Categorie
Non classé

Una “Roccia” tagliente: Guerra economica all’umanità

Perché molti alimenti moderni sono di qualità inferiore? Perché la salute soffre e i piccoli agricoltori che nutrono la maggior parte del mondo sono costretti ad abbandonare l’agricoltura?

Principalmente a causa della mentalità di personaggi come Larry Fink di BlackRock – la più grande società di gestione patrimoniale del mondo – e del sistema economico da cui traggono profitto e che promuovono.

Nel 2011, Fink ha dichiarato che gli investimenti in agricoltura e acqua sarebbero stati i più performanti nei prossimi 10 anni.

Fink ha dichiarato:

Andate lunghi su agricoltura e acqua e andate in spiaggia.

Non sorprende quindi che solo tre anni dopo, nel 2014, l’Oakland Institute abbia scoperto che gli investitori istituzionali, tra cui hedge fund, private equity e fondi pensione, stavano capitalizzando sui terreni agricoli globali come una nuova classe di attività altamente desiderabile.

I fondi tendono a investire per un periodo di 10-15 anni, ottenendo buoni rendimenti per gli investitori, ma spesso causano devastazioni ambientali e sociali a lungo termine. Minano la sicurezza alimentare locale e regionale attraverso l’acquisto di terreni e il consolidamento di un modello agricolo industriale orientato all’esportazione.

Nel settembre 2020, Grain.org ha mostrato che i fondi di private equity – pool di denaro che utilizzano fondi pensione, fondi sovrani, fondi di dotazione e investimenti di governi, banche, compagnie assicurative e individui con un alto patrimonio netto – sono stati iniettati nel settore agricolo in tutto il mondo.

Questo denaro è stato utilizzato per affittare o acquistare aziende agricole a basso costo e aggregarle in imprese di cereali e soia su larga scala, in stile statunitense. I paradisi fiscali offshore e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo avevano preso di mira in particolare l’Ucraina.

L’agrobusiness occidentale bramava da tempo il settore agricolo ucraino. Il Paese contiene un terzo di tutti i terreni coltivabili d’Europa. Un articolo del 2015 di Oriental Review ha osservato che, dalla metà degli anni ’90, gli ucraino-americani alla guida del Consiglio d’affari USA-Ucraina sono stati determinanti nell’incoraggiare il controllo straniero dell’agricoltura ucraina.

Nel novembre 2013, la Confederazione Agraria Ucraina ha redatto un emendamento legale che avvantaggerebbe i produttori globali di agrobusiness consentendo l’uso diffuso di sementi geneticamente modificate.

Nel giugno 2020, il Fondo Monetario Internazionale ha approvato un programma vincolato di prestito di 5 miliardi di dollari con l’Ucraina, della durata di 18 mesi.

Già prima del conflitto, la Banca Mondiale aveva inserito misure relative alla vendita di terreni agricoli pubblici tra le condizioni di un prestito di 350 milioni di dollari per le politiche di sviluppo (pacchetto di aiuti COVID) all’Ucraina. Tra queste, un'”azione preventiva” richiesta per “consentire la vendita di terreni agricoli e l’uso di terreni come garanzia“.

È interessante notare che Larry Fink e BlackRock devono “coordinare” gli investimenti nella “ricostruzione” dell’Ucraina.

Una dichiarazione ufficiale rilasciata a fine dicembre 2022 affermava che l’accordo con BlackRock si sarebbe:

…si concentrerà nel breve termine sul coordinamento degli sforzi di tutti i potenziali investitori e partecipanti alla ricostruzione del nostro Paese, incanalando gli investimenti nei settori più rilevanti e d’impatto dell’economia ucraina.

Con oltre 813,5 miliardi di dollari investiti in aziende produttrici di armi, BlackRock si trova in una situazione vantaggiosa per tutti, traendo profitto sia dalla distruzione che dalla ricostruzione.

BlackRock è un gestore di investimenti di proprietà pubblica che fornisce i suoi servizi principalmente a investitori istituzionali, intermediari e singoli. L’azienda esiste per far fruttare i propri asset ai clienti. E deve garantire il funzionamento del sistema finanziario per raggiungere questo obiettivo. E questo è esattamente ciò che fa.

Già nel 2010, il sito farmlandgrab.org riportava che il fondo agricolo globale di BlackRock avrebbe puntato (investito) su società che si occupano di prodotti chimici, attrezzature e infrastrutture legate all’agricoltura, oltre che di soft commodity e alimenti, biocarburanti, silvicoltura, scienze agricole e terreni coltivabili.

Secondo una ricerca di Global Witness, il fondo ha poi tratto indirettamente profitto da abusi ambientali e dei diritti umani investendo in banche note per aver finanziato aziende produttrici di olio di palma dannose (si veda l’articolo Il vero prezzo dell’olio di palma, 2021).

Il Global Consumer Staples exchange-rated fund (ETF) di Blackrock, lanciato nel 2006, secondo l’articolo The rise of financial investment and common ownership in global agrifood firms (Review of International Political Economy, 2019), ha:

un patrimonio gestito di 560 milioni di dollari e detiene azioni di alcune delle maggiori aziende alimentari del mondo, con titoli agroalimentari che costituiscono circa il 75% del fondo. Nestlé è la principale partecipazione del fondo, mentre tra le altre aziende agroalimentari che lo compongono figurano Coca-Cola, PepsiCo, Walmart, Anheuser Busch InBev, Mondelez, Danone e Kraft Heinz.

L’articolo afferma inoltre che l’ETF iShares Core S&P 500 Index di BlackRock ha un patrimonio in gestione di 150 miliardi di dollari. La maggior parte delle principali aziende agroalimentari quotate in borsa fa parte dell’indice S&P 500 e BlackRock detiene quote significative di queste aziende.

L’autrice dell’articolo, la professoressa Jennifer Clapp, fa notare anche che il COW Global Agriculture ETF di BlackRock ha un patrimonio di 231 milioni di dollari e si concentra sulle aziende che forniscono fattori di produzione (sementi, prodotti chimici e fertilizzanti) e attrezzature agricole e sulle società di commercio agricolo. Tra le sue partecipazioni principali figurano Deere & Co, Bunge, ADM e Tyson. Questo si basa sui dati di BlackRock del 2018.

Jennifer Clapp afferma che:

Collettivamente, i giganti dell’asset management – BlackRock, Vanguard, State Street, Fidelity e Capital Group – possiedono quote significative delle aziende che dominano in vari punti delle filiere agroalimentari. Se considerate insieme, queste cinque società di gestione patrimoniale possiedono circa il 10%-30% delle azioni delle principali aziende del settore agroalimentare.

BlackRock e altri sono fortemente investiti nel successo del sistema globalizzato prevalente di cibo e agricoltura.

Traggono profitto da un sistema intrinsecamente predatorio che – concentrandosi sul solo settore agroalimentare – è stato responsabile, tra l’altro, dell’allontanamento dei sistemi di produzione indigeni, dell’impoverimento di molti agricoltori in tutto il mondo, della distruzione delle comunità e delle culture rurali, di alimenti di scarsa qualità e di malattie, di diete meno diversificate, della distruzione ecologica e della proletarizzazione dei produttori indipendenti.

Grazie alle loro dimensioni, secondo il giornalista Ernst Wolff, BlackRock e la sua controparte Vanguard esercitano un controllo sui governi e su importanti istituzioni come la Banca Centrale Europea (BCE) e la Federal Reserve statunitense. BlackRock e Vanguard possiedono più attività finanziarie della BCE e della Fed messe insieme.

BlackRock ha attualmente 10.000 miliardi di dollari di asset in gestione e, per sottolineare l’influenza dell’azienda, lo stesso Fink è un miliardario che siede nel consiglio di amministrazione del World Economic Forum e del potente e molto influente Council for Foreign Relations, spesso definito come il governo ombra degli Stati Uniti – il vero potere dietro il trono.

Il ricercatore William Engdahl afferma che dal 1988 la società si è messa in condizione di controllare de facto la Federal Reserve, la maggior parte delle mega-banche di Wall Street, tra cui Goldman Sachs, il Forum economico mondiale di Davos Great Reset e ora l’amministrazione Biden.

Engdahl descrive come gli ex vertici di BlackRock occupino ora posizioni governative chiave, gestendo la politica economica dell’amministrazione Biden, e come l’azienda stia guidando il “grande reset” e l’agenda globale “verde”.

Fink ha recentemente elogiato il futuro del cibo e dei semi “codificati” che produrranno il proprio fertilizzante. Afferma che si tratta di una “tecnologia straordinaria”. Questa tecnologia è lontana anni e se riuscirà a realizzare ciò che dice è un’altra cosa.

È più probabile che si tratti di una grande opportunità di investimento, come sempre accade per gli organismi geneticamente modificati in agricoltura: il fallimento delle false promesse gonfiate. E anche se alla fine si rivelerà un successo, probabilmente emergerà tutta una serie di “costi nascosti” (sanitari, sociali, ecologici, ecc.).

E non si tratta di speculazioni inutili. Non dobbiamo guardare oltre i precedenti “interventi” nel settore alimentare/agricolo con il pretesto delle tecnologie della Rivoluzione Verde, che hanno fatto poco o nulla per aumentare la produzione alimentare complessiva (almeno in India), ma hanno portato con sé enormi costi ecologici, ambientali e sociali e impatti negativi sulla salute umana, evidenziati da molti ricercatori e scrittori, non ultimo nella lettera aperta di Bhaskar Save ai funzionari indiani e nel lavoro di Vandana Shiva.

Tuttavia, la Rivoluzione verde ha radicato i giganti delle sementi e dell’agrochimica nell’agricoltura globale e ha fatto sì che gli agricoltori diventassero dipendenti dai loro input proprietari e dalle loro catene di fornitura globali. Dopotutto, la cattura del valore era uno degli obiettivi principali del progetto.

Ma perché Fink dovrebbe preoccuparsi di questi “costi nascosti”, non ultimo l’impatto sulla salute?

In realtà è probabile che lo faccia, con i suoi investimenti nella “sanità” e in Big Pharma. Gli investimenti di BlackRock sostengono e traggono profitto dall’agricoltura industriale e dai costi nascosti.

La cattiva salute è un bene per gli affari (per esempio, si veda il sito web di BlackRock BlackRock on healthcare investment opportunities amid Covid-19). Scorrendo il sito web di BlackRock appare subito chiaro che il settore sanitario è considerato una forte scommessa a lungo termine.

E per una buona ragione. Ad esempio, l’aumento del consumo di alimenti ultra-lavorati (UPF) è stato associato a oltre il 10% dei decessi prematuri e prevenibili per tutte le cause in Brasile nel 2019, secondo un recente studio peer-reviewed pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine.

I risultati sono significativi non solo per il Brasile, ma soprattutto per i Paesi ad alto reddito come gli Stati Uniti, il Canada, il Regno Unito e l’Australia, dove le UPF rappresentano più della metà dell’apporto calorico totale. I brasiliani consumano molto meno di questi prodotti rispetto ai Paesi ad alto reddito. Ciò significa che l’impatto stimato sarebbe ancora più elevato nei Paesi più ricchi.

Grazie all’influenza delle imprese sugli accordi commerciali, sui governi e sull’OMC, le aziende transnazionali di vendita al dettaglio e di trasformazione alimentare continuano a colonizzare i mercati di tutto il mondo e a spingere le UPF.

In Messico, le aziende agroalimentari globali hanno preso il controllo dei canali di distribuzione alimentare, sostituendo gli alimenti locali con prodotti trasformati a basso costo. In Europa, più della metà della popolazione dell’Unione Europea è in sovrappeso o obesa, con i poveri che dipendono soprattutto da alimenti ad alto contenuto calorico e di scarsa qualità nutritiva.

Larry Fink è bravo in quello che fa: garantire rendimenti per gli asset che la sua società detiene. Deve continuare a espandersi o a creare nuovi mercati per garantire l’accumulo di capitale per compensare la tendenza al calo del tasso di profitto generale. Deve accumulare capitale (ricchezza) per poterlo reinvestire e ottenere ulteriori profitti.

Quando il capitale fatica a realizzare profitti sufficienti, la ricchezza produttiva (capitale) si accumula eccessivamente, si svaluta e il sistema entra in crisi. Per evitare la crisi, il capitalismo richiede una crescita costante, mercati in espansione e una domanda sufficiente.

E questo significa porre le basi politiche e legislative per facilitare tutto ciò. In India, ad esempio, le tre leggi agricole del 2020, ora abrogate, avrebbero offerto enormi opportunità di investimento a società come BlackRock. Queste tre leggi – imperialismo in tutto e per tutto – hanno rappresentato una capitolazione alle esigenze dell’agroalimentare straniero e dei gestori patrimoniali che richiedono l’accesso ai terreni agricoli indiani.

Le leggi avrebbero suonato una campana a morto neoliberale per la sovranità alimentare dell’India, mettendo a rischio la sua sicurezza alimentare e distruggendo decine di milioni di mezzi di sussistenza. Ma ciò che conta per il capitale agricolo globale e le società di investimento è facilitare i profitti e massimizzare i ritorni sugli investimenti.

Questa è stata la forza trainante del moderno sistema alimentare, che vede circa un miliardo di persone in condizioni di malnutrizione in un mondo di abbondanza alimentare. Questo non è un caso, ma un disegno, insito in un sistema che privilegia il profitto aziendale rispetto alle necessità umane.

Il moderno settore dell’agritech e dell’agroalimentare utilizza la nozione che esso e i suoi prodotti siano essenziali per “nutrire il mondo”, impiegando una “tecnologia straordinaria”, nel tentativo di ottenere legittimità. Ma la realtà è un sistema alimentare globalizzato intrinsecamente ingiusto, con gli agricoltori costretti ad abbandonare l’attività agricola o intrappolati in prodotti proprietari che lavorano per catene di approvvigionamento aziendali e il pubblico alimentato con OGM, prodotti ultra-lavorati e cibo ingegnerizzato in laboratorio.

Un sistema che facilita il “lungo e il largo” serve bene gli interessi dell’élite. Per vaste fasce dell’umanità, tuttavia, la guerra economica viene condotta ogni giorno per gentile concessione di una pietra dura.

Colin Todhunter è specializzato in sviluppo, alimentazione e agricoltura ed è ricercatore associato del Centre for Research on Globalization di Montreal. È possibile leggere il suo “mini e-book”, Food, Dependency and Dispossession: Cultivating Resistance, qui.

Fonte A Hard-Edged [Black]Rock: Waging Economic Warfare on Humanity