Categorie
Non classé

La tendenza del riscaldamento globale crolla dopo una pausa di 20 degli ultimi 24 anni

Vent’anni di pausa delle temperature globali dal 1998 stanno mettendo sempre più in dubbio l’ipotesi che l’anidride carbonica prodotta dall’uomo stia causando un’emergenza climatica e stia portando a un riscaldamento incontrollato. Tale dubbio, ovviamente, elimina qualsiasi giustificazione per l’installazione di un regime Net Zero che è destinato a provocare una massiccia dislocazione sociale ed economica. Inutile dire che queste preoccupazioni non sono presenti nei rapporti di fine anno sull’andamento delle temperature, che evidenziano aumenti sempre più improbabili, in parte basati su corruzioni non climatiche, come quelle causate dalle vicine piste aeroportuali. Tutto questo cherry-picking è tratto da set di dati di superficie che hanno rimosso il blocco del 1998-2012 utilizzando aggiustamenti retrospettivi verso l’alto.

In un articolo pubblicato di recente, Nicola Scafetta, ricercatore climatico dell’Università di Napoli, ha osservato che il dataset globale HadCRUT del Met Office ha registrato un riscaldamento di 0,03°C per decennio durante gli anni di pausa del 2000-2014. Come riporta Daily Sceptic, da allora ci sono stati due aggiustamenti retrospettivi di HadCRUT. Nel 2013, Scafetta ha notato che la versione 4 di HadCRUT ha aumentato il riscaldamento a 0,08°C per decennio. HadCRUT5 ha ulteriormente aggiustato i dati del periodo 2000-14 per fornire un riscaldamento di 0,14°C per decennio, utilizzando, nota il blog scientifico No Tricks Zone (NTZ), “il metodo di riempimento dei modelli informatici“.

Nell’ultimo decennio, continua NTZ, la tendenza della temperatura 2000-2014 è passata da una pausa a un forte riscaldamento. “Dopotutto, quando i dati non si adattano alla narrazione, è tempo di cambiare i dati“, conclude NTZ. Tutti i set di dati globali di superficie utilizzano misurazioni simili e tutti hanno apportato recenti correzioni al rialzo ai calcoli del riscaldamento globale.

Inutile dire che la BBC ha condotto in prima linea la battaglia per armare i 2022 risultati dei database di superficie. Ha riportato il parere degli scienziati del servizio meteorologico dell’UE Copernicus, secondo cui l’anno scorso “ha visto un modello di riscaldamento globale che è diventato la nuova normalità“. L’anno scorso le temperature globali sono state superiori di circa 0,3°C rispetto al periodo di riferimento 1991-2020. Secondo Samantha Burgess, vicedirettore di Copernicus, la temperatura globale aumenterà di altri 0,4°C entro il decennio secondo una “semplice estrapolazione lineare“.

Naturalmente dipende da quale database di temperature si sta estrapolando. Per quanto riguarda le misurazioni di superficie, Scafetta non è impressionato. In generale, le registrazioni delle temperature di superficie e gli algoritmi di omogeneizzazione utilizzati per regolarle presentano diversi problemi che potrebbero aver esagerato il riscaldamento. A suo avviso, l’integrità delle registrazioni e, quindi, la capacità di determinare correttamente le tendenze del riscaldamento globale negli ultimi 120 anni, “dovrebbero essere messe in discussione“.

Le misurazioni satellitari sono ampiamente utilizzate sia in meteorologia che in climatologia e sono disponibili registrazioni accurate delle temperature globali a partire dal 1979. Queste misurazioni evitano la maggior parte delle corruzioni e delle imprecisioni delle misurazioni di superficie. Ma sono ampiamente ignorate. L’anno scorso, Google AdSense ha “demonetizzato” una pagina web che riportava gli ultimi dati mensili a causa di “affermazioni inaffidabili e dannose“. Come ho regolarmente riferito, il riscaldamento globale rilevato dai satelliti è notevolmente inferiore a quello mostrato dai popolari dati di superficie. Secondo i dati satellitari, dal 1979 il pianeta si è riscaldato di circa 0,6°C e la maggior parte del riscaldamento si è verificato prima del 1998. Da allora, il pianeta si è riscaldato poco più di 0,1°C. Come si può vedere nell’ultimo grafico qui sotto, l’unico riscaldamento significativo di questo secolo è avvenuto intorno alla metà dell’ultimo decennio, ed è stato causato da un’oscillazione naturale di El Nino particolarmente potente. La pausa di inizio secolo, ora assente dai dati di superficie corretti, è chiaramente visibile, così come l’ultimo plateau di 100 mesi e più.


In un recente saggio pubblicato su Watt Up With That? dal titolo “Good 2022 climate news that the MSM didn’t tell you“, lo scrittore scientifico Javier Vinos ha osservato che il riscaldamento globale sta rallentando. Il tasso di 15 anni fino alla fine degli anni ’90 era molto alto, raggiungendo 0,35°C per decennio. La media sull’intero periodo di registrazione satellitare è di 0,13°C per decennio, ma la tendenza a lungo termine è scesa da 1,6°C per secolo a 1°C per secolo. Vinos osserva che la tendenza a lungo termine è stata raggiunta in un momento in cui le emissioni di CO2 continuano ad aumentare.

Naturalmente, le guerre per la temperatura fanno parte della battaglia per convincere le popolazioni a sottoscrivere il progetto Net Zero a comando e controllo. Collegare l’aumento delle temperature all’aumento dei livelli di CO2 e suggerire che tutto ciò sia dovuto al contributo umano del 4% di tutta la CO2 che entra nell’atmosfera, è stato un facile spavento verde da vendere. Ma la tattica politica si basa sul fatto che le temperature continuino a giocare. Sta diventando ovvio che il riscaldamento globale ha esaurito la sua spinta qualche tempo fa. L’anidride carbonica è un gas a effetto serra e ha proprietà riscaldanti, ma i dati storici e paleoclimatici non forniscono alcuna prova conclusiva che il gas sia il principale regolatore della temperatura nell’atmosfera. Altre influenze, spesso poco comprese, sembrano svolgere un ruolo molto più importante. Per quanto riguarda il gas, è dimostrato che il suo effetto di riscaldamento è logaritmico e che tale riscaldamento diminuisce drasticamente quando sale al di sopra di certi livelli atmosferici. Di fatto, questa proposizione fornisce una spiegazione più convincente e logica alla maggior parte delle osservazioni climatiche che risalgono a 600 milioni di anni fa.

L’idea che gli esseri umani causino tutti o la maggior parte dei cambiamenti climatici bruciando combustibili fossili è un’ipotesi scientifica non provata. Non esiste un solo documento scientifico credibile che la dimostri. Il geologo australiano Ian Plimer ha recentemente osservato che se ci fosse, ci sarebbero infinite citazioni di documenti che dimostrano questa prova. Invece, “c’è offuscamento e silenzio assordante“, ha detto.

Chris Morrison è il redattore ambientale del Daily Sceptic.

Punto stampa: Chris è stato invitato al programma televisivo Talk di Richard Tice domenica scorsa e hanno discusso una serie di questioni derivanti dai recenti articoli del Daily Sceptic. Tra questi, le alluvioni in Bangladesh e Pakistan e i dati corrotti sulla temperatura superficiale. Di particolare interesse è stato il curioso caso dell’apprezzatissimo record di 40,3°C stabilito per il Regno Unito lo scorso 19 luglio e il fatto che sia durato solo 60 secondi a metà della pista di atterraggio della RAF Coningsby.

Fonte/tradotto da Global Warming Trend Slumps After Pausing for 20 of the Last 24 Years