Categorie
Non classé

Il terrore in arrivo …

… della finanza d’impatto sociale e dei punteggi di credito sociale

[fonte/originale in fondo]

Gli ingegneri sociali del futuro useranno strumenti di ingegneria sociale come i punteggi di credito sociale e la finanza a impatto sociale per co-creare un mondo più equo e giusto? O tutte queste parole d’ordine sono semplicemente un’altra maschera per la prossima fase del capitalismo colonialistico-corporativo?

La rivoluzione industriale e le sue conseguenze sono state un disastro per la razza umana. Hanno aumentato enormemente l’aspettativa di vita di quelli di noi che vivono in paesi “avanzati”, ma hanno destabilizzato la società, hanno reso la vita insoddisfacente, hanno sottoposto gli esseri umani ad oltraggi, hanno portato ad una diffusa sofferenza psicologica (nel terzo mondo anche fisica) e hanno inflitto gravi danni al mondo naturale. Il continuo sviluppo della tecnologia peggiorerà la situazione. Sicuramente sottoporrà gli esseri umani a maggiori indegnità e infliggerà maggiori danni al mondo naturale, porterà probabilmente a maggiori disagi sociali e sofferenze psicologiche, e potrebbe portare a maggiori sofferenze fisiche anche nei paesi “avanzati”.
Theodore John Kaczynski, Industrial Society and Its Future

Tra il 1978 e il 1995, Theodore John Kaczynski, o semplicemente Ted Kaczynski, lanciò una campagna coordinata di attentati nel tentativo di aumentare la consapevolezza della minaccia che la tecnologia digitale pone al pianeta e a tutta la vita. Le bombe di Kaczynski provocarono la morte di 3 persone, 23 feriti e la condanna a passare il resto della sua vita dietro le sbarre del carcere di massima sicurezza di Florence, Colorado.

Il 19 settembre 1995, il Washington Post e il New York Times pubblicarono insieme il manifesto di Kaczynski, La società industriale e il suo futuro, catapultando rapidamente il terrorista allo stato di culto tra certi attivisti radicali anti-tecnologici e anarco-primitivisti. Fu la pubblicazione degli scritti di Kaczynski che alla fine portò alla sua cattura e all’imprigionamento. Da quel momento, le sue parole e le sue idee sono state pesantemente dibattute, sezionate, lodate e disprezzate.

Per molti Millennials e Gen-Z che sono cresciuti con Internet (o in alcuni casi “su Internet”), i problemi di cui parla Kaczynski sono molto reali – isolamento, ipersocializzazione, dissociazione. Queste esperienze sono familiari a molte delle ultime generazioni che hanno trascorso la loro infanzia imparando al computer, navigando nel mondo filtrato dai memi, dai social media ossessionati da se stessi, e sentendo il giudizio o la lode che viene con una vita vissuta via rete. Numerosi studi nell’ultimo decennio hanno evidenziato chiaramente gli effetti negativi del passare troppo tempo su Internet, confrontando e contrapponendo le nostre vite a versioni ampiamente romanzate della vita degli altri. Questa dissociazione – insieme alla sorveglianza di massa – era esattamente ciò di cui Ted Kaczynski aveva avvertito.

Il sistema industriale-tecnologico può sopravvivere o può crollare. Se sopravvive, può alla fine raggiungere un basso livello di sofferenza fisica e psicologica, ma solo dopo aver attraversato un lungo e doloroso periodo di adattamento e solo al costo di ridurre permanentemente gli esseri umani e molti altri organismi viventi a prodotti ingegnerizzati e meri ingranaggi della macchina sociale. Inoltre, se il sistema sopravvive, le conseguenze saranno inevitabili: Non c’è modo di riformare o modificare il sistema in modo da impedirgli di privare le persone della dignità e dell’autonomia.
Se il sistema si rompe, le conseguenze saranno ancora molto dolorose. Ma più grande è il sistema, più disastrosi saranno i risultati della sua rottura, quindi se deve crollare è meglio che crolli presto piuttosto che tardi.
Theodore John Kaczynski, Industrial Society and Its Future

I pensieri e le azioni di Kaczynski probabilmente subiranno un’altra impennata di rilevanza e riflessione con la recente uscita del film Ted K, un dramma criminale che rappresenta la storia del terrorista in modo reale. Dopo aver visto il film ho iniziato a rileggere il manifesto originale di Kaczynski e il suo libro del 2016, Anti-Tech Revolution: Why and How. La differenza tra i miei studi precedenti sul manifesto di Kaczynski e quest’ultimo esame è che sono interessato a filtrare le sue opinioni attraverso la lente del Grande Reset, e l’ascesa della tecnocrazia e dello stato di biosicurezza.

Comprendendo le preoccupazioni di Kaczynski, è possibile comprendere meglio i pericoli che ci pongono le tecnologie digitali rapidamente emergenti come l’intelligenza artificiale (AI), la biometria, i database di riconoscimento facciale, e la filosofia tecnocratica che guida l’iniziativa The Great Reset? Questo saggio è il primo di diversi sforzi per comprendere la minaccia imminente di queste tecnologie – in particolare, i punteggi di credito sociale e la finanza a impatto sociale – in relazione agli avvertimenti della mente brillante ma frammentata di Ted Kaczynski.

Il mondo di cui Kaczynski aveva avvertito: Punteggi di credito sociale

Kaczynski ha messo in guardia sui pericoli dell’uso della tecnologia digitale in un modo che costringe gli esseri umani a plasmarsi nella macchina, al contrario di plasmare le macchine ai desideri e ai benefici dell’umanità. Quando scrive,

la nostra società tende a considerare come una “malattia” qualsiasi modalità di pensiero o comportamento che è scomodo per il sistema, e questo è plausibile perché quando un individuo non si adatta al sistema causa dolore all’individuo così come problemi per il sistema. Così la manipolazione di un individuo per adattarlo al sistema è vista come una “cura” per una “malattia” e quindi come buona

, egli parla di un sentimento espresso da molti pensatori prima di lui.

Forse il più famoso, Krishanmurti disse: “Non è una misura di salute essere ben adattati a una società profondamente malata“. Tuttavia, questo è esattamente ciò che la maggior parte della popolazione umana è incoraggiata a fare. Trovare un modo per trovare l’equilibrio all’interno del mondo sempre più squilibrato e instabile in cui viviamo. Mentre l’infrastruttura digitale viene eretta intorno a noi, siamo costretti a conformarci o essere lasciati indietro. E, naturalmente, questa infrastruttura include anche agenzie governative con poteri di polizia e sorveglianza in rapido aumento, distrazioni sotto forma di televisione, social media e altre forme di intrattenimento, e una cultura che promuove l’uso di farmaci che alterano la mente come metodo di fuga dalla fatica della società profondamente malata.

L’area in cui Kaczynski potrebbe essere più preveggente è la sua previsione che la società avrebbe costretto le persone a cambiare i loro comportamenti e azioni per soddisfare le esigenze del sistema tecnologico. Questo può essere visto più chiaramente con l’introduzione di programmi di ingegneria sociale come i punteggi di credito sociale.

La maggior parte dei lettori di TLAV hanno familiarità con il lancio in corso di un sistema di credito sociale a livello nazionale in Cina. A partire dal 2009, il governo cinese ha iniziato a testare un sistema di reputazione nazionale basato sulla reputazione economica e sociale di un cittadino, o “credito sociale“. Questo punteggio di credito sociale può essere utilizzato per premiare o punire determinati comportamenti. L’idea è che lo stato può dare o togliere punti da un punteggio di credito sociale al fine di progettare un buon comportamento da parte del popolo.

Non c’è bisogno di immaginare i potenziali risultati negativi, o anche guardare ai romanzi di fantascienza per l’ispirazione. Per ottenere una comprensione più chiara delle implicazioni di questa macchina tecnocratica basta guardare la distopia digitale della Cina.

Alla fine del 2019, i cittadini cinesi perdevano punti sul loro punteggio per comportamenti finanziari disonesti e fraudolenti, suonando musica ad alto volume, mangiando sui mezzi pubblici, attraversando fuori dalle strisce pedonali, passando con il rosso, non presentandosi alle visite mediche, mancando ai colloqui di lavoro o alle prenotazioni alberghiere senza annullare, e smistando in modo errato i rifiuti. Per aumentare il proprio punteggio di credito sociale un cittadino cinese può donare il sangue, donare a un ente di beneficenza approvato, fare volontariato per il servizio comunitario, e altre attività approvate dal governo. Il governo cinese ha iniziato a negare a milioni di persone la possibilità di acquistare biglietti aerei e ferroviari ad alta velocità a causa del basso punteggio di credito sociale e dell’essere etichettati come “inaffidabili“.

Mentre la maggior parte delle persone sono probabilmente familiari con questo concetto a causa del popolare spettacolo Black Mirror, la verità è che questa pratica è molto più realtà che finzione. Secondo un rapporto del 2020 degli esperti di cybersecurity Kaspersky, il 32% degli adulti tra i 25 e i 34 anni ha avuto problemi a ottenere un mutuo o un prestito a causa della loro attività sui social media. La negazione dei prestiti arriva come parte dei “sistemi di punteggio sociale” che vengono utilizzati ad un tasso allarmante dal governo e dalle imprese per determinare i clienti o i cittadini “affidabili“. Kaspersky ha intervistato più di 10.000 persone di 21 paesi e ha scoperto che il 18% degli intervistati ha avuto problemi di accesso ai servizi finanziari a causa delle valutazioni dei loro dati di social media.

Sulla base di questi punteggi, i sistemi prendono decisioni per noi o su di noi, dalle destinazioni di viaggio e i costi associati, al fatto che ci sia permesso di accedere al servizio stesso

afferma il rapporto.

Se compreso nel contesto di COVID1984, è abbastanza facile vedere come concetti come i punteggi di credito sociale possano essere usati per punire coloro che rifiutano i vaccini e terapie simili. Per esempio, diciamo che siete una delle persone che si rifiutano di indossare maschere in pubblico. Una volta che una delle migliaia di telecamere di riconoscimento facciale scannerizza il tuo viso, invierà l’impronta facciale al centro locale di analisi dei dati e ti identificherà immediatamente, detraendo punti dal tuo punteggio di credito sociale. Il governo e le corporazioni partner potrebbero anche trasmettere la tua foto e la tua identità all’ambiente locale, ai telefoni individuali e ai cartelloni digitali, per avvisare la gente che sono in presenza di un idiota antisociale, anti-scienza e anti-maschera.

Questi tipi di azioni hanno l’effetto di togliere privilegi sanciti dallo stato (viaggiare in Cina, per esempio) e di stigmatizzare l’individuo nella sua comunità locale. Questo perché associarsi con un individuo con un basso punteggio di credito sociale può anche causare la caduta del proprio punteggio. Questo significa che la famiglia e gli amici potrebbero scegliere di cambiare le loro relazioni con coloro che mostrano i cosiddetti comportamenti antisociali per paura di perdere punti sul loro punteggio di credito sociale e subirne le conseguenze.

Vale la pena notare che in un mondo diverso – un mondo sano – ci potrebbe essere una moltitudine di casi d’uso positivi per qualcosa di simile a un punteggio di credito sociale che fornisce dati accurati e utili sulle persone e le aziende intorno a noi. In molti modi gli esseri umani già accumulano e spendono “credito sociale” nelle nostre attuali relazioni. Per esempio, quando una persona sviluppa una reputazione di bugiardo o di ladro, la voce si diffonde. I membri della comunità diventano consapevoli dell’abitudine antisociale e cominciano a diffondere la parola ad altri membri della comunità che si associano con questa persona. Da lì, ogni individuo può decidere come utilizzare i nuovi dati e se continuare o meno ad associarsi con l’individuo antisociale. Quando la partecipazione a schemi di punteggio di credito sociale è volontaria, consensuale e privata, potrebbe aiutare gli individui a prendere decisioni migliori nella loro vita quotidiana.

Sfortunatamente, viviamo in un mondo in cui uomini e donne in posizioni di autorità esercitano il loro potere cercando di controllare la vita delle masse usando la tecnologia digitale e la propaganda. Questo significa che i governi con un passato di autoritarismo e inganno, e le corporazioni con storie meno che affidabili sono i probabili architetti degli schemi di credito sociale del prossimo futuro. Sarebbe un errore (e un’analisi semplicistica) assumere che ogni singola azienda, governo o individuo che esprime interesse in qualche elemento del credito sociale sia uno strumento per il Grande Reset.

La realtà è che alcuni individui credono di poter utilizzare il concetto di punteggio di credito sociale per incoraggiare un comportamento positivo e potenziante. Tuttavia, dobbiamo sempre chiederci, chi è il giudice di quale comportamento costituisce positivo e negativo?

Finanza d’impatto sociale: Uno strumento per risultati positivi o per la manipolazione sociale?

L’uomo moderno è legato da una rete di norme e regolamenti, e il suo destino dipende dalle azioni di persone lontane da lui, sulle cui decisioni non può influire. Questo non è casuale o il risultato dell’arbitrarietà di burocrati arroganti. È necessario e inevitabile in qualsiasi società tecnologicamente avanzata. Il sistema DEVE regolare strettamente il comportamento umano per funzionare.
Il sistema DEVE costringere le persone a comportarsi in modi che sono sempre più lontani dal modello naturale del comportamento umano. Per esempio, il sistema ha bisogno di scienziati, matematici e ingegneri. Non può funzionare senza di loro. Quindi viene esercitata una forte pressione sui bambini affinché eccellano in questi campi. Non è naturale per un essere umano adolescente passare la maggior parte del suo tempo seduto ad una scrivania assorto nello studio. Il sistema non esiste e non può esistere per soddisfare i bisogni umani. Invece, è il comportamento umano che deve essere modificato per adattarsi alle esigenze del sistema. Questo non ha niente a che vedere con l’ideologia politica o sociale che può pretendere di guidare il sistema tecnologico. È colpa della tecnologia, perché il sistema non è guidato dall’ideologia ma dalla necessità tecnica.
Theodore John Kaczynski, Industrial Society and Its Future

Se i punteggi di credito sociale sono uno strumento che può essere usato per il bene o per il male – ma è sempre più probabile che venga usato per il male – allora la finanza a impatto sociale è l’infrastruttura su cui poggiano i punteggi di credito sociale. Questo strumento finanziario astratto e senza pretese ha il potenziale per essere una forza invisibile che costringe le persone ad agire in modi che servono il sistema piuttosto che le persone.

I termini finanza a impatto sociale, obbligazioni a impatto sociale, investimento a impatto sociale, pay for success, o semplicemente impact investing descrivono una specifica strategia di investimento che apparentemente mira a beneficiare la società o l’ambiente in modo positivo, oltre a ottenere guadagni finanziari. SocialFinance.org spiega i Social Impact Bond nel modo seguente:

Le obbligazioni a impatto sociale sono partnership pubblico-privato uniche che finanziano servizi sociali efficaci attraverso contratti basati sulle prestazioni. Gli investitori a impatto forniscono il capitale per scalare il lavoro di fornitori di servizi di alta qualità. Il governo ripaga gli investitori se e quando il progetto raggiunge risultati che generano valore pubblico.
Sia che si concentrino sull’aiutare le madri in condizioni di povertà a ottenere nascite sane, sostenendo gli immigrati e i rifugiati attraverso la formazione professionale, o ristrutturando le case, i social impact bond trasferiscono il rischio dal settore pubblico a quello privato e allineano i partner del progetto sul raggiungimento di un impatto significativo.

Più specificamente, un social impact bond (SIB) è un contratto con il settore pubblico o l’organo di governo in cui l’istituzione paga per “migliori risultati sociali” e passa i risparmi agli investitori a impatto sociale. In questo modo, i social impact bond non sono obbligazioni tradizionali poiché il rimborso e il ritorno sull’investimento dipendono dal raggiungimento di un risultato sociale desiderato. Se gli investitori e le istituzioni non riescono a raggiungere tali risultati, non ricevono né un ritorno né il rimborso del capitale investito.

Questi tipi di investimenti fanno parte di una tendenza crescente in cui le aziende che cercano di rinnovarsi spendono grandi quantità di denaro per dimostrare i loro sforzi. In questo modo, le aziende possono affermare di espandere la loro responsabilità sociale e aumentare il loro coinvolgimento nella comunità e nelle questioni sociali. Un metodo specifico per misurare il successo di questi programmi è quello di basarli su criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). L’investimento ESG viene anche chiamato a volte investimento sostenibile, investimento responsabile o investimento socialmente responsabile (SRI). Questa pratica è diventata un modo sempre più popolare per promuovere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Gli standard ambientali, sociali e di governance danno agli investitori socialmente consapevoli l’opportunità di selezionare quali tipi di società vogliono sostenere. Affinché un’azienda soddisfi gli standard ambientali, può includere l’uso di energia, la produzione di rifiuti, la mitigazione dell’inquinamento, gli sforzi per conservare le risorse naturali e il trattamento degli animali come parte delle loro operazioni. I criteri sociali guardano le relazioni commerciali di un’azienda per informare i potenziali investitori con chi l’azienda si associa. Gli investitori potrebbero anche voler conoscere i dettagli su come un’azienda pratica la responsabilità e se gli azionisti hanno un voto su questioni importanti. Il criterio di governance si riferisce alla diversità del consiglio di amministrazione e alla struttura generale di governance dell’azienda.

Ancora una volta, va ribadito che lo scopo pubblicamente promosso di questi strumenti è quello di promuovere l’interesse pubblico. Nel migliore dei casi, un ricco filantropo che ha veramente a cuore lo stato dell’ambiente e l’avanzamento dell’equità tra le aziende decide in quali aziende investire in base ai loro standard ESG. Questa filantropa vede la possibilità di fare del bene nel mondo con il suo denaro, così partecipa a un SIB che promette di produrre voti più alti tra i bambini elementari in una scuola del centro città. Se il programma SIB si realizza, la filantropa riceve il suo investimento principale, più una ricompensa finanziaria. In questa situazione i bambini e la scuola sono potenziati, e anche l’investitore lo è.

Tuttavia, la realtà sembra essere molto diversa da questo scenario immaginato nel migliore dei casi. Immaginiamo che l’investitore a impatto sociale voglia effettivamente scommettere che i bambini delle elementari falliscano e non raggiungano voti più alti. In questa situazione, un investitore potrebbe essere incentivato a scoraggiare i risultati positivi, e invece cercare un profitto incoraggiando i “risultati negativi“. Se questo sembra assurdo, ricordate che negli anni che hanno preceduto la crisi finanziaria del 2008, gli investitori stavano usando strumenti finanziari per fare profitti sulle perdite e sul fallimento dei singoli proprietari di case.

In effetti, questi nuovi strumenti finanziari che vengono branditi dai filantropi in nome del partenariato pubblico-privato sembrano non essere altro che un avanzamento della stessa corruzione impiegata dalle precedenti generazioni di filantropi. Nel novembre 2016, Tim Scott, scrivendo per Dissident Voices, ha descritto come i primi filantropi hanno usato le loro donazioni caritatevoli per avanzare agende invisibili.

Questi “Capitani d’industria” caritatevoli hanno promosso tutto, dall’istruzione pubblica universale, l’assimilazione degli immigrati e la mitigazione della povertà alle arti, la salute pubblica e la ricerca scientifica e medica. Naturalmente, queste donazioni erano accompagnate da un’agenda di ingegneria sociale. Per esempio, come documentato nel mio articolo ‘The Despotic Origins of Public Secondary Education‘, il loro sostegno finanziario e politico per l’istruzione pubblica universale era inteso a sostenere l’egemonia degli Stati Uniti.

Scott elabora la vera natura di questi cosiddetti schemi filantropici e come si stanno evolvendo nel clima tecnocratico di oggi:

Gli interessi personali di questa minoranza opulenta sono direttamente legati all’economia finanziarizzata di oggi come investitori e come membri di reti politicamente influenti che supervisionano i mercati finanziari globali. Come tale, nel 21° secolo i filantropi di ventura hanno concentrato i loro sforzi sulla costruzione di nuovi mercati finanziari attraverso quello che viene definito “mission investing“, “social impact investing“, o semplicemente “impact investing“. L’impact investing è una continuazione della missione colonizzatrice sessantennale del FMI, della Banca Mondiale, dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, della ‘Troika’ e del governo degli Stati Uniti; ma con una metodologia più ‘amichevole’, ma più duplice.

L’articolo continua a delineare come i soliti sospetti – la Fondazione Rockefeller – sono stati direttamente coinvolti nella creazione di Impact investing. Scott riferisce che nel 2007 la Fondazione Rockefeller ha organizzato due riunioni di leader della finanza e della filantropia per costruire “il quadro strutturale per un’efficiente industria mondiale degli investimenti a impatto sociale e ambientale“. I partecipanti hanno concordato una rete globale di investitori d’impatto leader, così come un “quadro standardizzato per valutare l’impatto sociale e ambientale“.

Il risultato di questi incontri è stata la creazione del Global Impact Investment Network (GIIN) nel 2009, come un’organizzazione no-profit esentasse con sede negli Stati Uniti. Come nota Scott, i membri del GIIN sono composti da “i luminari della finanza globale e delle fondazioni filantropiche“, tra cui Bill & Melinda Gates Foundation, Goldman Sachs, J.P.Morgan Chase, Morgan Stanley, Ford Foundation, Deutsche Bank, International Finance Corporation, Root Capital, UBS Financial Services e molti altri.

Molte di queste stesse organizzazioni coinvolte nella promozione del GIIN e dell’impact investing sono anche partner del World Economic Forum, l’istituzione dietro la spinta per un Grande Reset.

Il nesso tra i punteggi di credito sociale e la finanza a impatto sociale

Per capire come la finanza a impatto sociale e i punteggi di credito sociale formano un duplice attacco alla libertà e alla sovranità individuale, prendiamo una presentazione di Charles Hoskinson al World Economic Forum nel gennaio 2020. Hoskinson è il co-fondatore della blockchainEthereum e fondatore della blockchain Cardano. Durante la sua breve presentazione, Hoskinson elabora i modi in cui immagina la finanza a impatto sociale e i punteggi di credito sociale che si interfacciano con i libri mastri della blockchain.

Hoskinson sottolinea come le blockchain possono tracciare la produzione di una pianta di caffè, dal campo alla fabbrica, permettendo una vera responsabilità e trasparenza per le aziende, gli investitori e i clienti. Inoltre, spiega che gli investitori che vogliono sapere che i loro fondi stanno andando a fare del bene nel mondo hanno una capacità limitata di “seguire il denaro” al momento. “Come si fa a seguirli? Come lo rintracciate? Come ci si assicura che il denaro vada effettivamente nelle mani giuste?“, chiede Hoskinson.

Hoskinson continua a spiegare come i governi dell’Etiopia e della Georgia stanno tracciando e rintracciando l’uso delle entrate fiscali per assicurarsi che vadano ai dipartimenti appropriati, e come questa stessa tecnologia potrebbe essere usata per tracciare le donazioni o gli investimenti. Parla di una “cittadinanza globale” con una “identità auto-sovrana” che può essere collegata a un “portafoglio di proprietà” con un rating di reputazione (punteggio di credito sociale) e un sistema di pagamento “in modo da poter ora pagare direttamente le persone che sono registrate e si può tracciare e rintracciare ciò che fanno con quei fondi“.

Hoskinson sostiene che il suo obiettivo è quello di costruire un “mercato azionario globale, un capitale di rischio globale per le persone più povere del mondo“. Come pensa di farlo? In primo luogo, aggiornare i loro paesi, implementare la cosiddetta identità auto sovrana “e accoppiarla con il monitoraggio e la tracciabilità e la capacità di sapere che le persone stanno spendendo i soldi correttamente“. Questo, promette, creerà alcuni degli “investimenti più sicuri e controllabili del mondo per le persone più povere del mondo” nei prossimi 10-20 anni.

Prima di sviscerare cosa si intende esattamente per identità del sé sovrano, cerchiamo di smascherare completamente ciò di cui Hoskinson sta discutendo. Egli immagina un mondo in cui gli investitori a impatto sociale mettono i loro soldi in programmi che presumibilmente credono miglioreranno il pianeta o una specifica popolazione locale. Lo fanno con la speranza di ricevere il loro investimento iniziale, più qualche profitto guadagnato. Poi, come sottolineato da Hoskinson, è possibile associare questi investimenti con la tecnologia che permette di “tracciare e rintracciare” gli acquisti degli individui per assicurarsi che stiano “spendendo soldi correttamente“, cioè, secondo i termini stabiliti dagli investitori a impatto sociale come parte del loro accordo originale.

Per esempio, se un filantropo contribuisce a un programma per aiutare i beneficiari di programmi di assistenza sociale, potrebbe gradire l’opportunità di tracciare l’uso dei suoi fondi dall’investimento fino al singolo beneficiario. Se una persona che vive di previdenza sociale riceve i suoi fondi tramite un Social Impact Bond, una società o un consiglio di investitori potrebbe alla fine determinare che lo stile di vita dell’individuo non è favorevole a “risultati positivi“. Se combinato con un sistema di reputazione – come richiesto da Hoskinson – questo potrebbe significare che i beneficiari del welfare sono puniti dalle loro scelte personali di stile di vita se ritenute dannose per gli obiettivi del Social Impact Bond. Questo è il tipo di ingegneria sociale che è possibile con i punteggi di credito sociale e le infrastrutture di finanza a impatto sociale.

Schiavitù “sovrana”?

Prima di concludere il nostro sguardo su questi argomenti vitali, vediamo cosa si intende per “identità auto sovrana” come menzionato da Hoskinson.

Il cosiddetto progetto “Sovereign Self Identity” è stato lanciato da IBM e comporta la creazione di un’identità privata che è “di proprietà” dell’individuo, al contrario di un’identificazione sancita dal governo. Questo si ottiene memorizzando in modo sicuro i dati della propria identità sui propri dispositivi personali e fornendoli a coloro che hanno bisogno di convalidarli, senza fare affidamento su un repository centrale di dati di identità. In questa situazione, l’individuo deve acconsentire alla condivisione delle proprie identità e di qualsiasi dato correlato. Ancora una volta, questa è una tecnologia che ha il potenziale per eliminare la necessità di governo e autorità centrali, se fatto in un modo che rispetti la privacy e l’autonomia individuale. Tuttavia, sembra che le organizzazioni dietro il concetto facciano parte della stessa cabala di tecnocrati che corrono verso un Grande Reset.

Ad esempio, nel 2018, è stato riferito che IBM ha collaborato con la Fondazione Sovrin per contribuire ad accelerare la spinta verso un’autoidentità sovrana. La Fondazione Sovrin ha descritto la necessità di tale identità e come i ledger blockchain rendono possibile avere un ID privato che interagisce con i sistemi pubblici (governativi). Più tardi nel 2018 è stato annunciato che anche il World Economic Forum stava collaborando con la Fondazione Sovrin per realizzare un programma di identità digitale. Come ci si potrebbe aspettare, gli obiettivi del WEF intorno all’identità digitale si allineano con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite sulla creazione di un’identità digitale per tutte le persone entro il 2030.

Anche se ci sono chiaramente potenziali casi d’uso positivi per tale identificazione privata non statale, il libro bianco della Fondazione Sovrin, The Inevitable Rise of Self-Sovereign Identity, elabora su come una cosiddetta identità privata potrebbe essere adattata al credito sociale e agli schemi finanziari a impatto sociale. Per esempio, la Fondazione chiarisce che le tecnologie di contabilità digitale come la blockchain sono ciò che “finalmente rende possibile l’identità auto-sovrana“. Il libro bianco delinea anche come una tale identità potrebbe essere accoppiata con una “Economia della reputazione“. Il documento afferma:

Man mano che l’identità Sovrin di un individuo o di un’organizzazione si costruisce nel tempo, lo stesso fa la sua reputazione. Il passaggio da un livello di fiducia basso a un livello di fiducia più alto avviene senza soluzione di continuità man mano che il proprietario dell’identità accumula più attributi e affermazioni verificate. Questa reputazione diventa un bene del proprietario dell’identità. Per esempio, un individuo può scegliere di rivelare la propria reputazione agli altri per stabilire e rafforzare la fiducia, o un’organizzazione può pubblicare le sue valutazioni di reputazione basate su Sovrin come distintivo d’onore.

Mentre la Fondazione Sovrin sta chiaramente parlando di un’identificazione privata, memorizzata su una blockchain privata, che solo il titolare può rivelare a terzi, è ovvio che questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per scopi nefasti. È vero che Sovrin si impegna a mantenere l’infrastruttura di una tale identificazione “diffusa” o distribuita, impedendo a qualsiasi singola organizzazione o piccolo gruppo di spegnere l’ID e impedendo che il titolare di un ID sia “chiuso fuori” dalla società. Tuttavia, i loro partenariati con IBM e il WEF smentiscono un secondo fine.

La parte peggiore di tutto questo schema di “auto-identità sovrana” è che gioca sull’uso di una parola come “sovrano“, che negli ultimi anni è venuta ad essere associata ai movimenti per la verità e la libertà sanitaria, specialmente nel contesto di COVID1984. Tuttavia, questa corruzione del linguaggio è normale per la classe dei predatori. Proprio come gli elitisti al WEF e all’ONU mascherano le loro agende con l’uso di parole come “sostenibile“, “diverso“, “equo“, ecc, ora stanno cercando di dirottare il linguaggio della libertà individuale e dell’autonomia corporea. Questo non significa che non possiamo o non dobbiamo usare queste parole, ma piuttosto che dobbiamo lottare per far capire il loro vero significato. Se non lottiamo per preservare il vero significato di queste potenti parole stiamo permettendo ai tecnocrati di continuare la loro manipolazione di parole, la follia del doppione. Se non stiamo attenti, questi criminali cancelleranno e pervertiranno il significato di questi concetti in modo che le generazioni future non sappiano cosa significa essere un essere umano sovrano e autonomo.

Quale mondo del futuro stiamo creando?

C’è molto di più da dire su questo argomento e lo approfondirò in articoli futuri. Per ora, è importante notare che Ted Kaczynski ha anticipato i piani di Zbigniew Brzezinski e la sua “Technetronic Era” e ciò che molti ora chiamano Technocracy. Kaczynski ha usato la parola “tecnofili” per identificare coloro che spingono ciecamente verso la quarta rivoluzione industriale e l’era della fusione dell’uomo con la macchina. Inoltre, vorrei indicare le parole dell’attivista radicale nativo John Trudell durante la fine degli anni ’60 e ’70. Trudell chiamava il mondo in cui ci troviamo all’orlo del precipizio “il mondo Tech-no-logic” e metteva in guardia sui pericoli dell’abbandono della natura in favore di una realtà digitale onnicomprensiva.

Questi e molti altri pensatori degli ultimi 100 anni ci hanno avvertito dell’esatta situazione in cui ci troviamo ora. Determinare dove l’umanità andrà da questo punto in poi sarà il compito di tutte le generazioni attualmente viventi, e delle generazioni a venire. Il mondo del futuro, il mondo dei nostri nipoti, è direttamente plasmato dalle nostre azioni e inazioni. Possiamo vedere la scritta sul muro e possiamo vedere la fine di un’umanità libera. Per essere sicuri, la lotta non è finita. È appena iniziata. Ma saremo noi, l’umanità nel suo insieme, a decidere come sarà il mondo del futuro per le prossime generazioni.

L’umanità troverà un equilibrio tra natura e tecnologia digitale, trovando un’armonia tra permacultura, saggezza indigena e tecnologie emergenti? O cadremo preda del desiderio di usare questi strumenti per dimenticare la nostra umanità e credere falsamente di poter sfuggire ai limiti della nostra esistenza umana? Ognuno di noi deve rispondere a questa domanda per noi stessi e per le nostre comunità. Come ho delineato nel mio libro How To Opt Out of the Technocratic State, credo che l’unica soluzione a lungo termine sia quella di uscire da questi sistemi tecnocratici e costruire sistemi che si allineino con i nostri valori e principi. Mentre respingo con tutto il cuore gli atti di violenza usati da Ted Kaczynski, faccio eco al suo appello per una maggiore attenzione e consapevolezza sui pericoli della tecnologia digitale pervasiva.

Source: The Last American Vagabond

Author: Derrick Broze

Fonte: The Coming Terror of Social Impact Finance and Social Credit Scores