Categorie
Non classé

Dalla Repubblica alla Democrazia alla Kakistocrazia

[NDT: sostituire americani con italiani …]

Alla fine della Convenzione costituzionale, quando a Benjamin Franklin fu chiesto quale forma di governo i delegati avessero dato all’America, egli rispose:

Una Repubblica, se riuscite a mantenerla.

Questa risposta, data da un Fondatore ancora stimato, è particolarmente degna di nota nel nostro attuale ambiente politico. Si elogia la democrazia, mentre quasi nessuno usa più la parola repubblica, né tanto meno si spiega come una repubblica sia diversa da una democrazia e possa, di fatto, essere scavalcata dai suoi elementi democratici. Inoltre, come ci aveva avvertito Leonard Read quasi mezzo secolo fa, le differenze hanno trasformato la nostra democrazia in una kakistocrazia.

Dato che la parola kakistocrazia è ormai praticamente sconosciuta, definirla sembra il punto migliore per iniziare la discussione. Read l’ha definita come

un governo dei peggiori

forse riecheggiando

Perché i peggiori salgono in cima

di Friedrich Hayek, capitolo 10 del suo famoso La strada per la servitù, con una punta di cappello alla versione di James Russell Lowell del 1876:

un governo… per il beneficio dei fanti a spese dei fessi.

Come si passa da una repubblica a una democrazia e come fa la democrazia a diventare una kakistocrazia in un periodo in cui la democrazia viene tanto elogiata?

La democrazia gioca un ruolo in una repubblica, in quanto i cittadini possono determinare democraticamente gli agenti che li rappresenteranno nel governo. Questo probabilmente spiega buona parte dell’attuale confusione tra i due termini. Ma in una repubblica costituzionale, più importanti della selezione democratica sono i limiti costituzionali su ciò che i nostri agenti politici sono autorizzati a decidere. Essi sono autorizzati ad agire per noi solo nelle aree a loro delegate. Al contrario, il termine democrazia lascia indefinito quali questioni debbano essere decise dalla maggioranza. Ma decidere democraticamente questioni che i cittadini non hanno delegato al governo, oltrepassando i limiti legittimi di una repubblica costituzionale – e ce ne sono molte – danneggia gli americani più di quanto li aiuti. E la possibilità di controllare e beneficiare di questo processo distruttivo è l’impulso che porta alla kakistocrazia.

Per comprendere al meglio i limiti della nostra Repubblica costituzionale, dovremmo rivolgerci al Secondo trattato sul governo del filosofo inglese John Locke, perché è stato detto che la Dichiarazione d’indipendenza di Jefferson

è riuscita mirabilmente a condensare l’argomento fondamentale di Locke in poche centinaia di parole.

Locke sosteneva che

il fine della legge… è quello di preservare e ampliare la libertà… dalla costrizione e dalla violenza di altri.

Quindi proponeva che uno Stato esistesse per promuovere il benessere di tutti i suoi cittadini (nel senso di promuovere il benessere generale), come l’unico tipo di governo a cui tutti i membri di una società avrebbero aderito volontariamente.

Che cosa potrebbe fare un governo che si limitasse a far progredire il benessere generale dei cittadini, ottenendo più di quello che i cittadini concordano di fare da soli? Solo una cosa essenziale, derivante dai “diritti naturali” degli individui a se stessi e ai loro sforzi produttivi: difendere meglio i cittadini e la loro proprietà. L’autoproprietà ha un’efficacia limitata, perché un individuo che difende i propri diritti da una violazione potrebbe essere sopraffatto da una forza superiore. Pertanto,

essendo la conservazione della proprietà il fine del governo e quello per cui gli uomini entrano in società

, unirsi per difendere congiuntamente la proprietà di ciascuno renderebbe tutti più sicuri, ampliando i conseguenti accordi volontari che vanno immensamente a vantaggio di ciascuno di noi.

Ma perché l’elenco delle attività governative lockeane è così breve (anche se non così breve come sembra a prima vista, visto che include la difesa nazionale – che protegge noi e la nostra proprietà dagli attacchi stranieri – e la fornitura di polizia, tribunali e prigioni – che ci protegge dagli assalti dei nostri vicini a noi e alla nostra proprietà)? In poche parole, è perché normalmente faremmo meglio per noi stessi con le nostre risorse di quanto il governo farebbe per noi con quelle risorse, riflettendo il fatto che conosciamo meglio noi stessi di quelli del governo, ci preoccupiamo di più di quelli del governo e non ci è permesso di costringere gli altri a sostenere i costi di ciò che vogliamo, a differenza del governo. Solo nelle aree in cui i benefici che richiedono la coercizione (l’unico vantaggio comparativo del governo) sono abbastanza grandi da superare gli enormi difetti del governo nel promuovere i nostri interessi comuni, il governo “per il popolo” può essere giustificato.

Detto in altro modo, le azioni di governo che vanno oltre la migliore difesa dei diritti di tutti devono avvantaggiare alcuni a spese di altri. Poiché, secondo le parole di Locke,

il potere supremo non può sottrarre a nessun uomo alcuna parte della sua proprietà senza il suo consenso,

ogni volta che questo limite viene violato,

con questa violazione della fiducia essi perdono il potere che il popolo aveva messo nelle loro mani per fini del tutto opposti.

Quando si va oltre i vantaggi per tutti, la determinazione congiunta comporta intrinsecamente la coercizione di cittadini non consenzienti, violando i loro diritti. Ma un pensiero superficiale nasconde quanto siamo in disaccordo, e quindi quanto grandi sarebbero la coercizione e il danno di determinare democraticamente una vasta gamma di cose. È vero che tutti vogliamo cibo, vestiti, alloggio, assistenza sanitaria, ecc. ecc. Tuttavia, anche se è così, siamo ancora molto in disaccordo su ciò che vogliamo. Vogliamo tipi e quantità diverse di tutti questi beni. Non vogliamo che siano della stessa qualità, disponibili nello stesso momento e nello stesso luogo. Non li vogliamo per le stesse persone. Non siamo d’accordo su chi debba pagarli. Inoltre, i compromessi che siamo disposti a fare tra i nostri desideri sono molto diversi. Queste differenze significano che la decisione della maggioranza su tali questioni deve scavalcare i diritti di molte persone e quindi non può portare avanti i nostri interessi comuni.

Leonard Read ha definito questo scavalcamento come un fenomeno che coinvolge tre tipi di soggetti:

quelli “a cui viene sottratta una proprietà guadagnata onestamente”, quelli “a cui viene data una proprietà altrui” e quelli “che hanno il controllo degli strumenti di coercizione”.

Quest’ultimo fornisce l’impulso per la kakistocrazia, perché

gli autoritari, e tutti coloro che sostengono il prelievo forzato da alcuni per distribuirlo ad altri, esemplificano sia la schiavitù che la follia.

Tali autoritari si avvantaggiano di un maggiore potere o di un’acclamazione pubblica o di una maggiore soddisfazione di sé, pagata forzatamente da altri, il che “è una schiavitù pura e semplice“. Ed è anche una follia (o un’impresa da sciocchi), perché una volta che le imposizioni coercitive sono necessarie, il benessere generale non può essere avanzato, ma può certamente essere minato. Ma la politica moderna si concentra quasi esclusivamente sul consentire questa follia.

Basti pensare al nostro attuale gruppo di “leader” governativi. Quanto del loro potere è derivato dalla promessa di “qualcosa in cambio di niente” per alcuni gruppi e dall’ignorare come ciò richieda l’imposizione di accordi “niente in cambio di qualcosa” al resto di noi? Quante volte hanno demonizzato i cittadini che il governo cercava di derubare invece di promuovere i loro interessi? Quante volte hanno intenzionalmente fuorviato o mentito agli americani in questo processo? Quante “crisi” ed “emergenze” hanno inventato per giustificare ciò che è ingiustificabile, oltre che molto al di fuori della Costituzione? Quante volte hanno affermato di avere più a cuore il futuro degli altri per giustificare la coercizione degli americani, eppure hanno sminuito il futuro con deficit massicci e passività non finanziate, impoverendo così le generazioni future? Quanto hanno millantato di “consegnare i beni”, soprattutto in tempo di elezioni, quando in realtà li hanno solo rubati con il potere coercitivo del governo? Quanti problemi hanno effettivamente risolto, rispetto a quanti hanno promesso di risolverne e a quanti nuovi problemi hanno causato nei loro tentativi pietosamente inetti di farlo? E nonostante tutto questo, i nostri Matusalemme al governo hanno mantenuto il potere. È difficile pensare a una prova più forte del fatto che il nostro attuale governo è in realtà una kakistocrazia.

Fonte/tradotto da From Republic to Democracy to Kakistocracy