Categorie
Non classé

Le mascherine non sono etiche, di proposito

Molte delle risposte della sanità pubblica che abbiamo visto durante la pandemia erano intrinsecamente immorali, ma la nostra leggerezza riguardo alla sicurezza dei bambini nelle scuole pubbliche è stata tra le più eclatanti. Purtroppo, le famiglie rimangono in gran parte prive di risorse contro una leadership assetata di potere.

Il mascheramento rimane un tema molto dibattuto nelle riunioni dei consigli scolastici di tutto il mondo. In Ontario, Canada, il 24 novembre 2022, un mandato di mascheratura a livello distrettuale è stato evitato per un soffio, con un voto di 6 a 6. I genitori si sono sentiti sollevati, ma la decisione è stata presa per un soffio. I genitori si sono sentiti sollevati, ma c’è mancato poco per essere tranquilli.

È bene ripetere, e con grande enfasi, che ogni maschera che avete mai visto su un bambino non è regolamentata, non è stata testata e non è sicura, con zero standard di efficacia, vestibilità, durata di utilizzo o autorizzazione medica. Zero.

In ambito scolastico, gli insegnanti e il personale che si sostituiscono ai genitori sono definiti In Loco Parentis – eppure la negazione dell’autonomia medica è appena stata muy, muy loco. È assurdo pretendere che In Loco Parentis significhi che la scuola possa improvvisamente prendere decisioni mediche per conto di un bambino minorenne, comprese quelle relative alla protezione respiratoria.

Se uno studente fosse gravemente ferito mentre si trova nel campus, i medici prenderebbero le decisioni del caso fino alla presenza di un genitore, senza mai chiedere a un insegnante, a un preside o a un sovrintendente di fare scelte sanitarie. Se un’adolescente rimane incinta, un insegnante non può acconsentire all’aborto al posto di un genitore. Un’infermiera scolastica è un’assistente, non un tutore. È una linea di demarcazione che non possiamo permettere che venga offuscata.

Nel caso delle mascherine, i bambini si trovano per 8-12 ore al giorno in qualcosa che non è approvato per un uso prolungato nemmeno negli adulti. Gli adulti devono sottoporsi a un’esauriente autorizzazione medica e a test di idoneità approfonditi prima di indossare un kit specifico per i rischi, prescritto da un igienista industriale in base a specifiche condizioni di utilizzo. I programmi di protezione respiratoria sul posto di lavoro richiedono aria supplementare filtrata per tenere conto delle interferenze respiratorie dovute a periodi prolungati di respirazione limitata.

Altri rischi, come l’inalazione di fibre sciolte e l’esposizione al vasto accumulo microbico che si trova sulle maschere, sono altri elementi presi in considerazione nella valutazione della protezione respiratoria. Con il passare del tempo, le maschere diventano un mezzo vivente in un ambiente caldo e umido. I dentisti e i chirurghi indossano le mascherine per evitare che schizzi e spruzzi penetrino nella mucosa orale e nasale, ma non le indossano tutto il giorno, respirando disgustosi souvenir microbici. Di certo non indossano maschere chirurgiche per attenuare gli agenti patogeni presenti nell’aria, a meno che non vogliano essere esposti.

Abbiamo saltato la necessaria autorizzazione medica e il consenso alla protezione respiratoria con i bambini. Richiediamo standard di sicurezza rigorosi per tutti gli altri prodotti destinati ai bambini. Perché dovremmo ignorare i protocolli di sicurezza per qualcosa che ha danni noti e previsti?

Definire semplicemente qualcosa di non etico è ben lontano dal dimostrarlo. Mappando i dettagli specifici di richieste come il mascheramento obbligatorio, possiamo spingere affinché queste pratiche siano discusse davanti agli Institutional Review Boards (IRB) per gli studi sull’uomo, per dimostrare la natura non etica delle nostre politiche. Ho creato una replica dello studio sulle pratiche di mascheratura nelle scuole, affinché i medici la portino davanti ai loro IRB, l’ambito corretto per un simile dibattito, invece che alle riunioni dei consigli scolastici. Forse possiamo finalmente porre fine a queste pratiche disumane prima che le cose degenerino in danni irreversibili.

Ho avuto un medico che ha discusso il mio studio di replica davanti al suo IRB in Arizona, ed è stato respinto all’unanimità sulla base di ampie violazioni etiche e di anticipazioni di danni.

 

Dal verbale della riunione dell’IRB: “Uno studio è stato sottoposto all’IRB. È stato notato che lo studio proposto introdurrebbe dei rischi per i bambini. Al gruppo è sembrato che lo stiamo rifiutando sulla base della violazione del principio “prima non nuocere”. Non ci sarebbe alcuna supervisione medica durante questo periodo, anche se i bambini subissero un grave impatto fisiologico durante l’uso. Spaventoso. È stata presentata una mozione: Rifiutare questo studio perché i bambini non verrebbero valutati dal punto di vista medico e perché viola il Primum non nocere. E non è etico. La mozione è stata appoggiata. La mozione è stata approvata all’unanimità per respingere questo studio per motivi etici”.

La loro reazione riassume in modo esauriente le mie obiezioni a queste pratiche.
Studio di replica (formulazione esatta come presentata)

In uno studio di replica proposto su ciò che i bambini delle scuole sperimentano quotidianamente a causa del mascheramento obbligatorio, alcuni elementi di progettazione sarebbero critici.

Le maschere che si vedono sui bambini non sono regolamentate, non sono state testate e non hanno standard di efficacia per le particelle. Non esistono standard di vestibilità o di sicurezza per l’uso prolungato, né test qualitativi di vestibilità come quelli richiesti per i dispositivi sul posto di lavoro, né monitoraggio dello stato di salute, comprese le interferenze fisiologiche come la deossigenazione, l’ipercapnia o le interferenze linguistiche e di sviluppo dovute all’impossibilità di vedere la posizione di denti, lingua e labbra. Gli apparecchi osservati sui bambini sono espressamente non mitiganti per gli aerosol secondo gli standard OSHA e NIOSH, secondo cui un apparecchio deve essere efficace al 90% per essere considerato mitigante e il 3,2% di perdite equivale al 100% di inefficacia per l’esposizione agli aerosol.

Pertanto, in uno studio incentrato sui bambini partecipanti, le conseguenze comportamentali della mancata osservanza dovrebbero essere universali; la mancata osservanza dell’obbligo di indossare l’apparecchio comporterebbe una punizione, come la perdita delle attività preferite o la corsa in maschera durante la ricreazione, come avviene comunemente nei nostri sistemi scolastici.

I livelli di ossigeno potrebbero essere monitorati, ma ai bambini verrebbe richiesto di indossarli anche se i loro livelli di ossigeno scendono a livelli non sicuri durante l’uso (dato che nelle scuole non è stato previsto alcun monitoraggio sanitario).

Non ci sarebbe alcun aspetto di autorizzazione medica, per cui gli studenti sarebbero obbligati a indossare questi apparecchi anche se hanno un grave impatto fisiologico durante l’uso. Le 3 pagine allegate [1, 2, 3] di patogeni risultanti si riferiscono a un giorno di utilizzo; i soggetti del test si troverebbero in un ambiente non sterile, potenzialmente esposti alla gamma di agenti patogeni elencati di seguito, e ai bambini che lasciano cadere le maschere o le posano in luoghi non igienici verrebbe richiesto di continuare a indossarle per l’intera giornata.

I bambini nei sistemi scolastici indossano le maschere per 8-12 ore al giorno, quindi, in sintesi, avremmo apparecchi non regolamentati sui bambini senza autorizzazione medica o consenso dei genitori, senza alcun riguardo per la deossigenazione o l’ipercapnia osservata nei partecipanti allo studio, sanzioni severe in caso di inadempienza ed esposizione ad agenti patogeni pericolosi direttamente di fronte alle mucose orali e nasali in un ambiente caldo e umido, ideale per l’amplificazione biologica per 8-12 ore al giorno. Sarebbe importante mostrare l’impatto longitudinale delle interferenze fisiologiche e dello sviluppo, quindi lo studio dovrebbe durare almeno un anno.

Considerazioni

Se la nostra leadership prendesse sul serio la messaggistica sulla salute pubblica, sarebbe scrupolosamente specifica nell’informare il pubblico durante una crisi. Per i soggetti vulnerabili dal punto di vista medico, dobbiamo evitare di instillare un falso senso di sicurezza, soprattutto quando l’applicazione di una determinata misura potrebbe comportare il danneggiamento o la morte di individui sensibili.

Un disegno di studio simile è necessario per le popolazioni anziane e vulnerabili dal punto di vista medico. Se un individuo ha una storia di condizioni respiratorie, dovremmo cercare misure di protezione mirate che non esacerbino i problemi sottostanti; non dobbiamo implementare l’uso obbligatorio di metodi che sono dannosi e non funzionano.

Coloro che spingono sui bambini apparecchi sempre più restrittivi si sono mai fermati a considerare la realtà di ciò che i bambini vivono minuto per minuto? I bambini dipendono da noi per fornire ambienti educativi sicuri, con la finzione riservata al gioco, assente dai nostri metodi di protezione dei soggetti vulnerabili dal punto di vista medico. Eppure, per quanto riguarda le scuole e gli sforzi di mitigazione adeguati, abbiamo fallito con tutti loro.

Fonte / tradotto da Masks Were Unethical by Design