Categorie
Non classé

Il gruppo oscuro che ha portato i provvedimenti per le mascherine nel Regno Unito

Nel nostro paese, che si suppone liberale e trasparente, sembra che sia stato un gruppo di scienziati remoti e senza nome, al di fuori dell’infrastruttura formale di SAGE, a imporre effettivamente le maschere ai cittadini britannici. Si trattava di accademici benintenzionati che offrivano la loro esperienza o di ideologi in conflitto impegnati in un tentativo globale di controllare le masse? Decidete voi.

Il voltafaccia sulle raccomandazioni e i regolamenti in materia di maschere da parte del governo britannico e dei suoi esperti di salute pubblica nel 2020 è una delle tante decisioni politiche insondabili a cui abbiamo assistito durante l’era Covid. Nel giro di poco più di un mese, i nostri ministri, scienziati di alto livello e leader medici sono passati da una posizione che implorava ripetutamente tutti noi di non indossare una maschera in ambienti comunitari a una totalitaria che imponeva l’uso della maschera. Chi è il principale responsabile di questa straordinaria inversione di rotta?

In base alle recenti rivelazioni dell’ex Segretario alla Sanità Matt Hancock, sembra che i capricci politici di Dominic Cummings (ex consigliere del governo) e Nicola Sturgeon (primo ministro scozzese) possano aver influito. Tuttavia, è improbabile che le bizzarrie delle figure politiche siano state sufficienti per ottenere un’inversione di tendenza della maschera, e sarebbe stato necessario il sostegno di consulenti scientifici esperti. Quali accademici hanno svolto questo ruolo di esecutori della maschera? Sorprendentemente, un’esplorazione approfondita dei verbali di SAGE – e la compilazione di una timeline decisionale – durante il preludio a questa inversione di politica coinvolge un oscuro gruppo multidisciplinare di cui la maggior parte di noi non ha mai sentito parlare: DELVE, acronimo di Data Evaluation and Learning for Viral Epidemics.

Cosa pensavano gli esperti prima di marzo e inizio aprile 2020

All’inizio della primavera del 2020, gli esperti di salute pubblica parlavano con una sola lingua. Ecco alcuni promemoria della loro saggezza collettiva:

Per quanto riguarda l’uso della maschera, il nostro consiglio è chiaro: indossare una maschera se non si ha un’infezione non riduce quasi per nulla il rischio. Quindi non lo consigliamo.
Professor Chris Whitty, Chief Medical Officer dell’Inghilterra (4 marzo 2020).

Per il pubblico medio le maschere non sono una buona idea… le persone possono correre più rischi che rischi… si può effettivamente intrappolare il virus nella maschera e iniziare a respirarlo.
Dott.ssa Jenny Harries, Vice Direttore Sanitario dell’Inghilterra (12 marzo 2020).

L’evidenza globale è che le maschere nella popolazione generale non funzionano.
Professor Jason Leitch, direttore clinico della Scozia (3 aprile 2020).

Non raccomandiamo le mascherine per l’uso generale.
Professor Jonathan Van Tam, Vice Direttore Medico dell’Inghilterra (3 aprile 2020)

Gli esperti erano così chiaramente uniti nella loro posizione anti-maschera che, in questo periodo, l’Agenzia per gli Standard Pubblicitari (ASA) ha vietato la pubblicità di due aziende a causa di affermazioni false secondo cui le lo maschere avrebbero protetto dal coronavirus. L’intervento dell’ASA ha ottenuto l’inequivocabile sostegno del professor Stephen Powis (direttore medico dell’NHS), che ha dichiarato:

Le aziende insensibili che cercano di massimizzare i profitti promuovendo prodotti che contrastano con i consigli ufficiali sono assolutamente pericolose e sono state giustamente vietate.

Chiaramente, i requisiti di mascheratura di massa non erano stati presi in considerazione in quel momento. Che cosa è successo dopo?

La fase tiepida: 7-20 aprile 2020

All’indomani del troppo breve periodo di sanità mentale – in cui l’uso di protezioni per il viso in ambienti comunitari è stato riconosciuto come inefficace e suscettibile di fare più danni che benefici – SAGE ha intrapreso un periodo di raccolta di informazioni, sondando il panorama accademico, apparentemente alla ricerca di una giustificazione per un mascheramento diffuso. A due settimane dal primo blocco, forse stavano covando la sete di maggiori restrizioni o semplicemente reagendo alle pressioni dei media per “fare qualcosa”. Tuttavia, il feedback degli esperti ricevuto tra il 7 e il 20 aprile è stato generalmente tiepido sul valore potenziale dell’imposizione di maschere a persone sane.

Un rapporto (datato 7 aprile) di UNCOVER, un gruppo con sede all’Università di Edimburgo, ha concluso dalla sua revisione delle prove che

l’uso di maschere facciali nella comunità non è stato associato in modo significativo a una riduzione degli episodi di malattia simil-influenzale … l’uso delle maschere da solo, in assenza di altre misure preventive, è improbabile che sia efficace.

I verbali del SAGE della stessa data fanno riferimento anche al lavoro del NERVTAG (New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group), che avrebbe affermato che

un maggiore uso delle mascherine avrebbe un effetto minimo (in termini di prevenzione dell’infezione della popolazione generale non infetta).

Alla luce di questo parere convergente sul fatto che le maschere costituivano una scarsa barriera virale, gli esperti del SAGE hanno ora accettato che non erano indicate ulteriori politiche in materia di maschere? No: due giorni dopo – come riportato nel verbale del 9 aprile – il SAGE chiese ulteriori informazioni e richiese che il NERVTAG producesse un altro documento sulle maschere, “compresi gli aspetti comportamentali” (enfasi aggiunta) ad esse associati, “attingendo allo SPI-B se necessario“. Tra i membri del NERVTAG vi erano convinti sostenitori della restrizione di Covid, come i professori Neil Ferguson, Malcolm Semple e John Edmunds. Lo SPI-B (il sottogruppo di scienze comportamentali del SAGE) avrebbe riconosciuto il potenziale potere delle maschere di “spingere” le persone a rispettare i diktat della sanità pubblica. Se si volesse cercare una convalida per il mascheramento delle persone nella comunità, ci si aspetterebbe che questi due gruppi fornissero risultati.

Ma, forse sorprendentemente, sia il NERVTAG che lo SPI-B non sono convinti dei benefici netti dell’uso di routine di protezioni per il viso da parte di persone sane.

Nel documento del NERVTAG del 13 aprile, intitolato “Maschere facciali nella comunità“, la conclusione generale era:

Nel complesso non ci sono prove sufficienti per raccomandare l’uso universale di maschere facciali nella comunità.

Nello specifico, le opzioni strategiche sono state riassunte come segue:

  • Maschere facciali universali nella comunità: NON RACCOMANDATO
  • Maschere facciali per tutti per brevi periodi di contatto ravvicinato inevitabile: FACOLTATIVO
  • Maschere facciali in comunità per individui vulnerabili per brevi periodi: RACCOMANDATO

Quindi, a parte i soggetti con significative vulnerabilità esistenti, questi esperti si sono opposti all’obbligo di mascheratura generalizzata della popolazione. Il verbale principale del SAGE del 16 aprile riflette questa conclusione, ribadendo che

le prove degli studi RCT non sono conclusive per quanto riguarda gli effetti protettivi delle maschere facciali quando vengono indossate in contesti domestici o comunitari

e sollevando ulteriori preoccupazioni in merito alla mascheratura comunitaria, tra cui: i vincoli di approvvigionamento, la praticabilità per i lavoratori dei trasporti e dei negozi di indossare le maschere per un’intera giornata e il potenziale di aumentare la compiacenza nei confronti di altre restrizioni (come l’allontanamento sociale). È interessante notare che, dopo aver fatto eco ai risultati di queste ricerche e alle loro riserve sull’imposizione di ulteriori requisiti per le maschere, un addendum al verbale del SAGE del 16 aprile si impegna a fornire una guida riveduta sulle maschere entro la settimana che inizia il 20 aprile. Inoltre, all’interno di questo addendum, c’è un’azione esplicita affinché il Chief Medical Officer produca

una sintesi delle raccomandazioni sull’uso delle maschere facciali sulla base della sintesi delle prove di DELVE

[sottolineatura mia]. Forse erano già consapevoli della cavalleria pro-mascherina che stava arrivando all’orizzonte?

Nel frattempo, i “nudger” della scienza comportamentale del gruppo SPI-B hanno pubblicato il loro documento il 20 aprile, in cui evidenziano i potenziali benefici e gli esiti negativi della raccomandazione delle mascherine nella comunità. Prevedibilmente, promuovono la copertura del viso come un modo per

dimostrare che un individuo si preoccupa del benessere degli altri e mette in atto le norme sociali desiderate

un efficace strumento per far rispettare le spinte di “ego” e “pressione normativa“, per usare il linguaggio della scienza comportamentale. Ma, inoltre, richiamano l’attenzione su alcune delle implicazioni indesiderate dei mandati per le maschere, tra cui la

valutazione negativa e le molestie nei confronti di chi non indossa le maschere, con conseguenti divisioni che potrebbero minare la solidarietà collettiva.

Si trattava quindi di un’approvazione tutt’altro che clamorosa della copertura del viso nella comunità.

Poi è arrivato DELVE.

DELVE: gli esecutori di maschere

Il 21 aprile 2020, DELVE ha presentato a SAGE un documento intitolato “Report on face masks for the general public“. Dato il contenuto e il tono stridente a favore delle maschere di questa revisione – in netto contrasto con le analisi precedenti di altre fonti – è ragionevole proporre che questo gruppo di accademici, distante dall’apparato decisionale mainstream di Covid, sia stato il principale responsabile dell’imbavagliamento forzato del popolo britannico.

Citando un’accozzaglia di studi di laboratorio e osservazionali altamente selettivi, insieme a sovrastime selvagge del grado di trasmissione asintomatica e a una corruzione del principio di precauzione (assumendo che l’intervento sia la posizione sicura e predefinita), il gruppo DELVE ha chiesto a gran voce al pubblico di coprirsi il viso con plastica e stoffa. Il loro intento era chiaro fin dalla prima frase del loro rapporto:

Le maschere facciali offrono uno strumento importante per gestire la trasmissione della COVID-19 nella popolazione generale.

Il nucleo del ragionamento errato di DELVE consiste nell’ignorare i risultati coerenti degli studi randomizzati e controllati secondo cui la mascheratura della comunità non ottiene alcuna riduzione apprezzabile della trasmissione virale, nell’ignorare i danni diffusi associati alla mascheratura di massa e nel fare tre affermazioni poco plausibili:

  • Asserzione 1: l’80% delle persone infette non presenta alcun sintomo. Questa affermazione riflette in gran parte il mancato riconoscimento del fatto che una persona asintomatica che risulta positiva al test non è necessariamente infettiva; in effetti, la ricerca suggerisce che le persone senza sintomi contribuiscono molto poco alla propagazione di una pandemia.
  • Asserzione 2: Le goccioline costituiscono una delle principali modalità di trasmissione. Eppure c’è un crescente consenso sul fatto che il virus della SARS-CoV-2 si diffonde principalmente tramite aerosol microscopici, quindi aspettarsi che le mascherine facciali agiscano da barriera è come aspettarsi che una rete da tennis sia impermeabile alla sabbia.
  • Asserzione 3: Le maschere facciali riducono la diffusione delle goccioline. Anche se lo facessero, l’invalidità delle due affermazioni precedenti rende questa affermazione largamente irrilevante.

Sulla base di questa triade di affermazioni false, DELVE ha deciso di influenzare la politica nazionale proclamando che

l’uso diffuso di mascherine chirurgiche e casalinghe tra la popolazione può avere un effetto mitigatore significativo sulla diffusione della COVID-19.

Sulla scia del rapporto DELVE, altri gruppi che da sempre spingono per restrizioni più severe si sono uniti alla richiesta di mascherare il Regno Unito. Ad esempio, un documento della London School of Hygiene and Tropical Medicine ha riferito che – sulla base di modelli propri – un’elevata osservanza della copertura del viso potrebbe avere un “impatto modesto” sulla trasmissione virale. Il 21 aprile, il verbale del SAGE [ndr: vedi pure nel verbale 22.4.20 del famigerato CTS] includeva una dichiarazione in cui si affermava che

ci sono prove sufficienti per sostenere la raccomandazione dell’uso comunitario di maschere facciali di stoffa.

Successivamente, il 25 aprile, l’Associazione Medica Britannica ha sollecitato il governo a rendere obbligatorio l’uso di mascherine per la popolazione quando si trova fuori casa.

Prevedibilmente, il governo ha acconsentito. A partire dal 15 giugno 2020, le maschere sono state imposte in sequenza sui trasporti pubblici, nei negozi e nelle strutture ricreative al chiuso e, vergognosamente, nelle scuole. La mancata accettazione di questa coercizione statale ha messo i cittadini britannici a rischio di multe, esclusione dal lavoro e dalla partecipazione alla vita quotidiana. Le persone venivano abitualmente molestate e diffamate per aver scelto di non coprire le proprie vie respiratorie con tessuti o plastica. Sulla base della cronologia sopra descritta, è ragionevole concludere che DELVE è stata la principale responsabile dell’imposizione di una restrizione inefficace e dannosa, nonché di una grave violazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Ma cos’è DELVE, questo gruppo oscuro che spara mezze verità e guida la narrazione mainstream della mascherina ?

DELVE: adesione e affiliazioni

DELVE è un’iniziativa indetta dalla Royal Society (un’accademia scientifica britannica, “dedicata a promuovere l’eccellenza nella scienza a beneficio dell’umanità“). Questa società colta con un obiettivo così elevato descrive DELVE come

un gruppo multidisciplinare… per sostenere un approccio guidato dai dati per imparare dai diversi approcci che i Paesi stanno adottando per gestire la pandemia (sic).

A quanto pare, il lavoro di questo gruppo è stato

discusso e accolto con favore dal governo, che ha disposto che fornisca contributi attraverso SAGE.

Non ricordo che questo accordo sia stato condiviso con il pubblico britannico durante una conferenza stampa di Whitty e Vallance nel 2020, ma forse mi è sfuggito?

La Royal Society è stata fermamente a favore della restrizione per tutta l’era Covid, e il suo impegno a favore della coercizione della maschera è dimostrato dal fatto che ha ospitato e promosso la produzione di DELVE, che ha cambiato la politica, sul proprio sito web il 5 maggio 2020. Fedele alla sua forma, la Royal Society ha fatto seguito con un proprio documento fortemente favorevole alle maschere il 26 giugno 2020, in cui ha lodato in particolare il valore delle maschere nel trasmettere messaggi psicologici che promuovono il rispetto generale delle restrizioni, dando ulteriore peso alla premessa che le coperture facciali sono state imposte principalmente come metodo di controllo delle persone piuttosto che per limitare la diffusione virale. Il 10 luglio 2020, Venki Ramakrishnan (presidente della Royal Society) aveva dichiarato al Guardian che

rifiutare di indossare una maschera in pubblico durante l’epidemia di COVID-19 dovrebbe diventare socialmente inaccettabile come guidare in stato di ebbrezza o non indossare la cintura di sicurezza.

Anche l’esame delle persone coinvolte nel DELVE è istruttivo. Scorrendo l’elenco dei membri del suo “Comitato direttivo” – “un gruppo di esperti di alto livello che supervisiona il lavoro e comunica i risultati al Consulente scientifico capo del governo e alle sue reti di governo” – si scopre che molti hanno strette affiliazioni, non solo con la Royal Society, ma anche con altre organizzazioni favorevoli alla restrizione e altamente conflittuali, come il Wellcome TrustImperial College London (quest’ultimo è la sede dell’arci-modellatore, il professor Neil Ferguson). I membri includono: Devi Shridar, professore di salute globale all’Università di Edimburgo, titolare di un Wellcome Trust investigator award, direttore fondatore del Global Health Governance Programme e con un precedente coinvolgimento nel World Economic Forum Council on the Health Industry; Demis Hassabis, esperto di intelligenza artificiale la cui missione dichiarata è quella di risolvere “il problema dell’intelligenza” per poi utilizzare l’AI “per risolvere tutto il resto“; e Daniel Kahneman, professore di psicologia all’Università di Princetown e scienziato comportamentale di fama mondiale. Quindi questi sono alcuni degli scienziati che hanno deciso di costringere il popolo britannico a coprirsi il viso: un beniamino dei media che ha adottato l’approccio “lockdown e vaccina” alla gestione delle pandemie, un fervente sostenitore del transumanesimo e un “nudger” [manipolatore] americano.

Chiaramente, non sono stati solo gli scienziati irreprensibili della SAGE a dirigere la politica durante l’era Covid. Per quanto riguarda i decreti sulle mascherine, i tecnocrati nascosti del DELVE hanno avuto un ruolo centrale nell’obbligare tutti noi a coprirci il volto negli ambienti comunitari. In una società apparentemente democratica e liberale, è giusto che influencer anonimi – soggetti a pregiudizi e corruzione – prendano decisioni che si intromettono nelle nostre vite? Io credo di no.

Il dottor Gary Sidley è un consulente psicologo clinico dell’NHS in pensione e cofondatore della campagna Smile Free. Tiene un blog su Coronababble.

Fonte/tradotto da The Shadowy Group That Brought Mask Mandates to the U.K.

Tra i commenti:

Durante la risposta della Gran Bretagna alla crisi di Covid-19, un gruppo di pressione noto come Independent Scientific Advisory Group for Emergencies (“iSAGE”) è stato uno dei principali promotori delle politiche di lockdown più draconiane del governo.

La questione è più oscura di quanto si pensi. Un gruppo oscuro chiamato “Masks4all” promuove le maschere a livello internazionale dall’inizio del 2020. Si descrivono come un “MOVIMENTO PER L’USO DI MASCHERE FATTE IN CASA COME ATTREZZATURE CRITICHE DI PROTEZIONE CONTRO IL COVID-19“.
Sembra che abbiano sede in California, ma secondo il loro sito web molti dei loro fondatori sono accademici cechi. Inutile dire che uno dei loro fondatori è un “Young Global Leader del World Economic Forum“.