Categorie
Non classé

La possessione ideologica è la vera pandemia

Gli ultimi anni sono stati dominati da una malattia virale mortale. Le forme più vecchie della malattia sono sempre state presenti nella popolazione a livelli più bassi, ma circa tre anni fa la forma più recente si è rapidamente impossessata di tutta la nostra popolazione, raggiungendo livelli pandemici e colpendo persone di ogni età e provenienza.

Le conseguenze sono state vari gradi di inabilità, lunghi periodi di degenza, perdita del lavoro, distruzione di aziende, dolorose parestesie, pericardite, miocardite e persino morte.

All’insaputa di molti, un medico canadese aveva lavorato duramente per avvertirci dei suoi pericoli molto prima che qualcuno si accorgesse della pandemia.

Mi riferisco alla malattia epistemica altamente contagiosa della possessione ideologica.

Qualsiasi ideologia ha il potenziale per essere letale quando viene avanzata da chi è così sicuro della propria conoscenza e della propria visione morale da imporla contro le proteste di chi ne è affetto. Per chi è ideologicamente posseduto, l’imposizione può sempre essere giustificata, perché “è la cosa giusta da fare“, “inizierà a funzionare se continuiamo a farlo“, “le lamentele vengono da persone cattive” e così via.

Come abbiamo visto negli ultimi due anni, la possessione ideologica può motivare l’abrogazione dei diritti fondamentali, compresa l’imposizione di un consenso medico non informato, la vergogna e l’evitamento di coloro che desiderano esercitare tali diritti fondamentali, il rifiuto di riconoscere le esperienze di coloro che sono stati danneggiati dalla malattia, e così via.

I sintomi

I sintomi della possessione ideologica si manifestano in modo diverso a seconda dell’ideologia posseduta e sono riportati di seguito a scopo diagnostico. Si spera che il seguente elenco possa aiutare i malati o i loro amici a osservare l’insorgenza della malattia prima che diventi fatale.

Certamente, non tutte le persone che presentano manifestazioni simili a quelle elencate di seguito sono sintomi di possessione ideologica. Per esempio, il fatto che una persona creda che il mondo ce l’abbia con lei non significa necessariamente che sia paranoica (B non implica P). E, cosa ancora più interessante, il fatto che si sia paranoici non significa che il mondo non voglia prenderci (P non implica che B sia falso).

Tuttavia, la convinzione che il mondo voglia prenderci è un ottimo marcatore diagnostico per la paranoia (B è altamente correlato causalmente con P).

Quindi, con questa cautela, l’elenco dei sintomi è il seguente.

Sintomi principali
  • Il posseduto insiste sul fatto che chiunque disapprovi una specifica opinione o politica deve anche rifiutare il valore morale di base che, per l’individuo posseduto, giustifica tale opinione o politica. Questa è la fallacia del paradigma presunto. Ad esempio, “Mi interessa salvare vite umane. Credo che tutti dovrebbero essere obbligati a immunizzarsi con un nuovo vaccino che non è stato sottoposto a test a lungo termine. Tu non pensi che dovrebbero essere obbligati a prendere questo vaccino. Quindi non ti interessa salvare vite umane“.
  • Il posseduto usa descrizioni semplicistiche e poco gentili di persone che non ha mai incontrato come mezzo per respingere il valore di tutte le loro convinzioni o azioni. Ad esempio, “È un anti-vaxxer” e “Io rappresento la scienza. Se qualcuno mi attacca, in realtà sta attaccando la scienza“. –Anthony Fauci
  • Il posseduto prenderà un singolo commento, una decisione o un’azione di un individuo come prova della sua inferiorità morale o intellettuale, senza tener conto del contesto, delle esperienze diverse, del fatto che le persone cambiano nel tempo o di altre informazioni sull’individuo che potrebbero fornire prove contro tale opinione. Per esempio, “Chiunque non sia d’accordo con questo non sta partecipando alla migliore cittadinanza“. — Dr. Aileen Marty, e “La libertà principale che vogliono è la libertà di essere stupidi“. — Joy Reid, MSNBC
  • Il posseduto sostiene che le persone all’interno di un gruppo specifico devono essere trattate peggio di tutti gli altri, pur credendo di essere la persona migliore. Per esempio: “Le persone che non fanno i vaccini, è ora di iniziare a farle vergognare“. — Don Lemon, CNN
  • Il posseduto crede che i problemi complessi abbiano una soluzione semplice, ignorando le prove o le ragionevoli intuizioni morali contrarie (proprio perché sono contrarie) o qualsiasi incertezza sull’attuazione della soluzione. Per esempio, “Non prenderete la COVID se fate queste vaccinazioni… Siamo in una pandemia di non vaccinati“. –Joe Biden
  • Quando i risultati di un’azione ideologicamente giustificata sono l’opposto di quelli previsti o di quelli sostenuti per giustificare quell’azione in primo luogo, il possessore si convince che non solo l’azione non è la causa di qualsiasi fallimento risultante, ma che altre azioni dello stesso tipo risolveranno il problema. Ad esempio, “I vaccini sono sicuri. Ve lo prometto…” — Joe Biden; “I vaccini sono sicuri ed efficaci“. — Anthony Fauci; “Per quanto riguarda i non vaccinati, voglio davvero farli arrabbiare. E continueremo a farlo, fino alla fine. Questa è la strategia“. — Il presidente Macron
Sintomi minori
  • Il posseduto ama più le occasioni per difendere ciò che crede che quelle per rendere più precise le sue convinzioni.
  • Il posseduto raccoglie dati a sostegno delle sue convinzioni invece di cercare dati che lo aiutino a correggere le false credenze.
  • Il posseduto offre opinioni non richieste senza alcun impegno empatico con il destinatario o senza alcun interesse a che questo sia in grado di esserne influenzato positivamente.
  • Il posseduto preferisce riformare le istituzioni della società per servire meglio la sua ideologia piuttosto che riformare la sua ideologia per servire meglio le persone.
Immunità, patologia e cura

Fortunatamente, il sistema immunitario epistemico della maggior parte delle persone sane fornisce un discreto grado di protezione contro la possessione ideologica. Il nucleo della risposta immunitaria – e di fatto una cura efficace – è l’amore per la verità, e in particolare il possesso della verità come valore morale più alto.

Patologicamente, la possessione ideologica può essere intesa come la sostituzione di questo valore più alto con un altro, come l’autoconservazione.

Ciò accade spesso quando i recettori dell’evidenza vengono sopraffatti dalla paura (il più potente agente patogeno epistemico) o disattivati per evitare la dissonanza cognitiva.

L’amore per la verità fornisce infatti una protezione quasi completa contro la possessione ideologica, perché la malattia, pur essendo mortale, ha una debolezza unica: è interamente curabile con l’onesta ammissione da parte dell’afflitto dei propri sintomi.

Tuttavia, la caratteristica più perniciosa e insidiosa della malattia impedisce al posseduto di cercare una cura o di curarsi: la possessione ideologica può camuffarsi nella mente dell’afflitto come quello stesso Amore per la Verità che, nella sua forma autentica, lo curerebbe.

Quali condizioni, dunque, permettono a chi è in preda alla possessione ideologica – il cui amore per la Verità può essere già stato sostituito da una contraffazione – di curarsi?

Per rispondere, è importante comprendere la relazione simbiotica della malattia con il suo ospite.

Sebbene le pandemie di possessione ideologica possano essere fatali per intere società, la malattia fornisce benefici immediati a ciascun individuo affetto, come la certezza e la stabilità intellettuale, il sentimento di superiorità morale, l’apparente semplificazione delle decisioni e delle domande difficili della vita, l’evitamento della vera responsabilità morale e il senso di appartenenza ad altre persone similmente affette. Tutti questi aspetti tendono a impedire l’autotrattamento.

Di conseguenza, le cure per la possessione ideologica tendono a essere esterne e non ricercate. Esistono comunque e si dividono in due grandi categorie: le cure veloci e le cure lente.

Le cure rapide tendono a essere innescate da un fallimento catastrofico di uno o più dei benefici di cui sopra per l’individuo affetto. Ciò può accadere quando, nonostante la percezione e il ragionamento altamente motivati dell’individuo posseduto, questo sperimenta un risultato inaspettato, doloroso e scioccante di un’azione ideologicamente motivata. Lo shock doloroso attiva l’Amore per la Verità per un tempo sufficiente a localizzare la causa del dolore, costringendo l’afflitto ad ammettere i sintomi e quindi a identificare la malattia per quello che è, realizzando una cura rapida.

Le cure lente tendono a comportare una crescente consapevolezza da parte di una persona afflitta della stessa malattia negli amici o in altre persone con cui si identifica. Ciò può essere indotto quando l’individuo vede incoerenze nelle parole e nelle azioni di questi altri che causano danni diretti agli altri e agli obiettivi dichiarati dell’ideologia posseduta. (In linea di principio, questa lenta guarigione potrebbe essere indotta dall’osservazione delle proprie azioni in condizioni di possesso ideologico, ma ciò è solitamente impedito dal moralismo che è uno dei sintomi più comuni della malattia).

Per mantenere una buona salute epistemica

Per proteggersi dalla terribile malattia epistemica della possessione ideologica, l’alimentazione e l’esercizio epistemico sono estremamente efficaci.

Per quanto riguarda il primo punto, le persone dovrebbero evitare di consumare troppe indicazioni altamente elaborate, come quelle che contengono molti additivi, prodotte dai media e dai politici. Dovrebbero invece bilanciare la loro dieta verso informazioni più grezze. Le informazioni grezze (come i dati effettivi di uno studio sull’efficacia e la sicurezza di un vaccino – per fare un esempio del tutto casuale) forniscono un’immunità contro i danni epistemici che possono essere causati dalle affermazioni elaborate (come i titoli dei giornali sull’efficacia e la sicurezza di un vaccino – per fare un altro esempio del tutto casuale).

L’alimentazione epistemica dovrebbe includere anche integratori sotto forma di produzione cognitiva di altri individui epistemicamente sani. Tra questi, ad esempio, John Stuart Mill (“Chi conosce solo la propria parte del caso ne sa poco“), George Orwell (“Per vedere ciò che si ha davanti al naso occorre una lotta costante“) e Dostoevskij (“Nulla è più facile che denunciare il malfattore. Nulla è più difficile che capirlo“). Aggiungete a questi supplementi generali quelli di pensatori particolari con i quali non siete d’accordo sulle cose che vi interessano, e sarete ancora più in forma.

Per quanto riguarda l’esercizio epistemico, un approccio è particolarmente efficace e immediatamente gratificante: coltivare amicizie reali con persone che hanno presupposti, esperienze e priorità morali e politiche dichiarate molto diverse dalle vostre.

La buona notizia è che, se si insegue la Verità con sufficiente impegno, è molto improbabile che la malattia del possesso ideologico ci raggiunga. L’obiettivo finale dell’immunità di gregge (o di popolazione) è più difficile da raggiungere, ma è molto probabile che, man mano che tutte le conseguenze della più recente pandemia di possesso ideologico vengono alla luce, la resistenza della popolazione sarà più alta di quanto non sia mai stata in una vita intera quando la prossima minaccia di colpire.

— Robin Koerner

L’autore: Robin Koerner è un cittadino statunitense di origine britannica, attualmente preside accademico del John Locke Institute. Si è laureato in fisica e filosofia della scienza all’Università di Cambridge (Regno Unito).

Fonte/tradotto da Ideological Possession Is the Real Pandemic


Gli ideologi vogliono far credere sia vero ciò in cui essi, ciecamente, credonoDaniele Trabucco