Categorie
Non classé

JPA Ioannidis: Un discorso di ringraziamento

Sono molto onorato di ricevere il premio inaugurale Harwood per il coraggio intellettuale. Edward C. Harwood è stato un intellettuale straordinario, che ha prosperato a Rensselaer e al MIT prima di fondare l’American Institute for Economic Research (AIER). Diplomato a West Point, durante la Seconda guerra mondiale fu decorato per il suo coraggio con la Legion of Merit e una medaglia Bronze Star. Spero cautamente che queste informazioni siano corrette, perché le ho trovate su Wikipedia. Per contro, personalmente dubito delle mie qualifiche di intellettuale. Da molti anni ormai, nella mia pagina web di Stanford, ammetto di non sapere quasi nulla e la pandemia mi ha reso ancora più consapevole di non sapere quasi nulla. Per quanto riguarda il coraggio, ogni inverno temo l’influenza e lotto (spesso invano) per evitarla. Ogni volta che mi ammalo di qualcosa di lieve, sono un paziente impaziente, tutt’altro che coraggioso. La mia unica pretesa di coraggio intellettuale potrebbe essere una certa ostinazione nel cercare le prove migliori. Questo include soprattutto la libertà di provare e fallire, di commettere errori e, si spera, di correggerli. La scienza non è una narrazione predeterminata intollerante alle ovvie confutazioni. Il dogma non è il motivo per cui i ricercatori si innamorano della scienza.

Questo non significa che non ci siano molte cose che conosciamo bene e che richiedono un’azione impegnata. Se non facciamo qualcosa, il tabacco ucciderà un miliardo di persone entro un secolo. Con i minacciosi cambiamenti climatici, il diffuso degrado ambientale e le assurde atrocità della guerra, l’umanità civilizzata potrebbe non sopravvivere a lungo. Centinaia di milioni di persone soffrono la fame. Un numero ancora maggiore non dispone di un’assistenza sanitaria ottimale e di buone opportunità di istruzione. Disuguaglianze, razzismo, corruzione e autoritarismo devastano l’umanità. Solo un duro lavoro con un’integrità incrollabile può ribaltare queste probabilità. Dovremmo dare potere ai cittadini liberi con prove imparziali. Ci sono poi molti altri argomenti di cui la scienza sa poco o nulla. Dovremmo impegnarci a imparare con dignità e tolleranza per le opinioni opposte.

Diversi anni fa, in un saggio in onore del mio compianto mentore David Sackett, mi sono descritto come un fallito, riconoscendo la mia incapacità di contrastare il continuo stravolgimento della medicina basata sull’evidenza. Durante la pandemia, il dirottamento si è intensificato. Le evidenze sono state politicizzate, polarizzate, disinformate e disinformanti oltre ogni limite immaginabile. Contrastare la devastazione della medicina basata sull’evidenza è diventata quasi una missione impossibile. Plaudo ai molti scienziati che hanno lavorato spassionatamente in circostanze sfavorevoli. La loro genialità e il loro impegno hanno salvato vite e illuminato la comprensione.

Nel corso degli anni ho ricevuto attacchi e minacce anonimi, pseudonimi ed eponimi da parte di Big Tobacco, imprenditori spuri, negazionisti del cambiamento climatico, anti-vaxxer, vari politici corrotti (dell’intero spettro, dall’estrema destra all’estrema sinistra), alleati e strumenti pagati e non pagati di tutti questi soggetti e altri ancora. In tutti i casi, i miei scritti e le mie posizioni sono da biasimare, è stata tutta colpa mia. Gli attacchi, le minacce e le minacce di morte si sono diversificati insieme ai progressi tecnologici. Tra questi (ma non solo), nel 2001 ho ricevuto una lettera ingiuriosa e incoerente con polvere che faceva pensare all’antrace; saggi ammonimenti sul fatto che se avessi infastidito di nuovo il complesso medico-industriale, sicari albanesi mi avrebbero strangolato nel mio ufficio; un gentile braccio di ferro da parte del consulente generale di Theranos, che mi ha spinto a ritrattare e a essere coautore di un editoriale entusiasta con l’amministratore delegato della loro meravigliosa e apprezzatissima azienda; molestie semplici con simpatiche vignette umilianti e distorsioni dei miei scritti; generosi consigli di abbandonare la scienza e la medicina e di dedicarsi alla poesia, altrimenti sarei stato distrutto; e minacce di morte unite a un massiccio cyber-bullismo, danno collaterale delle meraviglie high-tech di Big Tech. Tuttavia, continuo a credere che la scienza sia la cosa migliore che possa capitare agli esseri umani. L’ho detto in un’intervista girata a Stanford, sottolineando le parole: “La scienza è la cosa migliore che possa capitare all’uomo!“. Ebbene, devo aver detto qualcosa di veramente orribile, perché poi l’intervista è stata censurata da YouTube.

Non mi pento di questi attacchi. Nessuna buona azione rimane impunita. Mi rammarico, tuttavia, che anche la vita dei miei familiari sia stata messa in pericolo. Molte ferite sono troppo fresche per essere descritte. Permettetemi di ricordare che anche mia madre, 87 anni, ha avuto una crisi ipertensiva potenzialmente letale a causa di una bufala sui social media che affermava che era morta a causa del coronavirus, mentre riceveva molte telefonate che le chiedevano informazioni sul funerale. Mi dispiace anche che molti giovani scienziati, vedendomi brutalmente attaccato, si siano intimoriti pensando che l’integrità al giorno d’oggi sia solo per i perdenti: nascondersi nella folla, essere compiacenti, in conflitto e/o disonesti vince la giornata. Mi considero del tutto insignificante tra i 30 milioni di scienziati che pubblicano in tutto il mondo. Tuttavia, troppi scienziati sono stati vittime di bullismo. Quando il bullismo e la censura sono stati celebrati e gli studiosi con buone intenzioni sono stati mortificati, molti altri si sono autocensurati. La cancellazione e l’autocancellazione hanno trionfato. Mi dispiace per tutti coloro che hanno ricevuto un trattamento ingiusto. Sono particolarmente dispiaciuto quando vengono attaccate persone che non sono d’accordo con me. Se si deve diffamare, per favore diffamate me, non coloro che non sono d’accordo con me.

Il mio lavoro si concentra sui pregiudizi; pertanto, sono certamente di parte. I pregiudizi sono insiti nella natura umana. Il COVID-19 ha messo a dura prova la nostra natura umana. Abbiamo bisogno di una distanza sufficiente per capire cosa è successo. Chi può rimanere obiettivo quando la morte, il dolore e la paura colpiscono? Alcuni miei amici e colleghi hanno perso degli amati parenti anziani a causa della COVID-19. Il nipote quattordicenne di un membro del mio nucleo si è ucciso durante l’isolamento. La giovane compagna di un mio caro amico si è buttata da un balcone. Uno dei miei collaboratori agli inizi della carriera è morto in condizioni che fanno pensare a una morte iatrogena o a un suicidio. Molti amici e colleghi hanno sofferto mentalmente. Altri hanno perso il lavoro, hanno assistito alla violenza, hanno visto le loro famiglie distrutte. Il mio bellissimo campus universitario è diventato a lungo una città fantasma. Anche altri scienziati potrebbero essere prevenuti per le loro ragioni ed esperienze intime. La domanda è: possiamo ancora unire le forze per difendere l’umanità?

Durante il primo confinamento, durante le mie passeggiate quotidiane ho parlato con una gentile signora senzatetto che dormiva su un marciapiede. Era un doloroso promemoria quotidiano del fatto che la scienza dovrebbe aiutare gli esseri umani. Un giorno è scomparsa. Cosa le è successo? Cosa potevo fare perché altri non condividessero destini duri e incerti? Mesi dopo, in una notte d’estate, passeggiando a Berlino con mia moglie, ci imbattemmo in una musicista di strada che cantava dolcemente. Alcune persone si erano radunate intorno a lei, alcune guardando la sua esibizione, altre chiudendo gli occhi per assaporare la musica, altre ancora controllando con cautela la loro distanza sociale. Ha chiesto a quel piccolo pubblico di cantare con lei. La domanda è: possiamo ancora cantare insieme? Possiamo stare insieme? La scienza e la vita sono piene di domande senza risposta.

Su mia proposta, i 100.000 dollari del Premio Harwood sono stati offerti direttamente in beneficenza dall’AIER a Children Incorporated e al Lunchbox Fund, due organizzazioni no-profit che aiutano i bambini poveri e svantaggiati. Temo la grande disuguaglianza e l’ingiustizia che minano la nostra eredità di specie civilizzata ed emarginano il futuro delle giovani generazioni.

Sono in debito con migliaia di scienziati che hanno collaborato con me o criticato il mio lavoro con argomentazioni e prove costruttive. Ringrazio anche coloro che mi hanno diffamato. Non avrei ricevuto questo premio senza l’astuta erudizione dei primi e la meravigliosa ingegnosità dei secondi. Auguro a tutti il meglio dal profondo del cuore.

CONFLITTI DI INTERESSE

Questo è il discorso di ringraziamento che ho tenuto alla cerimonia inaugurale del Premio Harwood per il coraggio intellettuale a Dallas nel settembre 2022. Non ho avuto alcun rapporto o interazione con l’AIER prima di questo Premio. Non ho affiliazioni politiche e credo che la scienza non debba essere messa in ombra dalla politica. Credo anche che non si debba parlare solo con chi è d’accordo con noi. Come descritto sopra, i miei scritti e le mie posizioni sono all’origine degli attacchi che ho ricevuto. Un elenco completo dei miei scritti è disponibile all’indirizzo delle https://profiles.stanford.edu/john-ioannidis, per i miei lavori scientifici (in particolare per il lavoro su COVID-19, nella cartella Projects > COVID-19 published work ) e all’indirizzo https://sites.google.com/view/johnpaioannidis per i miei libri di divulgazione/testo. Questo lavoro è stato rifiutato da due importanti riviste mediche, che hanno dichiarato di averlo apprezzato molto ma di averlo rifiutato. Sono membro del comitato editoriale di JECP.

JPA Ioannidis

Fonte/traduzione di An acceptance speech