Categorie
Non classé

stato di diritto (in Europa?)

La politica deve essere basata sui principi. Il principio fondamentale che professiamo in Polonia e che è alla base dell’Unione europea è il principio della democrazia.

Pertanto, non possiamo rimanere in silenzio quando il nostro paese, anche in quest’Aula, viene attaccato in modo ingiusto e di parte.

L’insieme delle regole del gioco deve essere lo stesso per tutti. È responsabilità di tutti rispettarli, comprese le istituzioni che sono state istituite in quei trattati. Questi sono i fondamenti dello Stato di diritto.

È inaccettabile estendere i poteri, agire per mezzo di fatti compiuti. È inaccettabile imporre ad altri le proprie decisioni senza una base giuridica. È tanto più inaccettabile usare a tal fine il linguaggio del ricatto finanziario, parlare di sanzioni o usare parole ancora più profonde contro alcuni Stati membri.

Respingo il linguaggio delle minacce, del nonnismo e della coercizione. Non sono d’accordo che i politici ricattino e minaccino la Polonia. Non sono d’accordo che il ricatto diventi un metodo di condotta politica nei confronti di uno Stato membro. Non è così che le democrazie fanno le cose.

C’è molto da dire sullo stato di diritto e tutti capiranno questo concetto in modo diverso in una certa misura. Tuttavia, penso che la maggior parte di noi sarà d’accordo sul fatto che non si può parlare di Stato di diritto senza diverse condizioni. Senza il principio della separazione dei poteri, senza tribunali indipendenti, senza rispettare il principio che ogni potere ha competenze limitate, e senza rispettare la gerarchia delle fonti del diritto.

Ma l’Unione Europea non è uno Stato. Gli Stati sono i 27 Stati membri dell’Unione! Gli Stati sono sovrani europei, sono i “padroni dei trattati” e sono gli Stati che definiscono l’ambito delle competenze affidate all’Unione europea.

  • Nell’ordinamento giuridico [nazionale], il primato del diritto dell’Unione non si applica alle disposizioni della Costituzione: è la Costituzione che si trova al vertice dell’ordinamento giuridico interno.
  • Il principio del primato del diritto dell’Unione europea (…) non può ledere nell’ordinamento giuridico nazionale la forza suprema della Costituzione

  • La Costituzione è la legge suprema della Polonia in relazione a tutti gli accordi internazionali che la vincolano, compresi gli accordi sul trasferimento di competenza in determinate materie. La Costituzione godrà del primato di validità e applicazione nel territorio della Polonia
  • Il trasferimento di competenze all’Unione europea non può violare il principio di supremazia della Costituzione e non può violare alcuna disposizione della Costituzione

Se vogliamo lavorare insieme, dobbiamo accettare l’esistenza di queste differenze, dobbiamo accettarle, dobbiamo rispettarci l’un l’altro.

Oggi ci sono due atteggiamenti che possiamo adottare:

  • o possiamo accettare tutti i tentativi extra-legali, extra-trattati di limitare la sovranità dei paesi europei, inclusa la Polonia, all’espansione strisciante delle competenze di istituzioni come la Corte di giustizia, alla “rivoluzione silenziosa” che avviene non sulla base di decisioni democratiche ma attraverso sentenze dei tribunali
  • o possiamo dire: “No, miei cari” – se volete fare dell’Europa un superstato senza nazione, guadagnate prima il consenso di tutti gli europei paesi e società per questo.

Nessuno Stato sovrano può accettare una simile interpretazione. Accettarlo significherebbe che l’Unione cessa di essere un’unione di paesi liberi, uguali e sovrani – e che si trasformerebbe, con il metodo dei fatti compiuti, in un organismo parastatale amministrato centralmente, le cui istituzioni possono imporre alle sue “province “Tutto quello che considerano giusto. Questo non è mai stato concordato.

Non si dovrebbero prendere decisioni importanti modificando l’interpretazione della legge.

Sempre più spesso, attraverso l’attivismo giudiziario, le decisioni vengono prese a porte chiuse e c’è una minaccia per i paesi membri. E sempre più spesso – viene fatto senza una base chiara nei trattati, ma attraverso la loro reinterpretazione creativa. E – senza alcun controllo reale. E questo fenomeno è in crescita da anni.

 

Dichiarazione del primo ministro Mateusz Morawiecki al Parlamento europeo


La Corte costituzionale della Romania ha stabilito che il diritto comunitario non può essere prevalente rispetto a quello nazionale.