Categorie
Non classé

come la Cina esporta l’autoritarismo

In un discorso agli alti funzionari del Partito Comunista Cinese (PCC) a luglio, il leader cinese Xi Jinping ha dichiarato che la Cina deve fare di più per condividere la “storia” del successo del partito con il resto del mondo. Al fine di migliorare l’influenza internazionale sia del paese che del partito, Xi ha efficacemente affermato, i funzionari cinesi dovrebbero esaltare le virtù del modello cinese di governo autoritario all’estero.

Anche se alcuni analisti continuano a sostenere che la Cina non rappresenta una minaccia ideologica per le norme democratiche prevalenti e che il PCC non esporta la sua ideologia, è chiaro che il PCC si è imbarcato in una spinta a promuovere il suo stile di autoritarismo agli attori illiberali di tutto il mondo. Il suo obiettivo non è quello di diffondere il marxismo o di minare le singole democrazie, ma piuttosto di raggiungere la preminenza politica ed economica, e i suoi sforzi a tal fine – diffondendo la propaganda, espandendo le operazioni di informazione, consolidando l’influenza economica e immischiandosi nei sistemi politici stranieri – stanno svuotando le istituzioni e le norme democratiche all’interno e tra i paesi.

Per rispondere alla sfida ideologica di Pechino, i sostenitori della democrazia devono avere una migliore comprensione di ciò che la Cina mira ad ottenere esportando il suo modello politico e come le sue azioni stanno indebolendo la democrazia a livello globale. Solo allora potranno progettare efficacemente politiche che rinvigoriscano la democrazia in patria e all’estero, mentre cercano selettivamente di contrastare la promozione della governance autoritaria da parte di Pechino.

DIRITTO AD ESSERE GOVERNATI

Pechino non cerca tanto di imporre un’ideologia marxista-leninista alle società straniere quanto di legittimare e promuovere il proprio sistema autoritario. Il PCC non cerca la conformità ideologica, ma piuttosto il potere, la sicurezza e l’influenza globale per la Cina e per se stesso. A tal fine, il partito ha rilasciato dichiarazioni severe di fiducia nella propria ideologia e nel percorso politico antidemocratico del paese. Xi ha chiarito che considera il modello illiberale di governo cinese come superiore ai cosiddetti sistemi politici occidentali e che cerca di diffondere questa “saggezza cinese” in tutto il mondo come un “contributo all’umanità”.

Xi e altri leader cinesi ritraggono spesso il successo economico della Cina come prova che la strada verso la prosperità non passa più attraverso la democrazia liberale. Come Xi ha detto al 19° Congresso del Partito nel 2017, il modello cinese offre “una nuova opzione per altri paesi e nazioni che vogliono accelerare il loro sviluppo preservando la loro indipendenza”, ignorando la pressione esterna per democratizzarsi. Questo messaggio è molto attraente per i leader che sperano di raggiungere il successo economico senza rispondere alle richieste del loro popolo. I funzionari cinesi ora parlano comunemente del “diritto” delle nazioni di scegliere i loro sistemi politici, siano essi democratici o autoritari, e dell’arroganza di paesi come gli Stati Uniti che presumono che la democrazia sia l’opzione preferibile.

Sostenere il diritto dei paesi ad essere governati da regimi non democratici è chiaramente diverso dall’installare con la forza leader autocratici in tutto il mondo, come fece l’Unione Sovietica durante la guerra fredda. Ma la promozione sempre più strombazzata del PCC dell’autoritarismo come modello di governo superiore non rappresenta una sfida alla democrazia meno di quanto lo fosse l’interferenza sovietica, in particolare se abbinata alle misure economiche e politiche della Cina che sostengono i regimi autoritari e indeboliscono quelli democratici in tutto il mondo.

STRUMENTI DEL MESTIERE

Gli sforzi internazionali della Cina per sovvertire la democrazia rientrano in tre grandi categorie. La prima comprende i suoi tentativi di plasmare la narrativa sulla Cina nei paesi sviluppati. In nazioni che vanno dal Canada e dalla Germania all’Australia e al Giappone, Pechino mira a far tacere i critici della Cina e ad amplificare le voci di individui e istituzioni che promuovono legami più stretti con Pechino o una rappresentazione più positiva della Cina. Pechino esercita sia minacce che incentivi a questo scopo, premiando le rappresentazioni positive e punendo le critiche. Come ha ammesso l’ambasciatore cinese in Svezia nel 2019, “Trattiamo i nostri amici con vino pregiato, ma per i nostri nemici abbiamo fucili da caccia”.

La Cina offre un accesso preferenziale al mercato a governi, istituzioni accademiche e imprese amiche, ma si ritorce finanziariamente contro coloro che considera ostili agli interessi della Cina. Minaccia anche i dissidenti cinesi e le loro famiglie, controlla gli studenti cinesi all’estero, tenta di mettere a tacere i discorsi accademici ritenuti offensivi per Pechino, e cerca di controllare come gli stranieri vengono educati sulla Cina. Pechino ha anche cercato di espandere la sua impronta sui media stranieri, controllare i media in lingua cinese all’estero e mettere i cittadini della diaspora cinese contro i partiti o i candidati che ritiene minacciosi per i suoi interessi. Prese insieme, queste azioni formano una strategia globale per informare, modellare e infine controllare la percezione della Cina in tutto il mondo.

La seconda categoria di azioni antidemocratiche sono quelle che hanno luogo nei paesi in via di sviluppo. A differenza del mondo sviluppato, dove la coercizione politica ed economica della Cina e la diplomazia del “Guerriero Lupo” hanno generato un crescente contraccolpo, Pechino ha ricevuto un benvenuto più caloroso in molti paesi in via di sviluppo, dove le élite sperano di imparare da un sistema politico che ha permesso la trasformazione della Cina nella seconda più grande economia del mondo. In un numero crescente di fragili democrazie, Pechino ha catturato piccoli gruppi di élite corrotte e le ha aiutate a centralizzare il potere, isolandole dalle richieste della società civile e impiegando la tecnologia cinese per reprimere i loro cittadini e aiutarle a mantenere il potere a tempo indeterminato. Questo è il modo in cui il PCC sta esportando l’autoritarismo in tutto il mondo: non attraverso seminari sull’ideologia marxista, come alcuni analisti hanno sostenuto, ma attraverso una vasta gamma di attività antidemocratiche.

Il PCC non cerca la conformità ideologica, ma piuttosto il potere, la sicurezza e l’influenza globale.

La Cina lo fa meno per il desiderio di diffondere la sua ideologia che per espandere la sua influenza e il suo vantaggio economico. I suoi partner preferiti non sono ferventi aderenti al marxismo-leninismo, ma piuttosto funzionari, leader d’affari, magnati dei media e altri che vedono l’adozione di un modello di governo non democratico che concentra il potere nelle mani di pochi – ed esclude i molti – come una via per un’influenza a lungo termine. Questa preferenza per i collaboratori antidemocratici, insieme alle pratiche di investimento opache e corrotte della Cina, corrode ulteriormente le istituzioni democratiche, poiché gli accordi oscuri conclusi dalle banche cinesi e dalle imprese statali incoraggiano una classe di élite politiche sempre più corrotta e irresponsabile, fin troppo desiderosa di minare la prosperità a lungo termine del loro paese in cambio di un guadagno personale.

La Cina offre più di una semplice ispirazione per un modello di governo non democratico: fornisce gli strumenti, la formazione e le risorse che permettono ai leader di ignorare le richieste dei paesi democratici per il buon governo e il rispetto dei diritti individuali come condizione per gli aiuti e gli investimenti. Il PCC conduce regolarmente programmi di formazione su larga scala per i funzionari stranieri su come guidare l’opinione pubblica, controllare la società civile e attuare politiche di sicurezza informatica in stile cinese nei loro paesi. Un numero crescente di paesi ha tratto ispirazione dalla Cina per perseguire leggi che controllano i social media o per costruire firewall internet sul modello del “Grande Firewall” cinese. La Cina fornisce anche una tecnologia di sorveglianza sempre più sofisticata e un addestramento alla sicurezza interna a governi autoritari e fragili, permettendo loro di sopprimere meglio il dissenso e controllare i propri cittadini. In paesi come l’Uganda e lo Zambia, le organizzazioni legate al PCC hanno condiviso la tecnologia e la formazione con i governi autocratici e autocratici, permettendo loro di monitorare i loro cittadini, imbavagliare i media e la società civile, e imporre regole repressive su Internet.

Il PCC si è anche impegnato in un intervento politico più esplicito, interferendo direttamente nei processi politici di altri paesi sovrani per sostenere politici e politiche favorevoli alla Cina e cooptando gruppi civici locali e giornalisti per contrastare le rappresentazioni negative dell’impegno internazionale della Cina e per proteggere i suoi legami con le élite locali corrotte. Questi sforzi non sono destinati a rovesciare le democrazie o altri regimi ideologicamente dissimili, ma per contribuire a garantire che le politiche e i climi di investimento favorevoli alla Cina prevalgano indipendentemente da chi è al potere. Tuttavia, tali sforzi erodono la responsabilità dei leader nei confronti dei loro cittadini, indeboliscono l’indipendenza dei media e della società civile, e alla fine inclinano il campo di gioco per favorire i leader illiberali che cercano di importare elementi del modello di governo cinese nei sistemi politici dei loro paesi. Questo tipo di invasione politica mantiene la forma di un sistema democratico mentre svuota l’effettiva sostanza di una democrazia funzionante dall’interno, rendendo lo scivolamento verso l’autoritarismo più difficile da rilevare.

In un numero crescente di fragili democrazie, Pechino ha catturato piccoli gruppi di élite corrotte.

Non dovrebbe sorprendere che la visione del PCC di un governo di successo non abbia spazio per controlli indipendenti sul potere statale, come una società civile sostanziale o una sana opposizione. Nel modello che Pechino sta vendendo e che sempre più paesi stanno comprando, il dissenso non è un’espressione legittima di interessi individuali ma un tentativo di sabotare gli sforzi collettivi di costruzione della nazione. L’opposizione, in altre parole, non è partecipazione politica ma sovversione statale. La divulgazione di queste idee in un numero crescente di paesi in via di sviluppo sta aiutando il PCC a realizzare la sua visione di un ordine globale rivisto in cui una pluralità di modelli di governo – sia democratici che autoritari – possono esistere come scelte politiche ugualmente legittime.

L’ultima categoria di azioni internazionali antidemocratiche riguarda quelle volte a indebolire le istituzioni internazionali che infondono norme democratiche e a crearne di nuove che non lo fanno, neutralizzando così i presupposti liberali che prevalgono nell’attuale ordine globale. La Cina usa il peso che ha ottenuto consolidando l’influenza nelle agenzie delle Nazioni Unite per garantire l’allineamento istituzionale con le priorità cinesi: ha esercitato la sua autorità nell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni, per esempio, per promuovere politiche che facilitano l’uso autoritario della tecnologia per reprimere i cittadini. Gli sforzi di Pechino per rovesciare l’attuale ordine liberale – che la Cina vede come un ostacolo al suo emergere come grande potenza – sono senza precedenti. La Cina sta inserendo i propri concetti ideologici e strategie di politica estera nelle dichiarazioni internazionali di consenso, sostituendo i concetti cinesi, come il “diritto allo sviluppo” e la “sovranità di Internet”, con valori più diffusi. Sta anche promuovendo la propria visione dei diritti umani, in cui i governi possono citare presunte condizioni locali uniche per giustificare il mancato rispetto dei diritti individuali o delle minoranze e in cui i diritti civili o politici sono secondari ai cosiddetti diritti economici e sociali.

Presi nel loro insieme, gli sforzi illiberali di Pechino hanno minato la democrazia nel mondo sviluppato, nel mondo in via di sviluppo e nelle istituzioni internazionali e rappresentano un assalto alle norme, alle regole e all’etica con cui il mondo è governato. Essi minacciano di inaugurare un mondo sempre più antidemocratico popolato da regimi che sono legati a Pechino e indifferenti agli interessi degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Tali regimi sarebbero meno responsabili nei confronti delle loro popolazioni, meno impegnati nei diritti individuali, meno responsabili nei confronti delle istituzioni internazionali che sostengono le norme democratiche e i valori universali, e più dediti al controllo e alla soppressione delle informazioni. In breve, se Pechino non sta cercando di rifare il mondo a sua immagine, sta cercando di rendere il mondo più amichevole ai suoi interessi e più accogliente per l’ascesa dell’autoritarismo in generale.

SOPRAVVIVERE

La sfida del PCC alla democrazia richiede uno sforzo concertato e ben finanziato per sostenere le istituzioni democratiche nei paesi vulnerabili di tutto il mondo. Questo sforzo dovrebbe dare priorità al sostegno dei media indipendenti e della società civile, alle misure aggressive contro la corruzione e il riciclaggio di denaro, e agli investimenti in tecnologie che possono penetrare gli spazi digitali chiusi e dare trasparenza ai processi politici. Gli Stati Uniti e i loro alleati dovrebbero anche lavorare per offrire alternative democratiche alle tecnologie autocratiche e alle linee di credito condizionate che la Cina sta vendendo. L’iniziativa Build Back Better World dell’amministrazione Biden, un progetto del G-7 volto a fornire lo sviluppo delle infrastrutture nei paesi a basso e medio reddito che aiuterà a contrastare la Belt and Road Initiative della Cina, è un passo importante nella giusta direzione. Ma le nazioni democratiche possono e devono fare di più per rafforzare collettivamente le democrazie vulnerabili in tutto il mondo.

Le azioni della Cina minacciano di inaugurare un mondo di regimi non democratici che sono legati a Pechino.

Questi sforzi possono funzionare solo se le democrazie sviluppate si ridedicano a fare in modo che i loro sistemi politici funzionino: per mantenere il suo fascino globale, la governance incentrata sui cittadini che accoglie la società civile deve essere vista come funzionale. Le democrazie sviluppate devono anche rinforzare le loro difese politiche e identificare ed esporre proattivamente gli sforzi del PCC per minare i principi della libertà di parola, interferire nei processi politici e cooptare le élite politiche e commerciali. Possono farlo lavorando insieme per inasprire le leggi sull’influenza straniera e sugli investimenti e per incoraggiare le élite a dare priorità all’indipendenza delle loro democrazie rispetto ai loro personali interessi economici in Cina.

Gli Stati Uniti e i loro alleati devono anche mantenere la leadership e la leva nelle istituzioni internazionali che modelleranno il futuro economico e tecnologico del mondo. Cedere la leadership degli Stati Uniti in queste istituzioni fornisce a Pechino facili vittorie. La Cina sta esercitando la sua posizione come ospite della Conferenza Mondiale su Internet, per esempio, per legittimare la sua (molto limitata) definizione di libertà di Internet. Gli Stati Uniti e i loro alleati devono fare di più che presentarsi semplicemente. Devono intraprendere uno sforzo aggressivo e unito per assicurarsi la leadership in queste organizzazioni critiche su tutta la linea.

NESSUN RIMEDIO RAPIDO

La Cina di oggi non è l’Unione Sovietica di ieri. Ma Pechino sta comunque lavorando per amplificare l’autoritarismo nel mondo. Sta svuotando le istituzioni democratiche e potenziando gli strumenti di repressione nei paesi in via di sviluppo. E i leader cinesi stanno lavorando per diluire le norme liberali ed erodere le protezioni dei diritti umani che sono contenute in molte istituzioni internazionali per rendere se stessi – e autocrati simili in tutto il mondo – più potenti e meno responsabili.

C’è un dibattito legittimo da fare sul fatto che la Cina stia agendo in modo offensivo per forgiare un mondo più illiberale o in modo difensivo per rendere il mondo sicuro per il marchio dell’autocrazia cinese. Questa distinzione, tuttavia, può rivelarsi irrilevante se Pechino si sente spinta a raggiungere le società democratiche, a minare le loro istituzioni, a sopprimere e censurare i discorsi che ritiene offensivi, e a erodere le fondamenta della società liberale in tutto il mondo.

In un momento in cui i governi sono alla ricerca di soluzioni rapide alle massicce sfide legate alla pandemia, la fornitura da parte della Cina di risposte illiberali e dei mezzi per ottenerle senza cedere il potere sta alimentando la rinascita globale dell’autoritarismo. La Cina non sta alimentando le fiamme di una rivoluzione violenta o addirittura sostenendo un governo monopartitico. Ma questo non è il metro giusto con cui giudicare le sue azioni. Una misura migliore è guardare la totalità dei modi in cui Pechino sta corrompendo i governi democratici, le società e gli individui.

Gli Stati Uniti e i loro alleati devono rinforzare le loro difese e respingere la Cina coltivando la democrazia sia in patria che all’estero. In caso contrario, potrebbero mettere in pericolo l’attuale ordine internazionale e rendere il futuro poco sicuro per la democrazia.

Originale How China Exports Authoritarianism