Categorie
Non classé

Brasile, elezioni 2022

30.10.22 h20 Seggi ufficialmente chiusi. Primi risultati a breve.







Le narcobande in Brasile celebrano la vittoria di Lula alle presidenziali. … e pare che Bolsonaro riconosca sconfitta … ma il popolo non ci stae “…Stanno già parlando di procedure di impeachment per Lula …” → Se i cittadini chiedono l’intervento federale tramite i militari, Bolsonaro resta al potere fino al termine del suo mandato. Bolsonaro questo lo sa perfettamente, e se il suo messaggio di ieri fosse stato un suggerimento per arrivare a questo, senza contestare lui direttamente il risultato delle elezioni? …

Censura dubbi / richieste di indagine elezioni (Brasile e non solo)

AUDIT ELEZIONI BRASILIANE – Anomalie per possibili algoritmi 🧨

Bolsonaro e gli Illuminati …

I manifestanti a Rio de Janeiro chiedono ai militari di salvare il Paese

Lula: schierato con la narrativa vaccinista

Parti dell’esercito brasiliano iniziano a dispiegarsi nelle principali città del paese e ai suoi confini…

Bolsonaro, Election Fraud, and the Big Red Wave

🇧🇷 – Bolsonaro rimuove la sua concessione, chiede al TSE di dichiararlo vincitore.Bolsonaro fa causa per invalidare 250 mila votiIstanza respinta …Beh, ci sta… Il ritrovo degli scippatori di elezioni 😈
L’esercito brasiliano ha invaso le favelas di Rio de Janeiro per giustiziare i leader del cartello criminale Vermelho. Sono coloro che festeggiavano alla “vittoria” di Lula. → Aggiornamento sulla situazione in Brasile. I militari stanno anche presidiando gli aeroporti del Paese. Tutto sembra davvero pronto per l’attivazione dell’articolo 142 …


Il STF e la sua polizia, il TSE, hanno distrutto l’onestà delle elezioni presidenziali – J.R GUZZO

Il Supremo Tribunale Federale e la sua polizia elettorale, il TSE, hanno completamente distrutto l’onestà delle elezioni presidenziali che si decideranno il 30 ottobre; ora stanno apertamente favorendo uno dei candidati, l’ex presidente Lula. Per farlo hanno violato la legge brasiliana, hanno espropriato il tempo della propaganda elettorale per dare al loro prescelto il tempo che spetta legalmente all’avversario e, cosa peggiore, si sono dati poteri censori che sono assolutamente vietati dalla Costituzione federale – a loro o a qualsiasi autorità in Brasile.

È il più rovinoso attacco alla democrazia che il Paese abbia subito dalla proclamazione dell’AI-5, nel 1968. Inoltre, la censura imposta alla stampa e a tutti i 215 milioni di cittadini brasiliani non ha precedenti, nemmeno nei momenti peggiori della dittatura, in termini di brutalità, arroganza e stupidità.

Il TSE, senza il minimo straccio di legge che glielo permettesse, è uscito dal suo ruolo legale di garante delle regole del calendario elettorale e si è impadronito di tutto: ora dà ordini, 24 ore su 24 e su qualsiasi argomento, alla stampa, ai giornalisti e, in definitiva, a qualsiasi brasiliano che voglia aprire la bocca per dire qualcosa contro Lula, sulle reti sociali o altrove.
È vietato dire, ad esempio, che è stato condannato dai tribunali per corruzione passiva e riciclaggio di denaro – o che non è mai stato assolto da nulla. Peggio ancora, i ministri hanno creato una censura preventiva – una violazione strisciante del principio secondo cui si può punire un errore solo dopo che è stato commesso. Il risultato è che alla fine di questa campagna si è arrivati alla seguente demenza: ai giornalisti è vietato dire ciò che non hanno ancora detto. Proprio così: “fino al 31 ottobre”, ci sono professionisti e organi di stampa che non possono scrivere o parlare.

Il TSE non sta punendo le “notizie false”, né alcun reato di calunnia, diffamazione o diffamazione; sopprimendo preventivamente il diritto di parola, sta punendo reati che non sono stati commessi. In quale punto della Costituzione è consentita una cosa del genere?

Il duo STF-TSE non sta danneggiando i diritti dei giornalisti o dei media; sta eliminando il diritto della popolazione a essere informata. Né si preoccupano di nasconderlo. Un ministro ha dichiarato in una votazione aperta che qualsiasi censura è “inammissibile” – ma che, in via “eccezionale”, si rifiuta di rispettare la legge. “Eccezionale?” Cosa può essere eccezionale, o pericoloso, in un’elezione democratica che, secondo gli stessi STF e TSE, ha sistemi di voto e di conteggio perfetti – la possibilità che l’avversario vinca? Questo è ciò che dicono.
@RossellaFidanza