Categorie
Non classé

un genocidio dimenticato della seconda guerra mondiale

In un solo giorno, gli alleati nazisti croati hanno ucciso più di 2.300 civili serbi in tre villaggi e una miniera, senza sparare un colpo.

È stato il più grande massacro di civili nelle loro case in un solo giorno, in un’area rurale così piccola – non solo nella seconda guerra mondiale, ma nell’intera storia dell’umanità

Queste sono le parole di Lazar Lukajic, uno storico serbo, che descrive la furia genocida che ha avuto luogo in circa 10 ore il 7 febbraio 1942, a meno di due miglia da dove viveva.

Tutto il mondo ha sentito parlare di Lidice, un villaggio ceco che fu distrutto dalla Germania nazista come rappresaglia per l’assassinio da parte della resistenza del governatore dell’occupazione delle SS, Reinhard Heydrich. Nel giugno 1942, i nazisti spararono a tutti i maschi adulti del villaggio e mandarono le donne e i bambini nei campi di sterminio, prima di radere al suolo Lidice. Un totale di 340 abitanti del villaggio furono uccisi. La propaganda tedesca ha strombazzato con orgoglio questa atrocità per scoraggiare la resistenza altrove.

Eppure pochi conoscono i nomi di Drakulic, Sargovac e Motike – i villaggi dove alcuni mesi prima, non furono i tedeschi di Hitler ma i loro alleati croati a massacrare più di 2.300 persone in un solo giorno, usando solo asce e attrezzi da miniera.

Ogni singola vittima ha incontrato il suo assassino faccia a faccia, sulla soglia di casa, prima di essere massacrata a sangue freddo

ha detto a RT Dragana Tomasevic, direttore della Jasenovac and Holocaust Memorial Foundation (JHMF).

Gli abitanti del villaggio furono uccisi solo perché erano serbi cristiani ortodossi. Nello Stato Indipendente di Croazia – uno stato cliente militarmente cattolico alleato dell’Asse Roma-Berlino – questo era un motivo sufficiente per essere uccisi, espulsi o convertiti con la forza, in una campagna genocida che servì come capitolo iniziale dell’Olocausto. Non è una coincidenza che gli assassini – membri del reggimento delle guardie del corpo del Poglavnik (leader) croato Ante Pavelic – fossero accompagnati da un prete. Fra Tomislav Filipovic, un francescano del vicino monastero di Petricevac, sarebbe diventato noto come “Frate Satana“.

Prologo alla Soluzione Finale

Il 7 febbraio 1942 era meno di tre settimane dopo la famigerata Conferenza di Wannsee, l’incontro dei nazisti di alto livello in cui decisero che la “soluzione finale della questione ebraica” sarebbe stata il genocidio. A quel tempo, tuttavia, gli alleati croati di Hitler avevano già ucciso serbi ed ebrei per mesi. Lo Stato Indipendente di Croazia (Nezavisna Drzava Hrvatska, NDH) fu proclamato il 10 aprile 1941 – solo quattro giorni dopo che le forze dell’Asse invasero la Jugoslavia. Originariamente inteso come cliente sia della Germania che dell’Italia fascista, era sotto il controllo operativo degli Ustasha (letteralmente “insurrezionisti“), un movimento nazionalista di ispirazione fascista che definiva l’identità croata attraverso il prisma del cattolicesimo romano militante e l’odio degli “scismatici orientali“, cioè i serbi ortodossi.

Più di due milioni di serbi si trovarono sotto il dominio della NDH nei territori dell’attuale Croazia, Bosnia-Erzegovina e parti della Serbia settentrionale. A loro fu negato il proprio nome, furono chiamati solo “greci dell’est” e furono immediatamente sottoposti allo stesso tipo di restrizioni a cui erano stati sottoposti gli ebrei in Germania con le leggi razziali di Norimberga. Il regime di Pavelic mise anche fuori legge gli ebrei e permise il sequestro delle loro proprietà. I pogrom nelle principali città come Zagabria e Sarajevo iniziarono quasi subito.

Era sui serbi che la NDH si concentrava, tuttavia, cercando di ucciderne un terzo, espellerne un terzo e convertirne un terzo – una formulazione politica attribuita sia al ministro della cultura Mile Budak che al ministro della giustizia Andrija Artukovic.

L’omissione della Croazia dagli studi convenzionali sull’Olocausto è come un libro il cui primo capitolo è stato strappato

ha scritto il defunto Jonathan Steinberg, professore di storia europea moderna all’Università della Pennsylvania e noto studioso dell’Olocausto. Steinberg ha anche descritto la NDH che prende di mira i serbi come il

primo genocidio totale tentato durante la seconda guerra mondiale.

Il primo omicidio di massa di serbi fu registrato a Bjelovar, una città a circa 50 miglia a nord di Zagabria, il 27-28 aprile 1941, quando circa 180 civili disarmati di tutte le età furono fucilati. Ben presto, però, gli Ustasha cominciarono a risparmiare proiettili e a preferire l’acciaio freddo – coltelli, martelli, asce e anche strumenti improvvisati – per macellare le loro vittime. A partire dal maggio 1941, l’Ustasha usò i burroni naturali dell’entroterra dalmata come fosse per migliaia di serbi assassinati – a volte ancora vivi quando venivano gettati di sotto. Solo l’intervento degli italiani indignati li costrinse a chiudere i campi come Jadovno e le saline di Pag, nell’agosto 1941. A quel punto, però, una nuova serie di campi era in lavorazione: il complesso di Jasenovac, sul fiume Sava, nella zona tedesca.

Hitler stesso aveva appoggiato la persecuzione dei serbi – che incolpava della sconfitta della Germania e dell’Austria nella prima guerra mondiale – e aveva esortato Pavelic a non mostrare “troppa tolleranza” in un incontro a giugno. Questo significava che i rapporti del generale Edmund Glaise von Horstenau, il suo inviato militare a Zagabria che parlava della “follia” dell’Ustasha e avvertiva che le loro atrocità stavano alimentando la resistenza serba, cadevano nel vuoto.

Come pecore quando un lupo attacca

I massacri di civili come punizione collettiva per l’attività insurrezionale erano routine nella Jugoslavia occupata e spartita. Nella Serbia occupata dai tedeschi, la politica di sparare 100 ostaggi civili per ogni soldato della Wehrmacht ucciso e 50 per ogni ferito era riuscita a scoraggiare temporaneamente la resistenza monarchica, ma i comunisti continuavano comunque. Diverse unità di partigiani comunisti operavano sul monte Kozara, a nord-ovest di Banja Luka, nell’attuale Bosnia ma allora parte della NDH. Rispondendo ad uno dei loro raid ferroviari, gli ustascia locali spararono a decine di civili nelle frazioni di Piskavica e Ivanjska il 5 febbraio – e lo avrebbero fatto di nuovo una settimana dopo, uccidendo un totale di 520 persone. Quello che accadde il 7 febbraio, tuttavia, non fu affatto un massacro per rappresaglia. La compagnia di Ustasha, staccata dal reggimento della guardia del corpo di Pavelic, arrivò direttamente da Zagabria con una sola missione: uccidere ogni serbo che potevano trovare.

Dragan Stijakovic aveva 16 anni. Quando gli ustascia arrivarono a casa sua a Motike, lui si nascose sotto il letto. Nella testimonianza registrata nel 2003, ha descritto come un Ustasha ha ucciso tutta la sua famiglia con la baionetta, cominciando da sua madre.

L’Ustasha si fermò brevemente sulla porta e in silenzio, guardò intorno alla stanza, poi attraversò la porta e spinse la baionetta nel petto di mia madre, proprio sotto il seno sinistro.
Quando lei cadde, l’Ustasha prese il suo fucile e le piantò la baionetta in faccia, pugnalandola appena sotto l’occhio sinistro. Completamente congelati, paralizzati; radicati sul posto come pecore quando un lupo attacca.
L’Ustasha poi con calma… passò sopra mia madre e cominciò a pugnalare uno per uno, come se pugnalasse le balle di fieno con un forcone.

Sto guardando tutto questo che accade davanti a me. Non posso muovermi. Come se fossi paralizzato. Vedo tutto, sono pienamente consapevole di tutto, ma non posso muovere un solo muscolo. Non posso muovere una sola parte del mio corpo. Come se il mio corpo fosse morto, mentre la mia mente e i miei sensi sono vivi e vegeti.

Un telegramma inviato da Banja Luka al Servizio di Sorveglianza degli Ustascia (Ustaska Nadzorna Sluzba, UNS) a Zagabria l’11 febbraio descrive le uccisioni in questo modo:

Una compagnia di truppe Ustasha, comandata dall’Oberleutnant Josip Mislov… il 7 febbraio alle 04:00 si è impadronita della miniera di Rakovac e ha usato i picconi per uccidere 37 lavoratori greci scismatici. Continuò ad usare picconi e asce per uccidere uomini, donne e bambini greci scismatici nei villaggi di Motike, dove furono uccisi circa 750, Drakulic e Sargovac, dove furono uccisi circa 1.500. Le uccisioni sono terminate intorno alle 14:00… Seguirà un rapporto dettagliato.

Il tradimento dei vicini

Come faceva l’Ustasha di Zagabria a sapere chi prendere di mira? Nei tre villaggi vivevano sia serbi che croati. L’indizio si trova nel rapporto successivo, che nomina alcuni dei croati locali che hanno agito come guide.

Dalla miniera, gli ustascia procedettero verso Drakulic, dice il rapporto. Erano guidati da tre uomini locali – il minatore Ivo Juric, Stipo Golub e Simun Pletikosa – che indicavano le case serbe. Tutti furono portati fuori e uccisi. La compagnia si trasferì poi a Sargovac. Sulla via del ritorno, massacrarono 70 famiglie anche nel villaggio di Motike. Per le uccisioni nei villaggi sono state usate asce, oltre a picconi da miniera. Gli abitanti croati dei villaggi hanno poi saccheggiato il cibo, il bestiame e persino i mobili delle case serbe, ma è stato detto loro di seppellire i morti. Le sepolture sono andate avanti per tre giorni.

Molti corpi sono stati sepolti senza arti, poiché erano stati mangiati da maiali e cani

ha osservato il rapporto.

Una fotografia, scattata dall’ustascia Stipe Kraljevic, mostra sei dei suoi compagni in posa con la testa mozzata di Jovan Blazenovic, un serbo di Drakulic. Quattro dei sei sono stati identificati: Ante Pezic, Meho Ceric, Franjo Likanac e Marko Kolakovic. Il rapporto esteso spiega anche come è stato compiuto il massacro di Rakovac: I minatori furono sorpresi all’inizio del loro turno, con i serbi separati, poi colpiti con attrezzi contundenti e “finiti” con picconi alla testa. Lo stesso metodo veniva usato contro i minatori del terzo turno che tornavano in superficie. I corpi venivano gettati nel pozzo della miniera.

Entrambi i rapporti sono contenuti nel libro “Frati e massacri Ustasha“, pubblicato da Lazar Lukajic nel 2005. Esso contiene anche la testimonianza di Dragan Stijakovic e di altri 12 abitanti del villaggio sopravvissuti. Secondo Lukajic, il numero totale di serbi uccisi nel massacro fu di 2.315, di cui 1.363 di Drakulic, 257 di Sargovac e 679 di Motike, oltre a 16 minatori di altri villaggi che furono uccisi a Rakovac.

Padre Satana

Tomasevic, che dirige l’associazione benefica JHMF nel Regno Unito, è la nipote del fratello di Dragan Stijakovic, Mladen, che era in un campo di prigionieri di guerra tedesco al tempo del massacro. Ha detto a RT che fra Filipovic di Petricevac non ha solo accompagnato la compagnia degli Ustasha, ma ha partecipato personalmente al massacro.

Imitando Cristo e i suoi apostoli, il frate ha portato 12 degli Ustasha nella scuola elementare di Sargovac, dove ha iniziato a macellare i bambini. Dobrila Martinovic, la maestra che sopravvisse al massacro, più tardi raccontò a Lukajic che Filipovic uccise personalmente la bambina di sette anni Radojka Glamocanin davanti a lei, per mostrare agli altri come uccidere. Una pagina del registro della scuola del 7 febbraio 1942 elenca 58 bambini serbi morti per “cause naturali“.

Filipovic avrebbe anche detto agli Ustasha che li avrebbe assolti da ogni peccato, e che la loro uccisione stava “battezzando” gli “apostati“. Dopo che si seppe del suo ruolo nel massacro, l’abate di Petricevac sconsacrò Filipovic, e l’inviato militare tedesco, il generale von Horstenau, chiese che fosse processato. Anche se l’ex frate fu processato dalla corte marziale e imprigionato, la sua caduta in disgrazia non durò a lungo. Nel marzo 1943, attirò l’attenzione di Vjekoslav ‘Maks‘ Luburic, l’Ustasha responsabile dei campi di sterminio della Croazia. Luburic soprannominò l’ex frate un “maestro del suo mestiere” – cioè uccidere i serbi – dopo di che Filipovic assunse il secondo cognome, “Majstorovic“.

Luburic fece nominare Filipovic-Majstorovic comandante di Stara Gradiska, uno dei campi del complesso di Jasenovac, dove i detenuti serbi venivano massacrati con coltelli, asce, martelli e altri strumenti contundenti. Per le sue vittime divenne noto come “Fra Sotona” – Frate Satana.

Catturato dai comunisti dopo la guerra, Filipovic-Majstorovic fu processato per crimini di guerra e impiccato nel 1946, vestito con un abito francescano. Non fu mai scomunicato dalla Chiesa cattolica.

Il peccato del silenzio

Mentre alcuni dei macellai di Drakulic, Sargovac e Motike furono puniti alla fine della guerra, molti altri non lo furono. Rivelare l’intera portata delle atrocità croate contro i serbi avrebbe reso impossibile rimettere insieme la Jugoslavia dopo la guerra. Anche se i comunisti originariamente intendevano dividerla – il loro infame programma del 1928 chiedeva la sua divisione lungo linee etniche per distruggere “l’imperialismo borghese serbo maggiore” – erano meno inclini a farlo una volta che erano al potere, e avevano l’appoggio sia dell’Unione Sovietica che degli alleati occidentali.

Così, mentre il genocidio della NDH veniva riconosciuto, veniva dichiarato che i realisti serbi erano l’equivalente morale degli Ustasha e che i partigiani comunisti erano l’unica vera resistenza all’occupazione dell’Asse. Ai popoli della Jugoslavia fu detto di abbracciare l’equità, sotto forma di “fratellanza e unità” – e se questo significava vivere accanto ai propri carnefici, così sia.

Questo significava che i sopravvissuti dovevano aspettare anni per recuperare solo i cimeli di famiglia saccheggiati dai vicini implicati nel massacro dei loro parenti. Gli stessi vicini trovarono lavoro e potere nel nuovo governo. Un discreto monumento eretto alle vittime del Grande Macello negli anni ’60 non poteva identificarle come serbe, per non ferire i sentimenti dei croati.

Questo è anche il motivo per cui i fratelli Stijakovic e altri sopravvissuti non hanno potuto far pubblicare le loro testimonianze fino agli anni 2000 – molto tempo dopo che la propaganda degli anni ’90 aveva dipinto i serbi come criminali di guerra genocidi e i loro carnefici della seconda guerra mondiale come vittime innocenti, in una nuova “storia” scritta dai vincitori della guerra fredda.

Fonte The Great Slaughter: A forgotten genocide of WWII