Categorie
Non classé

A tutta velocità verso il grande crollo finanziario

26. Juni 2022 von Dr. Peter F. Mayerfonte

Alcuni ritengono che, grazie all’annunciato ritiro della vaccinazione obbligatoria, tutto sia già finito. Ma in realtà, secondo i piani dell’UE, si continuerà in autunno con le vaccinazioni obbligatorie e le campagne di vaccinazione dei bambini, dei non vaccinati e dei richiami per tutti. L’obiettivo non era ovviamente l’immunità, perché non è realizzabile, anzi si sta verificando il contrario. Si tratta piuttosto del certificato di vaccinazione e dei certificati digitali per tutte le persone. Perché, parallelamente, la mostruosa bolla finanziaria probabilmente scoppierà in autunno e il regime di sanzioni degli USA e dei suoi scagnozzi nell’UE porterà a enormi problemi economici, disoccupazione, povertà e fame.

In un articolo intitolato “Il «Covid lungo» banchiere centrale : una condizione incurabile“, Fabio Vighi, professore di teoria critica e italiano all’Università di Cardiff nel Regno Unito, ha analizzato i retroscena e le cause di ciò che sta accadendo con il pretesto della protezione da Covid negli ultimi 2 anni.

Vighi osserva che dovrebbe essere ormai chiaro che la COVID-19 è essenzialmente un sintomo del capitale finanziario impazzito. Più in generale, è il sintomo di un mondo che non è più in grado di riprodursi attraverso il profitto del lavoro umano e si affida quindi a una logica di doping permanente del denaro. Mentre la contrazione strutturale dell’economia basata sul lavoro gonfia il settore finanziario, la sua volatilità può essere contenuta solo da emergenze globali, propaganda di massa e tirannia attraverso la biosicurezza.

In un’altra analisi, intitolata “Da Covid-19 a Putin-22: chi ha bisogno di amici con nemici come questi?“, Vighi osserva che l’attenuazione della guerra contro Covid è passata senza soluzione di continuità all’escalation della guerra in Ucraina, con Vladimir Putin che ha sostituito il virus come nemico pubblico numero uno, una continuità da manuale di Hollywood. Anche se il passaggio alla serietà era prevedibile, la tempistica della sovrapposizione è sembrata quasi troppo astuta per essere credibile. Tuttavia, la coreografia creativa dei media aziendali ha reso un ritratto unidimensionale della guerra di Putin.

F. William Engdahl è consulente e docente di rischi strategici, si è laureato in politica all’Università di Princeton ed è autore di best-seller sul petrolio e sulla geopolitica. Sul suo sito web analizza e prevede lo sviluppo attuale e futuro dei mercati finanziari e dell’economia reale.

In un articolo intitolato “Lo tsunami finanziario della pianificazione globale è appena iniziato” scrive:

Dalla fondazione della Federal Reserve, oltre un secolo fa, ogni grande crollo dei mercati finanziari è stato deliberatamente innescato dalla banca centrale per motivi politici. La situazione non è diversa oggi, poiché la Federal Reserve sta chiaramente agendo con la sua arma dei tassi d’interesse per far scoppiare la più grande bolla finanziaria speculativa della storia umana, una bolla di sua creazione. Gli eventi di crash globale iniziano sempre alla periferia, come nel caso del Creditanstalt austriaco nel 1931 o del crollo di Lehman Bros. nel settembre 2008. La decisione della Federal Reserve statunitense del 15 giugno di attuare il più grande aumento dei tassi di interesse in quasi 30 anni, mentre i mercati finanziari sono già crollati, garantisce ora una depressione globale e peggio.

L’entità della bolla del “credito a buon mercato” che la Fed, la BCE e la Banca del Giappone hanno creato acquistando obbligazioni e mantenendo tassi di interesse a zero o addirittura negativi senza precedenti da 14 anni a questa parte è inimmaginabile. I media finanziari sfornano quotidianamente notizie insensate mentre l’economia globale si prepara alla cosiddetta “stagflazione” o recessione. Quello che ci aspetta nei prossimi mesi è la peggiore depressione economica della storia, a meno che non ci sia una drastica svolta politica. Grazie, globalizzazione e Davos.

La globalizzazione

La pressione politica dietro la globalizzazione e la creazione dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) dalle regole commerciali del GATT di Bretton Woods, con l’accordo di Marrakech del 1994, hanno fatto sì che l’industria manifatturiera avanzata dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti, potesse fuggire all’estero e “esternalizzare” la produzione in Paesi con salari estremamente bassi. Alla fine degli anni ’90 nessun paese offriva più vantaggi della Cina. La Cina ha aderito all’OMC nel 2001 e da quel momento il flusso di capitali dall’Occidente verso l’industria manifatturiera cinese è stato impressionante. Così come l’accumulo del debito cinese in dollari. Ora questa struttura finanziaria mondiale, basata su un debito record, sta iniziando a disintegrarsi.

….

Dalla crisi del 2008, la Federal Reserve statunitense e le altre principali banche centrali del mondo hanno creato credito su scala senza precedenti, il cosiddetto “helicopter money“, per salvare le grandi istituzioni finanziarie. La salute dell’economia reale non era un obiettivo. Nel caso della Fed, della Banca del Giappone, della BCE e della Banca d’Inghilterra, negli ultimi 14 anni sono stati immessi nel sistema bancario un totale di 25.000 miliardi di dollari attraverso l’acquisto di obbligazioni e di attività dubbie come i titoli garantiti da ipoteca, nell’ambito del “quantitative easing“.

Follia quantitativa

A questo punto le cose cominciarono a farsi davvero spiacevoli. Le maggiori banche di Wall Street, come JP MorganChase, Wells Fargo, Citigroup o a Londra HSBC o Barclays, hanno prestato miliardi ai loro grandi clienti aziendali. I mutuatari, a loro volta, hanno utilizzato la liquidità non per investire in nuove tecnologie produttive o estrattive, ma per gonfiare il valore delle loro azioni societarie, i cosiddetti riacquisti di azioni, chiamati “massimizzazione del valore per gli azionisti“.

BlackRock, Fidelity, banche e altri investitori si sono rallegrati di questo passaggio gratuito. Dall’inizio delle misure di allentamento della Fed nel 2008 al luglio 2020, sono stati investiti circa 5.000 miliardi di dollari in tali riacquisti di azioni, creando il più grande rally del mercato azionario della storia. Nel processo, tutto è stato finanziarizzato. Nel periodo compreso tra il 2010 e il 2019, le società hanno pagato 3.800 miliardi di dollari in dividendi. Aziende come Tesla, che non avevano mai realizzato profitti, sono diventate più preziose di Ford e GM messe insieme. Le criptovalute come il Bitcoin hanno raggiunto una capitalizzazione di mercato di oltre 1.000 miliardi di dollari entro la fine del 2021. Con il denaro della Fed che scorreva liberamente, le banche e i fondi comuni di investimento hanno investito in aree ad alto rischio e ad alto profitto come i titoli spazzatura o le obbligazioni dei mercati emergenti in paesi come la Turchia, l’Indonesia o, sì, la Cina.

….

Una sconsiderata amministrazione Biden ha iniziato a distribuire trilioni in cosiddetti pacchetti di stimolo per compensare l’economia per le inutili chiusure. Il debito federale statunitense è passato da un gestibile 35% del PIL nel 1980 a oltre il 129% del PIL oggi. Solo il quantitative easing della Fed, l’acquisto di trilioni di dollari di debito pubblico e ipotecario statunitense e i tassi di interesse prossimi allo zero hanno reso possibile tutto ciò. Ora la Fed ha iniziato a invertire queste misure e a rimuovere la liquidità dall’economia con il QT, ovvero la stretta monetaria, e con l’aumento dei tassi di interesse. Questo viene fatto deliberatamente. Non si tratta di una valutazione errata dell’inflazione da parte della Fed.

L’energia guida il crollo

Purtroppo, la Fed e gli altri banchieri centrali stanno mentendo. Aumentare i tassi d’interesse non significa combattere l’inflazione. Si tratta di imporre un riordino globale del controllo sui beni del mondo, sulla sua ricchezza, che si tratti di immobili, terreni agricoli, produzione di materie prime, industria o persino acqua. La Fed sa bene che l’inflazione nell’economia mondiale è solo all’inizio. …

La carenza di fertilizzanti a livello globale, l’aumento dei prezzi del gas naturale e le perdite nelle scorte di cereali dovute alla siccità globale o all’aumento dei costi dei fertilizzanti e del carburante o alla guerra in Ucraina garantiscono che assisteremo a un’ulteriore esplosione globale dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia non più tardi del periodo del raccolto a settembre/ottobre. Tutte queste carenze sono il risultato di politiche deliberate.

Allo stesso modo, l’Unione Europea ha deciso di uscire dal petrolio e dal gas russo perché non ci sono sostituti validi, mentre la sua principale economia, la Germania, vuole chiudere il suo ultimo reattore nucleare e chiudere altre centrali a carbone. La Germania e gli altri Paesi dell’UE subiranno quindi interruzioni di corrente quest’inverno e i prezzi del gas naturale continueranno a salire. Solo nella seconda settimana di giugno, i prezzi del gas in Germania sono aumentati di un altro 60%. Sia il governo tedesco a guida verde che l’agenda verde “Fit for 55” della Commissione europea continuano a promuovere l’energia eolica e solare, inaffidabile e costosa, a scapito degli idrocarburi, molto più economici e affidabili, creando un’inflazione energetica senza precedenti.

La Fed ha staccato la spina

Con il più grande aumento dei tassi di interesse della Fed in quasi 30 anni, pari allo 0,75%, e la promessa di altri aumenti a venire, la Federal Reserve ha ora garantito il crollo non solo della bolla del debito statunitense, ma anche di gran parte dei 303.000 miliardi di dollari di debito mondiale post-2008. L’aumento dei tassi di interesse dopo quasi 15 anni comporta un crollo del valore delle obbligazioni. Le obbligazioni, e non le azioni, sono al centro del sistema finanziario globale.

I tassi ipotecari negli Stati Uniti sono raddoppiati, superando il 6% in soli cinque mesi, e le vendite di case erano già in calo prima dell’ultimo aumento dei tassi. Le aziende statunitensi hanno assunto livelli record di indebitamento grazie ad anni di tassi di interesse estremamente bassi. Circa il 70% di questo debito ha un rating appena superiore allo stato “spazzatura”. Nel 2006 il debito delle imprese non finanziarie era di 9.000 miliardi di dollari. Oggi sono più di 18.000 miliardi di dollari. Ora, molte di queste aziende marginali non saranno in grado di sostituire il vecchio debito con un nuovo debito, e nei prossimi mesi ci saranno dei fallimenti. Il gigante dei cosmetici Revlon ha appena presentato istanza di fallimento.

Il mercato altamente speculativo e non regolamentato delle criptovalute, guidato dal Bitcoin, sta crollando perché gli investitori si rendono conto che non c’è salvezza. Lo scorso novembre, il mondo delle criptovalute aveva una valutazione di 3.000 miliardi di dollari. Oggi è meno della metà e un altro crollo è in corso. Anche prima del recente rialzo dei tassi della Fed, il valore azionario delle megabanche statunitensi aveva perso circa 300 miliardi di dollari. Ora, con l’intensificarsi del panic selling sul mercato azionario e l’intensificarsi del crollo economico globale, queste banche sono destinate ad un’altra grave crisi bancaria nei prossimi mesi.

….

Il governo federale scoprirà ora che i costi degli interessi sul suo debito record di 30.000 miliardi di dollari sono molto più costosi. A differenza della Grande Depressione degli anni ’30, quando il debito federale era quasi nullo, oggi il governo è al limite, soprattutto dopo le misure di bilancio di Biden. Gli Stati Uniti stanno diventando un’economia da terzo mondo. Se la Fed smette di acquistare trilioni di dollari di debito USA, chi lo farà? Cina? Giappone? Improbabile.

Ridurre la bolla del debito

Con la Fed impegnata nella stretta quantitativa, che ritira decine di miliardi al mese in obbligazioni e altri asset e aumenta i tassi di interesse di riferimento, i mercati finanziari hanno iniziato a ridurre la leva finanziaria. È probabile che la situazione sia altalenante, in quanto i principali operatori come BlackRock e Fidelity cercano di controllare il crollo per i propri scopi. Ma la direzione è chiara.

Al di fuori degli Stati Uniti, ora che la Banca Nazionale Svizzera, la Banca d’Inghilterra e persino la BCE sono costrette a seguire i rialzi dei tassi della Fed, assisteremo a un’impennata globale di insolvenze e fallimenti, in un contesto di rapido aumento dell’inflazione che i tassi di interesse delle banche centrali non possono più controllare. Circa il 27% del debito societario non finanziario mondiale è detenuto da società cinesi ed è stimato in 23.000 miliardi di dollari. Altri 32.000 miliardi di dollari di debito societario sono detenuti da aziende statunitensi e dell’UE. Ora la Cina si trova nel mezzo della peggiore crisi economica degli ultimi 30 anni e ci sono pochi segnali di ripresa. Mentre gli Stati Uniti, il principale cliente della Cina, cadono in depressione economica, la crisi della Cina può solo peggiorare. Questo non è positivo per l’economia globale.

L’Italia, con un debito nazionale di 3.200 miliardi di dollari, ha un rapporto debito/PIL del 150%. Solo i tassi di interesse negativi della BCE hanno impedito che questo debito esplodesse in una nuova crisi bancaria. Ora, nonostante le parole tranquillizzanti della Lagarde dalla BCE, questa esplosione è pre-programmata. Il Giappone è in fondo alla classifica dei Paesi industrializzati con un debito del 260% e si trova in una trappola a tasso zero con un debito nazionale di oltre 7.500 miliardi di dollari. Lo yen sta per crollare sul serio, destabilizzando l’intera Asia.

Contrariamente a quanto si crede, il cuore del sistema finanziario mondiale non sono i mercati azionari. Si tratta dei mercati obbligazionari – titoli di Stato, obbligazioni societarie e agenzie. Questo mercato obbligazionario sta perdendo valore a causa dell’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti e nell’UE e del rialzo dei tassi di interesse dal 2021. A livello globale, questo patrimonio comprende circa 250.000 miliardi di dollari, una somma che continua a perdere valore ad ogni rialzo dei tassi della Fed. L’ultima volta che abbiamo avuto un calo così netto dei valori obbligazionari è stato quarant’anni fa, nell’era di Paul Volcker, con tassi di interesse del 20% per “esprimere l’inflazione”.

Quando i prezzi delle obbligazioni diminuiscono, diminuisce anche il valore del capitale bancario. Le principali banche francesi e la Deutsche Bank nell’UE, così come le maggiori banche giapponesi, sono le più colpite da un simile calo di valore. Si ritiene che le banche statunitensi come JP MorganChase siano solo leggermente meno colpite da un crollo delle obbligazioni. Gran parte del loro rischio è nascosto in derivati fuori bilancio e simili. A differenza del 2008, però, oggi le banche centrali non possono affrontare un altro decennio di tassi di interesse a zero e di QE. Come hanno notato tre anni fa addetti ai lavori come l’ex capo della Banca d’Inghilterra Mark Carney, questa volta la crisi sarà usata per costringere il mondo ad accettare una nuova moneta digitale della banca centrale, un mondo in cui tutto il denaro è emesso e controllato a livello centrale. Questo è anche ciò che intendono i membri del WEF di Davos con il loro Great Reset. Questo non va bene.

È appena iniziato uno tsunami finanziario globale pianificato.

Fonte / tradotto da: Mit Vollgas in den großen Finanz-Crash – segnalato su @bordernights


Sistema finanziario – Sindacato di controllo criminale senza legge – Catherine Austin Fitt