Categorie
Non classé

Il pericolo della espansione NATO a est

Quello che a molti non è noto è che esistono da decenni molti esponenti politici, strateghi, consulenti, che hanno avvisato sul pericolo dell’espansione della NATO. George Kennan è stato un esponente di spicco della politica statunitense. Dopo aver trascorso la fine degli anni Trenta e la Seconda guerra mondiale tra Repubblica Ceca, Portogallo e Inghilterra, Kennan, nel 1944, fu chiamato dalla Casa Bianca a svolgere un incarico importante: partecipare ai lavori della Commissione consultiva europea. Nel 1946 e nel 1947 scrisse due documenti destinati a fare storia: il “Lungo telegramma” e l’”Articolo X”. Due documenti che hanno avuto un impatto enorme nella concezione e nella visione del mondo russo dei decisori politici statunitensi, perché impostati su dei presupposti spacciati per dogmi, tra i quali la presunta vocazione imperialistica e l’intrinseca natura autocratica della classe dirigente russa. E gli Stati Uniti, posti dinanzi ad una simile minaccia, avrebbero avuto una sola scelta: “contenimento”. Ha lavorato con diversi Presidenti USA, Truman, Eisenwoher, John Fitzgerald Kennedy. In sintesi, George Kennan probabilmente è stato il più grande stratega della politica estera americana, l’architetto della strategia americana della guerra fredda. In un’intervista al New York Times del 2 maggio 1998 aveva avvertito in modo perspicace su ciò che la ratifica del Senato del primo ciclo di espansione della NATO avrebbe messo in moto. “Penso che sia l’inizio di una nuova guerra fredda“, dichiarò Kennan. “Penso che i russi reagiranno gradualmente in modo piuttosto negativo e questo influenzerà le loro politiche. Penso che sia un tragico errore. Non c’era alcun motivo per farlo. Nessuno stava minacciando nessun altro. Questa espansione farebbe rivoltare nelle loro tombe i padri fondatori di questo paese. Siamo nella Nato per proteggere tutta una serie di Paesi, anche se non abbiamo né le risorse né l’intenzione di farlo in modo serio“.

Il 18 giugno 1997, Biden parla al Consiglio Atlantico degli Stati Uniti e offre il suo sostegno all’allargamento della Nato. Al centro della discussione politica è se ammettere Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia, che entrano nell’alleanza atlantica nel 1999.
Le sue parole sono state un avvertimento: l’unica cosa che potrebbe provocare una risposta russa “vigorosa e ostilesarebbe se la Nato si espandesse fino agli stati baltici. Allora sì. Esclude comunque possa trattarsi di una risposta militare e si dichiara ottimista sulla soluzione. A suo dire anche la Russia alla fine avrebbe visto l’espansione della Nato nel suo interesse, per una questione di sicurezza e stabilità. “Credo che con il tempo, nei prossimi anni, risolveremo. È mia speranza che a breve termine, cioè entro la fine di questo secolo o poco dopo, gli Stati baltici saranno ammessi”. — https://t.me/RossellaFidanza/22475

William J. Burns, il direttore della Cia di Biden, aveva messo in guardia sull’effetto provocatorio dell’espansione della Nato sulla Russia sin dal 1995. Due anni prima dell’intervento dell’allora senatore Biden e il suo invito a temporeggiare sugli Stati baltici. Burns, allora ufficiale politico dell’ambasciata statunitense a Mosca, riferì invece subito a Washington che “l’ostilità alla prima espansione della Nato è quasi universale in tutto lo spettro politico interno”. https://www.govinfo.gov/content/pkg/CREC-2022-02-10/html/CREC-2022-02-10-pt1-PgS632-2.htm Quando l’amministrazione del presidente Bill Clinton si è mossa per portare Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca nella Nato, Burns ha scritto che la decisione era “prematura nel migliore dei casi, e inutilmente provocatoria nel peggiore”. Ha spiegato in un libro di memorie, The Back Channel.: “Mentre i russi ribollivano nel loro risentimento e nel senso di svantaggio, una tempesta crescente di teorie sulla ‘pugnalata alla schiena’ ha lentamente turbinato, lasciando un segno nelle relazioni della Russia con l’Occidente che sarebbe durato per decenni”.

Nel 1997, cinquanta esperti di politica estera hanno firmato una lettera aperta a Clinton, affermando:

Caro Signor Presidente,

Noi sottoscritti riteniamo che l’attuale sforzo guidato dagli Stati Uniti per espandere la NATO, al centro dei recenti Vertici di Helsinki e Parigi, sia un errore politico di proporzioni storiche. Riteniamo che l’espansione della NATO diminuirà la sicurezza degli alleati e sconvolgerà la stabilità europea per i seguenti motivi:

In Russia, l’espansione della NATO, che continua a essere osteggiata in tutto lo spettro politico, rafforzerà l’opposizione non democratica, indebolirà coloro che favoriscono le riforme e la cooperazione con l’Occidente, porterà i russi a mettere in discussione l’intero accordo post-Guerra Fredda e galvanizzerà la resistenza alla Duma ai trattati START II e III; In Europa, l’espansione della NATO disegnerà una nuova linea di divisione tra gli “interni” e gli “esclusi”, promuovendo l’instabilità e, infine, diminuirà il senso di sicurezza di quei paesi che non sono inclusi;

Nella NATO, l’espansione, che l’Alleanza ha indicato come a tempo indeterminato, degraderà inevitabilmente la capacità della NATO di svolgere la sua missione primaria e coinvolgerà le garanzie di sicurezza statunitensi a paesi con gravi problemi di confine e minoranze nazionali e sistemi di governo democratico sviluppati in modo non uniforme;

Negli Stati Uniti, l’espansione della NATO innescherà un ampio dibattito sul suo costo indeterminato, ma certamente elevato, e metterà in discussione l’impegno degli Stati Uniti nei confronti dell’Alleanza, tradizionalmente e giustamente considerata un fulcro della politica estera statunitense.

A causa di queste gravi obiezioni, e in assenza di qualsiasi motivo per una rapida decisione, sollecitiamo vivamente la sospensione del processo di espansione della NATO mentre si perseguono azioni alternative. Questi includono:

—l’apertura delle porte economiche e politiche dell’Unione europea all’Europa centrale e orientale;
—sviluppare un programma rafforzato di partenariato per la pace;
—sostenere una relazione cooperativa NATO-Russia; e
—continuare il processo di riduzione degli armamenti e trasparenza, in particolare per quanto riguarda armi e materiali nucleari, la principale minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti, e per quanto riguarda le forze militari convenzionali in Europa.

La Russia non rappresenta ora una minaccia per i suoi vicini occidentali e le nazioni dell’Europa centrale e orientale non sono in pericolo. Per questo motivo, e per gli altri sopra citati, riteniamo che l’espansione della NATO non sia né necessaria né auspicabile e che questa politica mal concepita possa e debba essere sospesa.
https://www.armscontrol.org/act/1997-06/arms-control-today/opposition-nato-expansion

Nel 2014, Henry Kissinger scrisse un articolo per il WaPo sull’Ucraina. Scrive: “L’Occidente deve capire che per la Russia l’Ucraina non potrà mai essere solo un Paese straniero. La storia russa è iniziata in quella che era chiamata Kiev-Rus. La religione russa si è diffusa da lì. L’Ucraina è stata parte della Russia per secoli“. Sottolinea che l’Ucraina è divisa tra “l’ovest in gran parte cattolico” e “parlante ucraino” e “l’est in gran parte russo-ortodosso” e “parlante russo“.
Di conseguenza, “qualsiasi tentativo da parte di un’ala dell’Ucraina di dominare l’altra porterebbe alla guerra civile o alla disgregazione“. Questa divisione significa che “trattare l’Ucraina come parte di un confronto tra Est e Ovest significherebbe affossare per decenni qualsiasi prospettiva di portare la Russia e l’Occidente – soprattutto la Russia e l’Europa – in un sistema internazionale cooperativo“. Consiglia quindi quanto segue: “Una saggia politica statunitense nei confronti dell’Ucraina cercherebbe un modo per far sì che le due parti del Paese cooperino tra loro. Dovremmo cercare la riconciliazione, non il dominio di una fazione“.
È anche convinto che “l’Ucraina non dovrebbe entrare nella NATO“. Infine avvisa la Russia che “non sarebbe in grado di imporre una soluzione militare senza isolarsi” e che “una politica di imposizioni militari produrrebbe un’altra guerra fredda“. https://www.washingtonpost.com/opinions/henry-kissinger-to-settle-the-ukraine-crisis-start-at-the-end/2014/03/05/46dad868-a496-11e3-8466-d34c451760b9_story.html

Questo è John Mearsheimer – probabilmente il principale studioso di geopolitica negli Stati Uniti di oggi – nel 2015:

“L’Occidente sta conducendo l’Ucraina lungo il sentiero della primula e il risultato finale è che l’Ucraina andrà in rovina […] Quello che stiamo facendo è di fatto incoraggiare questo risultato”. (video completo) Un breve imperdibile saggio di Mearsheimer del 2014 qui, che spiega perchè la crisi ucraina è colpa dell’Occidente.

Nel 2016 il già segretario alla Difesa di Clinton, Bill Perry, disse al The Guardian: “Negli ultimi anni, la maggior parte della colpa può essere attribuita alle azioni intraprese da Putin. Ma nei primi anni devo dire che gli Stati Uniti meritano gran parte della colpa. La nostra prima azione che ci ha davvero messo in una cattiva direzione è stata quando la Nato ha iniziato ad espandersi verso le nazioni dell’Europa orientale. A quel tempo, stavamo lavorando a stretto contatto con la Russia e stavano iniziando ad abituarsi all’idea che la Nato potesse essere un’amica piuttosto che un nemico… ma erano molto a disagio nell’avere la Nato proprio al confine”. https://www.theguardian.com/world/2016/mar/09/russian-hostility-to-west-partly-caused-by-west

Nel 1997 Gorbaciov ha criticato l’espansione nei termini più duri sin dall’inizio. “Credo sia un errore. È un grave errore. E non sono persuaso dalle assicurazioni che sentiamo dire che la Russia non ha nulla di cui preoccuparsi“. Gorbaciov ha avvertito, preveggentemente, come si è scoperto, che la mossa avrebbe scatenato un contraccolpo in Russia, indurendo gli intransigenti e conferendo potere ai conservatori politici. “Sento che se si continuano a giocare lo stesso tipo di partite, se un paese gioca qualche carta contro l’altro paese, allora tutti quei problemi, tutti quei problemi di cui abbiamo parlato oggi, saranno molto difficili da risolvere.https://www.currentaffairs.org/2022/09/ignoring-gorbachevs-warnings/

Noam Chomsky nel 2015: L’idea che l’Ucraina possa aderire alla NATO sarebbe del tutto inaccettabile per qualsiasi leader russo. Il desiderio dell’Ucraina di entrare nella NATO non protegge l’Ucraina ma la sta minacciando causando una grande guerra.

Stephen Cohen, famoso studioso di studi russi, nel 2014 ha avvertito chese spostiamo le forze della NATO verso i confini della Russia […] ovviamente militarizzeremo la situazione [e] la Russia non si tirerà indietro, è una questione esistenziale

Malcolm Fraser, 22° primo ministro australiano, ha avvertito nel 2014 che “lo spostamento a est [della NATO] è provocatorio, poco saggio e rappresenta un segnale molto chiaro per la Russia“. Aggiunge che questo porta a un “problema difficile e straordinariamente pericoloso“. https://www.theguardian.com/commentisfree/2014/mar/03/ukraine-theres-no-way-out-unless-the-west-understands-its-past-mistakes

Paul Keating, ex premier australiano, nel 1997: l’espansione della NATO è “un errore che può essere classificato alla fine con gli errori strategici che hanno impedito alla Germania di prendere il suo pieno posto nel sistema internazionale [all’inizio del XX]“. http://www.paulkeating.net.au/shop/item/a-prospect-of-europe—4-september-1997

Sir Roderic Lyne, ex ambasciatore britannico in Russia, un anno fa aveva avvertito che “spingere l’Ucraina nella NATO […] è stupido a tutti i livelli“. E aggiunge: “Se si vuole iniziare una guerra con la Russia, questo è il modo migliore per farlo“.

La prospettiva che l’Ucraina e la Georgia aderiscano alla Nato ha inimicato Putin almeno da quando il presidente George W. Bush ha espresso sostegno all’idea nel 2008. “È stato un vero errore”, ha detto a Vox, a gennaio, Steven Pifer, che dal 1998 al 2000 è stato ambasciatore in Ucraina sotto il presidente Clinton: “Ha fatto impazzire i russi. Ha creato aspettative in Ucraina e Georgia, che poi non sono mai state soddisfatte”. https://www.vox.com/2022/2/23/22948534/russia-ukraine-war-putin-explosions-invasion-explained

Nel suo libro di memorie del 2014 , Duty , Robert M. Gates, che ha servito come segretario alla difesa sia nell’amministrazione Bush che in quella di Obama , ha ammesso che “cercare di portare Georgia e Ucraina nella Nato è stato davvero esagerato”. Mosca ha iniziato a respingere. Putin ha sfruttato una provocazione del governo filo-occidentale della Georgia per lanciare un’offensiva militare che è penetrata in profondità nel Paese. Dopo la sua vittoria, la Russia ha staccato due regioni georgiane di mentalità secessionista e le ha messe sotto il controllo russo.

Riflette Ted Galen Carpenter, del Cato Institute: “L’azione decisiva del Cremlino avrebbe dovuto allertare anche i leader statunitensi che i giorni in cui i funzionari russi si limitavano a lanciare proteste verbali sulla costante invasione dell’Occidente nella sfera della sicurezza russa erano finiti”. L’amministrazione Obama ha poi cercato di trasformare l’Ucraina in una risorsa politica e militare della Nato tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014, quando gli Stati Uniti e diversi governi europei si sono impegnati per sostenere gli sforzi dei manifestanti per spodestare il presidente ucraino filo-russo, Victor Yanukovich, circa due anni prima della scadenza del suo mandato.
Scrive Carpenter: “Quella campagna è stata particolarmente inappropriata da quando Yanukovich è diventato presidente nel 2010 a seguito di un’elezione che persino l’ Unione Europea e altri osservatori internazionali hanno riconosciuto essere ragionevolmente libera ed equa . In un sistema democratico, il modo legale per rimuovere un presidente dall’incarico è, a seconda delle regole costituzionali di un paese specifico, attraverso un voto parlamentare di sfiducia, impeachment o sconfitta alle prossime elezioni. Le manifestazioni di strada arrabbiate non rientrano in nessuna di queste categorie, eppure gli Stati Uniti e i loro alleati hanno sostenuto quel processo illegale. Una registrazione della telefonata trapelata tra l’assistente del segretario di Stato Victoria Nuland e l’ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina Geoffrey Pyatt ha confermato la portata dell’ingerenza di Washington negli affari di un paese sovrano”.

Il giornalista britannico Tim Marshall, ex redattore per gli affari esteri di Sky News, nel suo libro del 2015 Prisoners of Geography: per la Russia “un’Ucraina filo-occidentale con ambizioni di entrare a far parte [dell’UE o della NATO] non potrebbe reggere” e “potrebbe scatenare una guerra“.

Frank Blackaby, ex direttore del SIPRI, nel 1996 scriveva chequalsiasi governo russo reagirà, sia militarmente che politicamente, all’espansione della NATO” e che questa “fa scivolare l’Europa […] verso la seconda guerra fredda”.

Penso che, se dovessimo cercare, troveremmo ancora tantissimi esempi, citando anche Giulietto Chiesa ed altri pensatori italiani. Mi chiedo come si possa pensare che gli USA non sapessero cosa stavano innescando fin dai tempi della Crimea… e mi chiedo anche come possa essere plausibile che vogliano continuare verso una catastrofe certa. In una notizia che è uscita oggi, lanciata dal WaPo che, al solito, cita fonti anonime, l’amministrazione Usa di Joe Biden starebbe chiedendo privatamente Volodymyr Zelensky e gli altri leader ucraini a segnalare pubblicamente un’apertura a negoziare con la Russia e a non dichiarare più che si rifiutano di partecipare ai colloqui di pace con il presidente Vladimir Putin al potere. A ridosso delle midterms, francamente, specie guardando i continui flussi di denaro che vengono inviati in Ucraina, mi sembra più un proclama elettorale che altro. E certo non credo alla preoccupazione USA nei confronti degli alleati europei, visto il baratro dove coscientemente ci hanno lanciato. Una cosa è certa: gli Stati Uniti hanno fortemente voluto questo scontro, lo hanno preparato per decenni e per loro è un’occasione unica per cercare di far piegare la testa alla Russia e “contenerla”. Non credo che di fronte alle evidenti difficoltà del loro progetto, accettino di buon grado di fare un passo indietro, ammettendo platealmente la loro sconfitta in questo braccio di ferro. Secondo voi? https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/11/06/ucraina-biden-sta-incoraggiando-zelensky-a-mostrare-unapertura-al-negoziato-con-la-russia-la-rivelazione-del-washington-post/6863420/amp/

@RossellaFidanza

Anche Il Generale de Gaulle sul capitalismo