becomes the lipid nanoparticle that is, is the carrier frequency into which the injection is delivered. And it’s important for people to understand that as far back as 2002, and all the way through the patent filings of 2003, and then the weaponization patents that began in 2008, in every one of these instances fragments are identified, but they are identified, without specificity. So we don’t have direct terminal ends of the fragments, we have fragments which have you know, essentially hypothecated gaps into which anything can be placed. And that’s the reason why I find the fact checking around the patent situation to be most disappointing. Because, the reason why Fact Checkers, among their general lazy attributes, the reason why fact checkers are not actually checking facts when it comes to the patent matters, is because the actual sequences are not represented in a digital form, that makes it easy to do this comparison. We literally had to take images of submitted typed paper, and then code those into do our own assessment. You cannot do this on the EPO’s patent site. You cannot do this with WIPO data from Geneva. You cannot do this with the US patent office data. You actually have to go in and reconstruct the actual gene sequences by hand. And then you compare them to what has been uploaded on the public servers. And that’s where you find that the question of novelty is something that was not addressed. This was a manufactured illusion.

Dr. Wodarg: I have one more question. Is it possible that … we have we see that the, the influenza has vanished, is gone. We don’t have influenza anymore. The influenza for sure, is the viruses are also sequenced. And is it possible that those that those RNA sequences we now speak about that, they may, they may exist in both of the virus types so that it’s just the matter of testing and matter of instruments to observe, what we find, whether we find influenza or whether, we find Corona. If we have a certain, if you have a book, you have a word with with five letters, and you will five this five letters in many books.

Dr. Martin: Right. Exactly. And yeah, yeah, Wolfgang, your question is, is a beautiful metaphor of exactly the problem. The problem is, if what we’re looking for is something we’ve decided it’s worth looking for, then we’ll find it, and the good news is, we’ll find it a bunch of places. And if we’ve decided that we’re no longer looking for a thing, it’s not entirely surprising that, we don’t find it because we’re not looking for it. The fact of the matter is whether it’s the RT-PCR tests that we decided that there are fragments which, by the way, I have looked at every one of the regulatory submissions that has been submitted to the FDA to try to figure out what was the gold standard to get the emergency use authorization, and what fragment of SARS Cov-2 was officially the official fragment that was the comparator standard, and the problem is that you can’t get a single standard.

Dr. Martin: So the question becomes in a world where there is no single standard, what is it that you actually find because if I’m looking for, and why don’t I just read this, if I’m looking for CCACGCTTTG. Do I add the next strand G or do I go no, no, no, the next bit is GTTTAGTTCG. And you get the point. The point is that where I choose to start and stop, I can actually say I found it, or I didn’t find it.

Dr. Wodarg: Yeah.

Dr. Martin: And, and I didn’t find the match that I projected onto the data because I chose to look at the data in a way that I could not find the match. Influenza did not leave the human population.

Dr. Wodarg: No.

Dr. Martin: Influenza was a failed decade-long pan-influenza vaccine mandate, that was desperately, desperately, desperately promoted by governments around the world. They failed, and they decided, if influenza doesn’t deliver on the public promise of getting everybody to get an injection, let’s change the pathogen.

Dr. Wodarg: There are many more they can change.

Dr. Martin: Oh goodness, we’ve got tons more to come.

Dr. Füllmich: YES, but now we’re onto them.

Atty. Viviane Fischer: I would like to tell you something about this development of the, the Drosten PCR test, you know? Because we looked at it, I mean just briefly, not to that extent that do now looked at the patents that you just described. But we looked at this kind of Miracle or like, I mean, strange aspect of like the Drosten test development because he in, despite the fact that he would have needed to basically, through his employer, the Charité who would be entitled to holding the patents on this, this, you know, his invention, he just published the instruction to the WHO (wayha-o) so everyone could see it. So basically the whole invention lost its you know, the possibility to be patented and that’s kind of strange you know when you look at it so we asked the Charité in a Freedom of Information Act request. And so they, they said, well, you know, because it, there was so much rush to get, the, you know, the test out because there was this pandemic going on, so it was like, we didn’t look at the finances, you know, we just didn’t care. So that’s kind of strange as a procedure because I mean, basically, this test, is worth like billions, you know, how could you just, I mean this is a publicly financed hospital, how can they just give, you know, give away all, this whole thing. And then because it was also in close cooperation with the private company, TIB Molbiol. It’s the same with it with which he had developed, all the PCR tests from 2002 from the first SARS and then MERS, Zika, so on. And on. So it’s very strange, you know? Because he was basically like functioning as a door opener for this company, you know, because they also said to us. So, basically, it was Drosten who decided to which possible country or like, laboratory or whatever the test this TIB Molbiol, company would send out the the test kits in order to, then, of course, make more money because he was basically like you had a first-mover advantage, you know, Drosten and, or this company. So it’s clear now. I mean, maybe there was nothing at that point, because there was so many patents already going on, so, basically, see clear from this. Not-novel, virus or PCR testing, couldn’t patent anything that would have been new. So basically was really like a very logical to thing to do, then to use the whole thing as a just to, you know, make profit from this first mover advantage. And maybe Drosten is somehow involved in this whole legal financial scheme.

Dr. Füllmich: He is one of the most important people in this scheme, because he’s the one whose pull, whose strings they pulled first.

Dr. Martin: Yeah, you need, you need to create the illusion of demand and there’s nothing right now that does a better job of creating the illusion of demand, than the urgency of an event that you’ve manufactured.

Dr. Füllmich: Laughter…This sounds almost like comedy, but it is not.

Dr. Martin: Well, it is in that we have to realize that part of the reason why it was so easy for us to monitor and track this particular, you know, campaign of coercion and terror is because we’ve done it before. You know, I started my comments by making sure people remember that when it came to solving for the Anthrax outbreak, now remember that while we had hundreds of thousands of military people in the Middle East allegedly, getting even for the events of September of 2001, we had 2 postal inspectors investigating Anthrax, 2. The largest alleged bioweapons attack on US soil, and we had 2 postal inspectors. You can’t genuinely believe that 2 postal inspectors are the, you know, the crime stopping, you know, mind mind, you know, bendingly powerful individuals in the universe and I have nothing against postal inspectors. But but I can guarantee you that if I was investigating a bio-terror attack, I would not have the postoffice having 2 postal inspectors as their crack team doing the investigation. You know, it was disingenuous and Congress knew it. And that’s the reason why, you know, we, we publish a thing that’s that, that is not necessarily a best-seller, but we publish an intelligence briefing on every violation of the biological and chemical weapons treaties that people have signed around the world. And it’s a phone book, that tells you where, and who, and who’s funding and, and, and so, for us, it wasn’t hard to figure out that this was not a Public Health crisis. This is an opportunistic marketing campaign to address a stated objective. And that’s why this is Occam’s razor. It’s the easiest thing to describe because they’re the ones that said it and the Occam’s razor reality is they said they needed to get the public to accept a pan-coronavirus vaccine countermeasure, and they needed the media to create the hype and investors would follow where they see profit. You do not have anything else, you need to rely on to explain the events of the last 20 months, than the actual statement of the actual perpetrator. And I don’t do the navel-gazing exercise of going in to try to understand, whether there were mommy issues behind a bank robber. If they’re holding a bag of money outside of a bank, I actually make the crazy assumption that maybe they’re a bank robber.

Dr. Füllmich: (Laughter)

Dr. Martin: Similarly, if I have somebody who says, we need to use the media to hype a medical countermeasure, which is, in fact, the injection of a synthetic recombinant chimeric protein, developed off of a computer simulation, if I’m actually going to listen to the motivation for why, that might be being done, I will listen to the person doing the manipulation, who says, investors will follow where they see profit. I don’t need more explanation.

Dr. Füllmich: Okay, this is ah, mind-boggling I’m really glad, David, that we spoke a couple of months ago maybe three, three, four months ago and we were introduced to each other by David, I’m sorry, James Henry and I was trying to find patent lawyers in this country who might be interested in this case? Now, there are a few patent lawyers who understand about it but there’s no one apparently up till now, but maybe this is going to change, but there was no one willing to tackle this in the context of Corona, that’s the problem.

Dr. Wodarg: This is not new. I’ve tried to find such a lawyer too, specialized on patents. For the Enqueue-Commission for the German Bundestag some ten years ago, or more than 15 years ago and we did not find because they were all afraid to be critical on the system.

Dr. Martin: Yes.

Dr. Wodarg: They would be, they would be distracted. They would destroy their own job. This is very difficult.

Dr. Martin: Yeah. Bear in mind bear in mind, that this is an old problem because that, here’s here’s where the problem comes in. Ever since the establishment of the European patent office the Germans and the French not, surprisingly have maintained animosity that has, you know, been, is this newest version of, of animosity that goes back centuries. But when when the EPO was set up, the role of the patent office in Munich became a very nationalistic issue for Germany. And the notion that German patent examiners and German patent professionals still enjoyed supremacy, over the rest of Europe, became dogmatic. In 2003 and 2004 when the European patent office was first audited by my organization, and where we showed that somewhere between 20 and 30% of the patents in Europe were functional forgeries, meaning that they were copied from previous patents, the, the German representation of the European patent office lost their mind at the notion that they were doing anything remotely wrong. When the European Union, commissioned us to do an examination into software patents, a few years later, at the request of the Swedish, delegation to the European Union, and we showed hundreds, and hundreds of software patents, which were illegally, granted by the European Union, through the EPO, and then we found out that it was German patent examiners and German patent practitioners who were the ones who were responsible for their filing, we once again, saw that there was an enormous outcry and so what happens is that we have a dogmatically held position 20which says that even though the European patent office is supposed to be panEuropean, there is still in the minds of the German patent establishment, a supremacy over the rest of Europe. And if you call into question anything, including patents granted on a bio weapon, you are treading on ground that there is no forgiveness for.

Dr. Wodarg: Yes, we had some questions from Transparency International and we were wiped out. The topic was not followed.

Dr. Martin: Yep.

Dr. Wodarg: Was it…

Dr. Martin: You just can’t. It’s not, it’s not accessible, and and that’s just the tragedy of what has unfortunately become a regulatory capture organization. It’s actually not doing the public service.

(German)

Dr. Martin: Well, thank you, thank you for the time that you spent and I hope that it was helpful.

Dr. Füllmich: It was very helpful.

Dr. Wodarg: Very helpful, thank you very much.

Dr. Füllmich: We’re gonna hear a lot of Echoes. Thank you. David, and have a great weekend.

Dr. Martin: Okay, take care. Everybody.

Fonte Daniel Von Wachter, Dr. D.Martin & Dr. R.Fuellmich