Categorie
Non classé

Il Grande Reset della Russia: affrontare la realtà

Riley Waggaman – Una risposta all’argomentazione “la tecnocrazia russa è una buona tecnocrazia“.

Un lettore mi ha recentemente segnalato un interessante articolo pubblicato da Thomas Röper, curatore di Anti-Spiegel.

In esso, Röper sostiene che Ernst Wolff – una voce autorevole sulle farneticazioni del “Grande Reset” – sbaglia a considerare la Russia come un partecipante attivo al New Normal innescato dal COVID-19.

Vorrei offrire una prospettiva diversa su questo argomento, soprattutto perché molte delle argomentazioni avanzate da Röper sono diventate un luogo comune su Twitter, Telegram e podcast che nessuno ascolta. A Röper va riconosciuto il merito di essersi preso il tempo di scrivere i suoi pensieri.

In passato io e Röper ci siamo scambiati “critiche sul blog”; a dicembre ha criticato un mio articolo che evidenziava i legami tra Davos e i finanziatori e gli sviluppatori dello Sputnik V. Ho poi criticato la sua critica. Bloggare è molto eccitante.

Voglio sottolineare che questo articolo non vuole essere un attacco personale a Röper; sono solo interessato ad approfondire le sue idee.

In realtà, sono piuttosto affezionato a Röper. Possiede una qualità rara: è aperto al dialogo. Ha persino aggiornato il suo articolo di dicembre per includere la mia risposta alla sua critica.

Una cosa molto sportiva da parte sua, praticamente inaudita nell’era dell’opinionismo egoistico e velleitario di Internet.

La mia speranza (probabilmente ingenua) è che questo articolo incoraggi gli “osservatori della Russia” a riflettere più a fondo sugli argomenti trattati di seguito.

Putin e il Forum economico mondiale [WEF]

Röper inizia delineando il suo punto di vista su come operano le strutture di potere globali occidentali e perché non pensa che Putin (o la Russia) faccia parte di questa rete. Tornerò su questa parte della sua argomentazione più avanti.

Continua sottolineando che Wolff sostiene erroneamente che Putin sia un alunno del programma Young Global Leader del WEF.

L’affermazione di Wolff deriva probabilmente da un video virale del 2019 in cui Klaus Schwab elenca Tony Blair, Angela Merkel e Vladimir Putin come diplomati del suo club Young Global Leaders.

Tutte le prove disponibili suggeriscono che Schwab si sia espresso male. Come ha riferito Anti-Empire nel dicembre 2021:

I “Young Global Leaders” devono avere al massimo 38 anni quando vengono ammessi. A 38 anni, Putin sarebbe stato ancora nel KGB negli ultimi giorni dell’URSS nel 1990.

Inoltre, il WEF ha avviato il programma Young Global Leaders (come “Global Leaders for Tomorrow“) solo nel 1993, quando Putin aveva già 41 anni.

Röper nota giustamente che Putin non è elencato sul sito web del programma. E per una buona ragione: Il presidente russo era troppo vecchio per qualificarsi quando il WEF ha iniziato la sua famigerata iniziativa di formazione dei leader nel 1993. Scrive Röper:

Poiché Putin non è incluso negli elenchi dei programmi di Schwab e la dichiarazione di Schwab può anche essere interpretata in modo diverso, non vedo alcuna prova o anche solo un serio indizio che Putin abbia partecipato a questi programmi.

Non sono in disaccordo, ma ciò che Röper non menziona è che il rapporto di Putin con Klaus Schwab è precedente alla creazione del programma Young Global Leaders.

Parlando al forum online Davos Agenda il 29 gennaio 2021, il presidente russo ha salutato il presidente del WEF come “caro Klaus” e ha ricordato il loro rapporto decennale:

Sono stato a Davos molte volte, partecipando agli eventi organizzati da Schwab, anche negli anni Novanta. Klaus [Schwab] ha appena ricordato che ci siamo incontrati nel 1992. In effetti, durante la mia permanenza a San Pietroburgo, ho visitato più volte questo importante forum.

Vladimir Putin non era un Young Global Leader ed è fuorviante etichettarlo come tale. Ma è altrettanto fuorviante fingere che Putin non abbia una lunga storia con Schwab e il World Economic Forum. In realtà, questa relazione è iniziata un anno prima che il programma Young Global Leaders esistesse.

Nel 1992, Putin lavorava per il sindaco di San Pietroburgo Anatoly Sobchak come capo del Comitato per le Relazioni Esterne della città, incarico che ha ricoperto fino a quando Sobchak ha perso le elezioni governative di San Pietroburgo nel 1996.

Parte del suo lavoro consisteva nel promuovere conferenze internazionali e attrarre investimenti stranieri a San Pietroburgo. È ragionevole supporre che Putin sia apparso per la prima volta sul radar di Schwab.

Allo stesso tempo, non dimentichiamo che Putin non era esattamente un funzionario di alto profilo durante il suo periodo a San Pietroburgo. Infatti, il presidente russo ha dichiarato di aver lavorato part-time come tassista per sbarcare il lunario.

Tutto questo non avrebbe importanza se Putin – che nell’arco di tre anni è passato da funzionario minore con un lavoro secondario a Presidente ad interim della Federazione Russa – fosse un critico e un oppositore dichiarato di Davos. Purtroppo, è vero l’esatto contrario.

Incontrando Schwab a San Pietroburgo nel novembre 2019, Putin ha dichiarato che il Forum economico mondiale “sostiene le persone che si sforzano di lavorare apertamente e in linea con il diritto internazionale vigente e promuove i contatti tra funzionari del mondo degli affari e del governo”.

Il presidente russo ha aggiunto:

Per questo motivo abbiamo sempre sostenuto e continueremo a sostenere le nostre relazioni con il forum da voi fondato. Naturalmente, i rappresentanti russi hanno sempre partecipato e parteciperanno ai vostri eventi.

A nostra volta, conduciamo eventi simili che mirano principalmente a stabilire contatti commerciali con i partner della Russia. Lei sa che abbiamo il Forum economico qui a San Pietroburgo e diversi eventi in Estremo Oriente, Siberia e Russia meridionale. Stiamo quindi seguendo il vostro esempio. Spero che non vi stiamo deludendo e che stiamo lavorando all’unisono.

Röper sottolinea un dettaglio tecnico (Putin non era uno Young Global Leader) ignorando il fatto che Schwab e Putin risalgono a circa trent’anni fa, quando Putin era una non-entità nella politica russa. Quindi, cosa sta sostenendo esattamente Röper?

Il rublo digitale russo: diverso dagli altri CBDC?

Röper si sofferma poi sulle critiche mosse da Wolff al rublo digitale, sostenendo che la moneta digitale centralizzata russa è fondamentalmente diversa da quella proposta dalla Banca Centrale Europea (BCE).

Secondo Röper, l’introduzione di una moneta della BCE inaugurerebbe uno

Stato di sorveglianza totale, perché non si potrebbe nemmeno comprare un pacchetto di gomme da masticare senza che sia registrato… La moneta della BCE – insieme al divieto di usare il contante – non sarebbe solo lo Stato di sorveglianza totale, ma anche lo Stato repressivo definitivo.

Ma la situazione è diversa in Russia, sostiene Röper:

In Russia nessuno sta pensando di abolire il contante e l’uso del contante in Russia, a differenza dell’Occidente, è illimitato… Non ci sono restrizioni all’uso del contante in Russia.

Questo non è vero. In Russia esistono già divieti sull’uso del contante, nell’ambito di una spinta aggressiva verso la “digitalizzazione” dell’economia.

Dal giugno 2022, nella regione di Mosca è vietato ai pendolari l’uso di contanti per pagare i biglietti degli autobus.

Le autorità hanno citato i problemi di sicurezza (gli autisti degli autobus non dovrebbero contare gli spiccioli mentre sono in viaggio) come motivazione principale di questo divieto. Ma ci sono state altre giustificazioni.

Un leader del sindacato regionale ha affermato che la “pandemia” di coronavirus ha dimostrato che i virus possono essere facilmente trasmessi attraverso i contanti, e che il nuovo divieto di contanti aiuterebbe a “evitare la diffusione di varie infezioni e malattie“.

Non si tratta di una politica esclusiva della regione di Mosca.

Nel marzo del 2022, i media russi hanno rivelato che le città di tutto il Paese stavano introducendo il divieto di usare contanti sui trasporti pubblici. Riporta tr.ru:

La tendenza a trasferire le tariffe ai pagamenti senza contanti può essere rintracciata in tutto il Paese. A San Pietroburgo, quest’anno, la maggior parte delle linee di autobus sarà completamente trasferita al pagamento senza contatto.

In alcune regioni, i pendolari vengono penalizzati quando cercano di usare i contanti. L’Oblast di Vologda ha annunciato nel gennaio 2022 che la tariffa dei filobus costerà 30 rubli, ma 32 rubli se si paga in contanti.

La Russia è in realtà un pioniere nello sviluppo di sistemi di pagamento senza contanti.

Nel 2015, Sberbank, la più grande banca del Paese, ha lanciato Ladoshki (“Piccole Palme”), un sistema di pagamento biometrico per gli studenti delle scuole:

Per pagare il pranzo, lo studente avvicina la mano allo scanner di una macchina speciale, seleziona un piatto dal menu e il denaro viene automaticamente addebitato sul conto collegato alla biometria.

Nel luglio 2022, Mosca ha presentato un piano per espandere il suo sistema biometrico Face Pay per i pendolari della metropolitana.

Maxim Liksutov, vicesindaco di Mosca, si è vantato del fatto che

i sistemi di riscossione delle tariffe a riconoscimento facciale sono stati implementati in Cina, ma noi siamo più avanti.

Il sistema Face Pay è ora in fase di sperimentazione a San Pietroburgo. Anche Samara sta valutando l’introduzione di un sistema di pagamento biometrico per il trasporto pubblico.

Face Pay è ancora facoltativo, naturalmente. Per ora.

Cosa rende Röper così sicuro che il contante non sarà mai vietato in Russia? Le restrizioni sul contante sono già in atto – crede forse che questa tendenza si invertirà improvvisamente?

Anche nei Paesi “più senza contanti” (Svezia e altri strani posti), il contante non è stato completamente vietato. L’eliminazione completa del contante richiederà probabilmente anni, ma ancora una volta, dov’è la prova che la Russia sta resistendo alla transizione (globale) verso sistemi senza contanti?

Röper sostiene che la Russia non ha restrizioni sull’uso del contante – anche se ne ha, e anche se sta perseguendo in modo aggressivo i sistemi di pagamento biometrici – e quindi il rublo digitale sarà meno oppressivo di altri CBDC. Non trovo questa argomentazione molto convincente.

Röper spiega poi perché ritiene che il rublo digitale non possa essere paragonato ad altri token della banca centrale:

Il rublo della banca centrale russa, che è in fase di studio, deve diventare una valuta coperta. Dietro ogni rublo della banca centrale dovrebbe esserci un paniere di materie prime (oro, petrolio, ecc.).

Purtroppo non ci sono garanzie di questo tipo da parte della Banca di Russia. (Se ci sono, per favore trovatemi il comunicato stampa).

Per amor di discussione, supponiamo che il rublo digitale – che inizierà un programma pilota utilizzando “clienti reali e operazioni reali” l’anno prossimo, senza essere legato alle materie prime – sarà legato ai metalli preziosi o ad altre risorse.

In che modo questo annullerebbe l’assalto alle libertà personali e alla privacy che si verificherebbe inevitabilmente con qualsiasi altro CBDC? Il rublo digitale, come tutte le CBDC, è una moneta digitale programmabile centralizzata che può essere usata per controllare le persone. Röper sta forse suggerendo il contrario?

Nel dicembre 2021, il consulente blockchain e ricercatore di criptovalute Denis Smirnov ha dichiarato a Vedomosti che per i russi comuni

l’introduzione del rublo digitale è la materializzazione degli scenari più terribili descritti dagli scrittori di fantascienza nelle distopie.

Secondo l’esperto [Smirnov], con l’avvento del rublo digitale regnerà la trasparenza assoluta nel campo della finanza personale, il che significa che il diritto umano alla privacy sarà sotto attacco,

ha scritto il giornale.

La Banca di Russia non cerca nemmeno di nascondere il terrificante “potenziale” del suo rublo digitale.

Il CBDC russo

consentirà una migliore tracciabilità dei pagamenti e dei flussi di denaro, ed esplorerà anche la possibilità di stabilire condizioni sui termini d’uso consentiti di una determinata unità monetaria

ha dichiarato il vice governatore della Banca di Russia Alexey Zabotkin intervenendo al Cyber Polygon 2021 (ospitato dal WEF e da Sberbank).

Secondo Röper, una moneta digitale della BCE rappresenterebbe probabilmente

l’ultimo strumento di controllo e oppressione.

In Russia, invece,

il rublo della banca centrale sarebbe solo un’alternativa volontaria al contante,

scrive. Come fa Röper a saperlo?

I discorsi di Putin: Le azioni parlano più delle parole?

Infine, Röper indica la retorica infuocata di Putin come prova che in Russia non si stanno svolgendo strani affari ispirati a Davos.

La Russia ha dichiarato apertamente guerra al sistema occidentale, in cui le fondazioni degli oligarchi detengono il potere de facto

scrive, aggiungendo:

Ci sono innumerevoli discorsi in cui Putin si è espresso contro il modello economico occidentale. Una volta era diplomatico al riguardo, ma ora non mostra quasi alcuna considerazione. Il 16 agosto Putin ha tenuto un discorso che ho tradotto. Nel suo discorso è stato più chiaro che mai.

Putin ha parlato apertamente del fatto che i politici (eletti democraticamente) non governano in Occidente, ma ha parlato di “élite globaliste occidentali” – una chiara parafrasi delle persone che ho chiamato qui “oligarchi occidentali“. Putin ha parlato di un modello “che permette di parassitare il mondo intero“: in parole povere ha detto che pochi oligarchi occidentali stanno succhiando (“parassitando”) il mondo intero.

Il discorso di Putin del 16 agosto è stato molto incisivo e non c’è dubbio che ciò che ha detto sia assolutamente vero. La mia domanda è: come cambia qualcosa in Russia?

Le chiacchiere sono a buon mercato: Putin è altrettanto impegnato a denunciare ed estrarre il marcio all’interno del suo Paese? Perché i progressi su questo fronte sono stati sorprendentemente lenti.

Come ha denunciato all’inizio del mese Katyusha.org, un media russo conservatore e filo-Putin:

[Tutti] i discorsi su “l’operazione militare speciale ha cambiato il Paese” e “possiamo aspettarci che l’élite venga nazionalizzata” possono essere dimenticati. Nulla di tutto ciò è possibile finché i patrioti sono ancora al fronte [in Ucraina] e vi si dirigono. L'”élite” filo-occidentale si è appena presa una piccola pausa e sta continuando a costruire l’Occidente in Russia, nonostante il rifiuto dell’Occidente di considerarci persone.

Dalla “sostenibilità” ai vaccini genetici alle valute digitali centralizzate, la Russia continua ad abbracciare le stesse politiche distopiche promosse dal folle Occidente. In alcuni casi, la Russia è molto più avanti delle nazioni occidentali nell’attuazione del New Normal.

Se Putin si oppone a questo sistema anti-umano – e forse lo fa – perché permette che si radichi in Russia? Per me questa è una domanda molto più importante del fatto che Putin approvi o meno le élite occidentali.

Lo stesso sistema con un nome diverso

Röper sembra avere una teoria dettagliata su chi (e cosa) muove i fili sulla scena globale. Non ho letto i suoi due libri, quindi non sono in grado di criticare questa teoria.

Ma credo che il suo elogio del vaccino russo COVID-19, “sicuro ed efficace“, riveli perché la sua teoria potrebbe non essere così ermetica come egli immagina.

Ad oggi, non si sono verificati casi di gravi effetti collaterali dovuti allo Sputnik V. Sono stati segnalati solo i soliti effetti collaterali delle vaccinazioni, ovvero un leggero dolore nel punto di iniezione e una leggera febbre, ma entrambi non si verificano in tutte le persone vaccinate

ha scritto Röper il 30 marzo 2021.

Una semplice ricerca su Internet rivelerà numerosi altri articoli dell’Anti-Spiegel che sono altrettanto lodevoli nei confronti dello Sputnik V.

Purtroppo, la rosea valutazione di Röper dell’esperimento genetico russo, del tutto privo di prove, non ha retto molto bene.

Come ho scritto per Unlimited Hangout:

La Russia non dispone di un database simile al VAERS che il pubblico può utilizzare per segnalare e visualizzare le sospette complicazioni post-vaccinazione. Tuttavia, un’abbondanza di prove solleva dubbi sull’affermazione del governo russo secondo cui lo Sputnik V è “sicuro ed efficace“.

Nel settembre 2021, il dottor Vitaly Zverev, professore di virologia e membro dell’Accademia delle Scienze russa, ha riscontrato una stretta correlazione tra l’aumento delle vaccinazioni e l’aumento della morbilità e della mortalità da COVID-19 in Russia.

Nessuno conosce le conseguenze a lungo termine [dei vaccini]. Pertanto, è impossibile al momento vaccinare tre volte con il vaccino contro l’adenovirus vettore che è attivamente utilizzato in Russia [Sputnik V]“, ha concluso Zverev.

Un’analisi separata condotta dall’agenzia russa Krasnaya Vesna, che ha esaminato i dati sulla sicurezza dello Sputnik V nei Paesi che riportano le reazioni avverse, ha stabilito che “in termini di frequenza degli effetti collaterali attesi, lievi e gravi (che richiedono l’ospedalizzazione), [lo Sputnik V] è paragonabile alle controparti straniere“.

Se da un lato Röper ha difeso prontamente lo Sputnik V, dall’altro è stato un feroce critico del farmaco di AstraZeneca.

Il 2 febbraio 2021 ha dichiarato:

Poiché il vaccino di AstraZeneca ha un’efficacia così bassa, AstraZeneca vuole lavorare con i russi e utilizzare il vaccino russo per la seconda vaccinazione. AstraZeneca e i russi stanno attualmente valutando se questo aumenterà l’efficacia di Astra-Zeneca. Quando questo rapporto è stato reso pubblico a dicembre, è stata notevole l’inversione di rotta dei media tedeschi, che improvvisamente hanno avuto il compito di riferire in modo più positivo sul vaccino russo.

Questa non è una descrizione accurata del rapporto tra la Russia e l’azienda britannico-svedese. AstraZeneca ha collaborato con il governo russo (attraverso il Fondo russo per gli investimenti diretti e la sua partnership con R-Pharm, un’azienda farmaceutica russa) nel luglio 2020:

Tutto ciò che serve per produrre il vaccino britannico è già stato trasferito a R-Pharm, …
AstraZeneca ha già firmato gli impegni per trasferire tutta la produzione del vaccino britannico a R-Pharm.

ha rivelato il 20 luglio 2022 il CEO di RDIF Kirill Dmitriev (Young Global Leader, classe 2009).

Nello stesso periodo, AstraZeneca ha annunciato che R-Pharm sarebbe diventata

uno degli hub per la produzione e la fornitura del [suo] vaccino ai mercati internazionali.

In base all’accordo, il gigante farmaceutico britannico-svedese ha accettato di trasferire il suo vettore adenovirale in Russia. R-Pharm avrebbe poi il compito di “rifinire” le dosi e spedirle all’estero.

AstraZeneca è fiduciosa che, insieme a R-Pharm, sarà in grado di fornire il vaccino a milioni di persone nel modo più efficiente

ha scritto l’azienda in un comunicato.

Nel dicembre 2020, AstraZeneca ha confermato che stava lavorando con il Centro Gamaleya (il presunto sviluppatore dello Sputnik V) per testare una combinazione delle due iniezioni genetiche non ancora sperimentate.

Oggi annunciamo un programma di sperimentazione clinica per valutare la sicurezza e l’immunogenicità della combinazione di AZD1222, sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford, e Sputnik V, sviluppato dal centro russo Gamaleya… Sia AZD1222 che Sputnik V sono vaccini vettoriali adenovirali che contengono materiale genetico della proteina spike del virus SARS-CoV-2

ha dichiarato AstraZeneca in un comunicato stampa dell’11 dicembre.

Alexander Gintsburg, direttore del Centro Gamaleya, ha salutato la partnership, osservando che

le due tecnologie alla base del vaccino di AstraZeneca e dello Sputnik V sono molto simili.

Röper cita un “rapporto” sulla cooperazione della Russia con AstraZeneca a partire dal dicembre 2020. Si riferisce a un memorandum di cooperazione firmato da RDIF, AstraZeneca, il Centro Gamaleya e R-Pharm.

Vorrei augurarvi di avere successo, non solo nel mercato russo, ma anche nei mercati globali

ha detto il Presidente russo Vladimir Putin al CEO di AstraZeneca Pascal Soriot durante la firma dell’accordo di cooperazione il 21 dicembre 2020.

Per Röper, lo Sputnik V rappresenta un’alternativa “sicura ed efficace” ai pericolosi clot-shot di Big Pharma. In realtà, sono quasi identici, solo con nomi diversi.

Nel frattempo, i russi vengono abbattuti, proprio come i tedeschi, gli americani, i canadesi e gli eschimesi.

Attenzione a tutti gli occidentali disaffezionati: I russi stanno combattendo la stessa battaglia che state combattendo voi. Stanno lottando contro le stesse forze profondamente disumane all’interno del loro Paese che voi state cercando di contrastare nel vostro. E la battaglia è tutt’altro che vinta.

Questo “va bene quando lo fa la Russia“… beh, va bene, ma vi invito a ripensarci.

Riley Waggaman è il vostro umile corrispondente da Mosca. Ha lavorato per RT, Press TV, Russia Insider e così via. In gioventù ha partecipato a una festa sul prato della Casa Bianca dove ha chiesto a Barack Obama se l’informatore imprigionato Bradley Manning (all’epoca Chelsea era ancora un ragazzo) avesse “passato una buona Pasqua”. Bei tempi, bei tempi. Potete abbonarvi alla sua Substack qui, o seguirlo su Twitter o Telegram.

Fonte: tradotto da Russia’s Great Reset: Facing Reality